eForge di Electronic Alchemy

Electronic Alchemy supportato dalla NASA finalizza il prototipo di stampante 3D elettronica eForge

Qualche tempo fa avevamo letto della stampante 3D per elettronica desktop eForge di Electronic Alchemy con sede in Alabama . Tuttavia, tendiamo a rimanere scettici sull’estrusione – in particolare l’estrusione multi-materiale – sistemi desktop che fanno grandi promesse nel mondo dell’elettronica, quindi abbiamo deciso di aspettare e vedere cosa sarebbe successo.

In occasione del nostro nuovo AM Focus sulla stampa 3D elettronica , abbiamo deciso di dare un’occhiata più da vicino ai progressi dell’azienda e qualcosa sembra muoversi nella giusta direzione. Lo scorso luglio, Electronics Alchemy ha rilasciato la stampante eForge versione 1.0, che ora è pronta per il test. La versione 0.6 della stampante è stata consegnata alla NASA, uno degli sponsor del progetto, alla fine di giugno. La versione 1.0 sarà la prima stampante disponibile in commercio di Electronic Alchemy e sarà in pre-vendita il 1 ° ottobre.

Gli elementi primari della stampante prototipo 1.0, mostrati nell’immagine seguente, includono un letto a piattaforma riscaldabile mobile (anteriore e centrale), il blocco estrusore (in alto a destra) e il touchscreen LCD (in alto al centro).

Il blocco estrusore su eForge è caratterizzato da una struttura unica con 8 estrusori, che consente la stampa simultanea di fino a 8 materiali diversi con temperature controllate indipendentemente, fino a 300 ° C.

Il letto di stampa su eForge si livella automaticamente. Può supportare il riscaldamento fino a 120 ° C e ottenere una precisione dell’asse Z di 1,35 micron. La superficie del letto di stampa è in vetro piano. Sul retro della stampante è possibile collegare fino a 8 bobine di materiale a filamento. Ogni bobina di filamento è controllata in modo indipendente e collegata a un singolo estrusore.

Test 1, 2, 3 …
L’attuale stampante prototipo eForge è in grado di stampare fino a tre materiali contemporaneamente. Il modello di produzione completo di eForge versione 1.0 sarà in grado di stampare fino a otto materiali diversi contemporaneamente. I filamenti hanno un diametro di circa 4 mm e sono costituiti da varie miscele proprietarie per la stampa di dispositivi elettronici.

Electronic Alchemy utilizza Autodesk Tinkercad, un altro dei sostenitori del progetto, per impaginare il design dei dispositivi che verranno stampati con l’eForge. Una serie di colori di Tinkercad è stata associata ai sei materiali primari necessari per stampare l’elettronica. Questi sono:

Rosso – direzione
Verde – isolante
Grigio – resistivo
Giallo – capacitivo
Blu – semiconduttore di tipo n
Viola – semiconduttore di tipo p
Stampante 3D elettronica eForge

Nella stampa demo, l’obiettivo era progettare un semplice sensore di pressione guidato capacitivo e stamparlo con l’eForge, quindi eseguire un semplice esperimento per mostrarne le prestazioni. Questo sensore di pressione è un dispositivo a due materiali, che è un dispositivo ideale per dimostrare le capacità della stampante. Per questo dispositivo sono stati utilizzati il ​​grigio e il giallo sul layout di Tinkercad. Una volta completato il layout, il file OBJ risultante è stato esportato in un programma slicer in cui ogni porzione è associata a un estrusore sulla stampante. Il codice G viene quindi prodotto dal programma slicer.


I file del codice G sono stati salvati su un’unità USB e potevano quindi essere selezionati dall’interfaccia touch-screen, proprio come in qualsiasi stampante desktop. Il primo strato di materiale resistivo è stato quindi stampato nella forma desiderata. Seguì la sezione centrale del materiale capacitivo e infine fu aggiunto lo strato superiore di materiale resistivo.

Il dispositivo completo viene infine raffreddato ed estratto da eForge. Ha una superficie di circa 20 × 25 mm e uno spessore di circa 5 mm. Il completamento dell’intera stampa ha richiesto circa 9 minuti.

Una volta completato, il sensore è stato testato applicando un segnale a onda quadra +/- 5 volt 10 kHz attraverso il dispositivo come input mentre si misurava la tensione di uscita attraverso il pad più grande, che essenzialmente costituisce il condensatore.

Questa dimostrazione mostra solo una delle tante potenziali applicazioni per dispositivi che possono essere stampati con l’eForge. Il team di alchimia elettronica prevede di continuare a testare questo e i successivi prototipi, condividendo ulteriori dimostrazioni di stampa.

A giudicare da questa prima stampa di prova, la strada da percorrere per prodotti reali e funzionali potrebbe essere lunga ma la funzionalità è ancora più importante di quanto sembri a questo punto e speriamo che l’eForge incontrerà fortune migliori rispetto ad altri sistemi di stampa 3D di elettronica a prezzi accessibili che sono venuti prima.

Be the first to comment on "eForge di Electronic Alchemy"

Leave a comment