EOS presenta la stampante 3D industriale ad alto rendimento Integra P400 per la produzione

EOS è un’impresa tedesca che svolge gran parte del suo sviluppo a Krailling, in Germania. Alcuni anni fa, tuttavia, ha acquisito ALM un produttore statunitense di polveri per sinterizzazione laser selettiva e personalizzata. Con esso arrivò un gruppo di professionisti del settore altamente esperto di ALM e della filiale di servizi di sinterizzazione Integra. Piuttosto che spingere questo team nello stampo tedesco, EOS sembra aver dato loro il margine per sviluppare la propria soluzione di sinterizzazione laser, la Integra P400. Penso che questa sia una cosa profondamente interessante da fare. Di solito, le aziende sono molto al vertice nello sviluppo del prodotto e lasciare che un altro flusso di innovazione porti a un’altra stampante con la stessa tecnologia è una mossa molto interessante. EOS è molto gründlich e molto lontano dal fare cose a caso o in modo frivolo. L’azienda deve avere profondi motivi tecnici e di business per consentire al team statunitense di realizzare la propria stampante.

Se guardiamo al P400, possiamo vedere prima di tutto che sembra molto diverso dai normali sistemi EOS. Anche l’architettura fondamentale è diversa. Il P400 è un sistema modulare e flessibile che deve essere personalizzato per particolari applicazioni e parti finali. Quindi si potrebbe concepire una P400 molto diversa per i soletti TPU rispetto a un sistema configurato per e con i moduli per le guide chirurgiche PA. In realtà, EOS sta rispondendo alle tendenze del mercato qui e mostra una profonda comprensione dell’industrializzazione della stampa 3D. Con la sua architettura P3XX e P1XX, l’azienda sta sviluppando moduli di produzione singolari che possono essere inseriti in un’azienda per la produzione su vasta scala. Il P400 è più di un modulo personalizzato che può essere fatto per ordinare per una particolare applicazione. Entrambe queste opzioni hanno senso in base alla geometria della parte, produttività e in cui l’azienda si trova nel proprio viaggio di industrializzazione della stampa 3D. Offrendo queste diverse architetture EOS sembra essere su una strategia vincente qui. Anche come azienda sembra aver inghiottito il suo orgoglio manifatturiero e se ne è andato con una grande soluzione aggiuntiva.

Gli uffici di assistenza vogliono macchine altamente produttive alle quali è possibile applicare qualsiasi geometria. Ma un’azienda manifatturiera è molto più limitata nella variazione geometrica delle parti. Queste aziende cambiano anche raramente materiali e non fanno una grande varietà di cose. Efficienti volumi di riempimento del volume di costruzione, la giusta velocità di scansione per quella parte e il materiale e le giuste impostazioni contano molto di più per loro. Queste aziende devono stampare su specifiche e preoccuparsi dei tassi di rottamazione e di sei sigma. Non vogliono una soluzione “buona a tutto” vogliono un perfetto per un tipo di stampante cosa. Per le applicazioni ad alto volume nei settori aerospaziale, medicale e di consumo, è il quadro dei costi e il costo per pezzo che in realtà iniziano a diventare fondamentali. Il P400 sembra essere stato costruito per riempire perfettamente questa nicchia (ora piccola, ma non per molto).

Con il team ALM a bordo, la P400 può anche andare ben oltre la PA

“Alta resistenza all’abrasione o chimica, prestazioni a bassa temperatura, elevata elasticità e trasparenza. Costruito per l’alta produttività, la velocità di scansione del settore Integra P 400 è il risultato di una combinazione di tecnologie come la scrittura del cielo, un laser CO2 da 120 Watt e galvanometri digitali con una velocità di 12.700 millimetri al secondo – un miglioramento del 40-50% rispetto alle piattaforme esistenti. La nuova macchina funziona anche a temperature fino a 300 ° C e dispone di un innovativo sistema di rivestimento per applicare il materiale più velocemente con la flessibilità necessaria per elaborare un’ampia gamma di materiali in polvere, tra cui TPU ad alte prestazioni, TPE e il nuovo HT-23. ”
I materiali TPU e TPE per la sinterizzazione hanno una vasta gamma di applicazioni e potrebbero ampliare notevolmente il mercato della sinterizzazione a molte applicazioni suola di scarpe. Inoltre materiali altamente abrasivi come polveri riempite di fibra di carbonio che conferiscono maggiore rigidità per l’industria aerospaziale espanderanno in particolare ciò che viene fatto con la stampa 3D in aerospaziale e difesa. CRP USA il braccio statunitense di CRP Technologiesfa molta produzione con parti automobilistiche, specialmente per autosport. Saranno presto adottati da Integra P400. Questo in sé e per sé non solo parla della serietà di questo come un dispositivo di produzione ma anche del futuro di EOS. CRP produce anche le sue polveri di sinterizzazione. All’inizio, EOS non era completamente aperta alla polvere di qualcun altro utilizzata sulle sue macchine. Nel frattempo, CRP è anche un utente di apparecchiature EOS. Ora includendo il CRP come prima cliente EOS nel Nord America sembra essere più aperto alle polveri altrui sulle sue macchine. Ciò amplierà notevolmente le polveri in offerta per i clienti. Un altro cliente di lancio è Honeywellche è molto serio sull’uso della stampa 3D per la produzione. Immediatamente i miei pensieri si rivolgono al fatto che tradizionalmente EOS ha proibito l’uso delle sue macchine per le armi. Questa posizione di principio è costata milioni alla società, ma è una mossa eticamente molto solida da fare. Integra P400 è un modo per aggirare questo in qualche modo per l’azienda? O Honeywell utilizzerà le macchine in molte delle sue unità aziendali che non producono prodotti per la difesa?

