EOS e lo stato dell’arte della stampa 3D industriale in America Latina


Già nel 1989, la visione di Hans Langer di passare direttamente dal CAD alla produzione senza strumenti per la fabbricazione di componenti fisici portò alla creazione di Electro Optical Systems ( EOS GmbH ) e rivoluzionò il settore della produzione industriale in Germania. EOS è cresciuta fino a diventare uno dei leader tecnologici globali nella stampa 3D industriale di metalli e polimeri, specializzata nell’interazione tra materiali laser e in polvere e festeggia attualmente 30 anni nel settore.

La stampa 3D industriale sta esplodendo, AM nel settore aerospaziale sta crescendo, la produzione economica e senza attrezzi di componenti leggeri riduce il consumo di carburante, i costi dei materiali e le emissioni di CO2. E che dire del settore automobilistico, la stampa 3D sta aprendo nuove strade nel settore; per non parlare di protesi, protesi mediche, difesa e rinnovabili (solo per citarne alcuni). L’ultimo rapporto di Wohlers 2019 dice che L’industria AM supererà $ 15,8 miliardi, quindi non c’è da meravigliarsi se l’America Latina è diventata un mercato incipiente e promettente per la stampa 3D. L’America Latina ospita circa il 9% della popolazione mondiale (circa 651 milioni di persone), quindi, come altri sviluppatori di macchine, EOS è interessata a penetrare nel cono meridionale, anche se non è un mercato facile, soprattutto rispetto al Nord America, Europa o Asia. Gran parte dell’economia si basa ancora pesantemente su settori tradizionali che coinvolgono risorse naturali come l’agricoltura e il tessile, tuttavia, le opportunità stanno crescendo in tutto il subcontinente e l’America Latina si prevede che il PIL migliorerà nel 2020 grazie a Messico, Brasile, Colombia e Argentina .

“In America Latina, le attività di produzione additiva si stanno sviluppando più lentamente del previsto. Una delle principali ragioni potrebbe essere che sfruttare la tecnologia di stampa 3D richiede investimenti relativamente elevati, che le aziende della regione non sono ancora disposte o meno in grado di investire. Inoltre, è necessario sviluppare competenze di stampa 3D, ma nella regione mancano ancora specialisti AM. Tuttavia, EOS è fiduciosa che questi punti cambieranno nei prossimi due o tre anni, il che significa che sempre più aziende del settore useranno la tecnologia AM per le applicazioni di serie “, ha suggerito Davide Iacovelli, Regional Director South di EOS, a 3DPrint.com.

“In generale, vedo la seguente tendenza: in Europa, sempre più clienti si sono evoluti dalla stampa 3D per la prototipazione all’utilizzo della tecnologia in produzione. Argomenti come l’industria 4.0 sono acceleratori particolarmente importanti e le aziende sono sempre più interessate alla creazione di fabbriche digitali. Questo sta seguendo la nostra visione EOS: crediamo fermamente che la produzione additiva sia una tecnologia chiave per la produzione industriale avanzata ed è la tecnologia per la produzione digitale. In confronto, questo non è il caso dell’America Latina, dove la tecnologia AM viene principalmente utilizzata per la prototipazione o per la ricerca e lo sviluppo universitari “, ha proseguito.

Per quanto riguarda le diverse aree di utilizzo della stampa 3D industriale in America Latina, Iacovelli ritiene che, in generale, le industrie più attive e mature siano quelle mediche e dentistiche, come molti altri esperti hanno confermato a 3DPrint in passato .

“In questi settori, il salto di produzione in serie potrebbe riuscire più velocemente”, afferma, con le corrispondenti applicazioni per corone, ponti e impianti.

