Elementum 3D ha ottenuto i brevetti di produzione additiva reattiva RAM

Elementum 3D ha ottenuto i brevetti di produzione additiva reattiva
“La nostra tecnologia rivoluzionaria fa avanzare lo sviluppo dei metalli per la produzione additiva ad un ritmo senza precedenti.”

Elementum 3D ha ottenuto brevetti negli Stati Uniti, in Canada e in Australia per la sua tecnologia di produzione di additivi reattivi (RAM), che consente la stampa di materiali precedentemente non stampabili secondo la società.

Si dice che la tecnologia RAM sostenga tutti gli additivi per la produzione di materiali metallici che Elementum sta introducendo sul mercato, dai suoi gradi di alluminio al rame al tantalio. Fornendo materiali che in precedenza non erano lavorabili su piattaforme di produzione additiva in metallo, Elementum ritiene che faciliterà lo sviluppo di nuove applicazioni in settori come quello aerospaziale, automobilistico e della difesa.

Tra i gradi di alluminio che ha sviluppato attraverso la sua tecnologia RAM vi sono l’alluminio 1000, 2024, 6061, 7050 e 7075 (con marchio A1000-RAM2, A2024-RAM2 e così via), tutti basati su leghe lavorate regolarmente utilizzate in precedenza industrie. Mentre la stampa di questi materiali sfornerebbe tipicamente parti con scarse proprietà meccaniche, a causa della rottura della solidificazione, si dice che la RAM formi inoculanti sub-micron nel pool di fusione che nucleano i grani di alluminio per fornire una microstruttura equilatata fine. Ciò conferisce al materiale una buona stampabilità e prestazioni “eccezionali”, per Elementum.

Una lega di alluminio 6061 “standard” non modificata dopo la stampa e la lucidatura. La microfotografia a sinistra mostra un’immagine a basso ingrandimento del piano di crescita lucido e indifferente con la grande struttura a grana e la rete di fessurazioni intergranulari chiaramente visibili. L’immagine a destra mostra una microfotografia con ingrandimento maggiore dello stesso materiale inciso con il reagente di weck che mostra la rete di cracking.

Il materiale stampato Elementum 3D A6061-RAM2 è mostrato con l’immagine a sinistra che mostra una microstruttura priva di crepe con una dispersione di particolato nucleante e rinforzante. L’immagine a destra mostra una vista di ingrandimento più elevata dello stesso materiale inciso dal reagente di weck, rivelando la struttura fine del grano di alluminio equassilato che conferisce al materiale A6061-RAM2 la sua stampabilità e proprietà “eccezionali”.


“La nostra tecnologia rivoluzionaria fa avanzare lo sviluppo dei metalli per la produzione additiva ad un ritmo senza precedenti”, ha commentato il Dr. Jacob Nuechterlein, Presidente e fondatore di Elementum 3D. “Offre agli ingegneri il massimo grado di libertà che non hanno mai sperimentato, ispirandoli a creare nuove e innovative applicazioni.”

Elementum 3D lavorerà anche con i suoi clienti per sviluppare materiali personalizzati su misura per le loro applicazioni, per sottolineare la libertà extra referenze Nuechterlein e aiutare i clienti a ottenere maggiore resistenza, durata e prestazioni, riducendo il peso e il costo delle loro parti prodotte in modo additivo.

Il mese scorso, la società ha ottenuto la certificazione ISO 9001: 2015 per la gestione della qualità , ricevendo allo stesso tempo investimenti da Sumitomo Corporation of Americas attraverso il round di finanziamento della Serie A e vedendo i suoi materiali A6061-RAM2 e A2024-RAM2 approvati per l’uso nella stagione 2021 della Formula 1 .

Be the first to comment on "Elementum 3D ha ottenuto i brevetti di produzione additiva reattiva RAM"

Leave a comment