Stewart Davis, Direttore delle operazioni, CRP USA, ha dichiarato:  “Alla nostra prima valutazione di Integra P 400, con tutte le coperture rimosse, era chiaro che stavamo vedendo una macchina mirata alle nostre esigenze. Affidabilità, facilità di manutenzione e flessibilità dei materiali sono tutti indirizzati in un pacchetto semplice. Attendiamo con impazienza il suo arrivo e prevediamo di sfruttarlo nei nostri processi di produzione additiva per aiutarci a continuare a fornire soluzioni nuove e innovative ai nostri clienti. ”
Anche in questo caso, il riferimento alla flessibilità dei materiali indica un’accessibilità del portafoglio di materiali notevolmente ampliata per Integra rispetto alle altre macchine EOS. Dovevi pagare per avere sbloccato il tuo P100, ora acquisti un Integra? L’affidabilità è una metrica spesso propagandata, ma a me interessa l’accentuazione dell’utilità. Molte stampanti 3D sono state costruite per sedersi nelle università, ma i problemi di servizio hanno significato che questi sistemi non possono essere utilizzati in modo ottimale. Se hanno un’architettura di servizio modulare e sono state costruite da zero con il servizio in mente, penso che questo sarà un vantaggio per le aziende manifatturiere.

“Abbiamo progettato Integra P 400 per soddisfare la domanda di stampa 3D pronta per la produzione in serie nel mercato nordamericano”, ha dichiarato Michael Conner, Vicepresidente del servizio presso EOS North America. “L’architettura del design potente e semplice è stata sviluppata in modo tale che un tecnico con una cassetta degli attrezzi possa risolvere la maggior parte dei problemi. Questa semplicità è un fattore chiave che guiderà le organizzazioni ad adottare questa nuova piattaforma polimerica AM “.
Questa facilità di manutenzione con pochi strumenti renderebbe più semplice la manutenzione delle macchine. Come importante, punta anche alla formazione più semplice degli addetti alla manutenzione, che è un collo di bottiglia chiave per l’industrializzazione della stampa 3D.

Le specifiche del sistema sono:

Volume di costruzione: 420 mm x 420 mm x 500 mm
Tipo di laser: 120 Watt CO2
Velocità di costruzione: 25 mm / ora (tipica)
Spessore dello strato: capacità da 0,10 mm a 0,18 mm per strato
Velocità di scansione: fino a 12.700 mm / s (500 in / sec)
Design a doppio rullo: sistema a doppio rullo
Finestra laser intercambiabile rapida
Telecamere IR (imaging termico in tempo reale dell’area di processo): funzionamento più accurato e monitorabile
La velocità di scansione è incredibilmente alta qui e indica una diversa architettura scelta. Il sistema a doppio rullo renderebbe meno tempo di ricopertura e la finestra laser intercambiabile rapida accelererebbe la manutenzione per l’ottica. L’imaging laser in tempo reale dovrebbe significare che questo sistema avrebbe un maggiore controllo e monitoraggio del pool di fusione e attraverso la superficie della camera. Inoltre, il sistema dispone di ” frame intercambiabili, unità finestra laser intercambiabili, unità di sistema di alimentazione multi-box aggiuntive e un adattatore per volume di produzione ridotto attualmente in fase di sviluppo. Gli ordini sono già stati accettati con disponibilità limitata ai mercati del Nord America. “

Le unità di alimentazione multi-box consentirebbero una maggiore produttività e le unità finestra intercambiabili consentirebbero una manutenzione più rapida. Limitare la P400 al Nord America è una mossa interessante ma potrebbe essere un problema di brevetto? O è una tattica per lo sviluppo del mercato? Una cosa molto interessante è che la macchina ha “sky-writing, un laser CO2 da 120 Watt e galvanometri digitali.” I galvos digitali ad alta velocità dovrebbero rendere molto alta la velocità e la resa complessive di questa macchina e il skywriting dovrebbe rendere molto le parti ben definito e migliorare i contorni. La tecnica EOS Skywriting equalizza la velocità di scansione rispetto al vectoring. Con le tecniche di scansione vettoriale, i laser accelerano e rallentano le curve sui contorni delle parti. Ad esempio, una scansione laser può accelerare su una linea retta e rallentare vicino a una curva. Questo rende le parti abbastanza confuse e impedisce la loro precisione complessiva, ma può essere abbastanza veloce. Con Skywriting la velocità di scansione viene equalizzata attraverso il contorno della parte, il gate laser viene effettivamente spento a volte mentre gli specchi di scansione continuano. Il disegno vettoriale è un po ‘come cercare di tracciare un disegno il più velocemente possibile con un pennello e rallentare quando si raggiungono spigoli vivi. Skywriting è più come cercare di tracciare un disegno alla massima velocità complessiva che non ti fa incasinare il disegno. Skywriting è una grande ragione per cui tradizionalmente le parti EOS hanno un aspetto più definito rispetto ad altre parti SLS. Combinare Skywriting con galvos ad alta velocità e un volume di grandi dimensioni potrebbe vedere questo essere un vero vincitore per EOS. La maggiore facilità di manutenzione e le unità modulari che possono personalizzare ed espandere la funzionalità della macchina per un particolare materiale o applicazione sono molto eccitanti. Per me questa è un’introduzione tempestiva al mercato di un cavallo da lavoro personalizzabile potenzialmente fantastico. Questi sono i tipi di dispositivi che veramente industrializzeranno la stampa 3D.

Be the first to comment on "EOS presenta la stampante 3D industriale ad alto rendimento Integra P400 per la produzione"

Leave a comment