Secondo l’esperto, ci sono altre interessanti applicazioni e industrie che spingono la produzione additiva, come l’aerospaziale, che “non è certo da sottovalutare in America Latina, sia nel campo degli aerei che dei satelliti, per citare solo due possibili aree di applicazione. ”

Per EOS, nella regione dell’America Latina, le aree di maggior successo del loro utilizzo del sistema sono il mondo accademico, seguito dai fornitori di servizi (per la produzione di prototipi). Ciò significa che le aree più comuni per la produzione additiva sono ancora la prototipazione, nonché la ricerca e lo sviluppo, e altri campi importanti includono applicazioni mediche e dentistiche in cui le soluzioni specifiche per il paziente sono molto richieste. E con aziende come EOS che forniscono tutti gli elementi essenziali per la stampa 3D industriale, i parametri di sistema, materiale e processo possono essere armonizzati in modo intelligente per facilitare e assicurare un’alta qualità affidabile delle parti stampate.

Iacovelli ritiene che “il petrolio, il gas e le industrie minerarie sono certamente degli scenari interessanti (come le applicazioni offshore nel settore della produzione di energia) in cui possono essere implementati i benefici dell’AM. Anche l’industria automobilistica è un settore importante: circa tre milioni di veicoli all’anno sono prodotti solo in Brasile, quindi il potenziale è enorme. Altri, come i futuri scenari di Industria 4.0 probabilmente impiegheranno ancora un po ‘di tempo, qui vediamo potenziale ma non a breve termine. “

L’industria automobilistica è ben all’interno di una zona di comfort per EOS. Nel 1991, uno dei primi clienti di Langer fu la casa automobilistica bavarese BMW (uno dei primi utilizzatori della tecnologia di stampa 3D), e altri sviluppatori automobilistici ne seguirono l’esempio. Nel 2018, il Brasile ha prodotto oltre 2,8 milioni di veicoli , di tutto, dalle autovetture ai camion e agli autobus, di alcuni importanti marchi globali come Volkswagen, Fiat, GM e Ford. E anche se oggi non è lo stesso di 10 anni fa, con la chiusura di molti impianti, come la più antica fabbrica di autocarri di Ford, molti si aspettano che questo cambierà presto con l’uscita della regione dalla sua attuale recessione.

“Una delle sfide che il mercato in generale deve affrontare è che le aziende in America Latina puntano in genere a un più rapido ritorno sugli investimenti (ROI), in questi tipi di investimenti con macchinari industriali necessari per la stampa 3D, che in Europa. Vediamo anche regolamenti e linee guida locali, diversi dall’Europa, come nel settore medico / dentistico in Brasile. Ciò è particolarmente complesso in quanto quasi tutti i paesi dell’America Latina hanno i propri regolamenti “, ha proseguito Iacovelli.

Nella regione, EOS offre sistemi per la stampa 3D industriale con metalli e materiali polimerici, ogni categoria con volumi di costruzione di dimensioni diverse. Considerano il rapporto in America Latina come il 45% di metallo e il 55% di sistemi polimerici. Nell’area dei polimeri, il sistema EOS P 110 (una macchina ideale per la ricerca e lo sviluppo ma che alcuni considerano perfetto per la produzione) è estremamente popolare con il maggior numero di vendite. In particolare in Brasile, ci sono anche sistemi utilizzati con un’area di costruzione più ampia della famiglia di sistemi EOS P 3, mentre nell’area metallica, la famiglia di sistemi EOS M 2 viene acquistata prevalentemente.

Con vendite che superano le 1.000 unità in tutto il mondo ogni anno, l’azienda potrebbe essere sulla buona strada per espandere questi sistemi AM in America Latina. Tutti i paesi della regione hanno un disperato bisogno di un forte mercato della stampa 3D per aiutarli a cambiare i tradizionali sistemi di produzione e diventare aziende sostenibili che possono crescere a livelli simili a quelli del resto del mondo. Grandi eventi come Inside 3D Printing in Brasile e 3D Print Weekin Argentina può aiutare a modellare il mercato 3D. Affinché aziende come EOS possano prosperare e che la popolazione inizi a considerare i vantaggi della stampa 3D oltre un semplice hobby, è necessario apportare grandi cambiamenti, dai funzionari statali alle aziende leader e agli imprenditori. Ancora più importante, i grandi investimenti nei sistemi AM potrebbero avvantaggiare paesi come Uruguay, Paraguay, Cile e Brasile e portarli alla quarta rivoluzione industriale.

Be the first to comment on "EOS e lo stato dell’arte della stampa 3D industriale in America Latina"

Leave a comment