Eden Saadon, la designer tessile di Haifa crea una collezione di biancheria intima utilizzando una penna stampante 3d la 3Doodler

Mentre sempre più designer di moda si affidano alla stampa 3D come metodo innovativo e conveniente per produrre creazioni all’avanguardia, un produttore israeliano è desideroso di dimostrare che less is more. Eden Saadon, la designer tessile di Haifa sta sperimentando nuove possibilità di creazione con una penna da stampa 3D. Un tempo strumento di artigiani dilettanti a casa, le penne di stampa 3D come 3Doodler (lo strumento scelto da Saadon) vengono ora elevate nel regno dell’alta moda, offrendo ai progettisti di tutti gli sfondi un nuovo modo di pensare – o di disegnare – al di fuori degli schemi.

3DLace , la collezione di biancheria intima di Saadon che di recente le ha assicurato una posto in finalista nella competizione Dorothy Waxman di New York Textile Month, è uno di questi esempi di come un semplice strumento di disegno 3D può essere ricomposto per fare grandi cose. Prendendo spunti estetici da antiche civiltà, 3DLace presenta disegni di pizzo delicati ma volumetrici che dettagliano le belle immagini di flora e fauna. La collezione  composta da sette pezzi, che spazia dalle lussuose camicie da notte ai negligé, è ispirata ai disegni degli arazzi di William Morris, all’architettura di Frank Gehry, alle sculture di bambù e carta di Ai Weiwei e agli schizzi corporei di Oskar Schlemmer, dice Saadon.

Eppure, mentre i capi di lingerie sono di grande ispirazione per se stessi, la vera sorpresa è nella tecnica di Saadon. Tutti e sette i capi della collezione sono realizzati in Flexy, una plastica flessibile di 3Doodler che, se fusa in un filo, può essere utilizzata per disegnare e costruire diversi elementi. “Che cos’è la stoffa, dopotutto, ma un tessuto fatto di fili?” Chiede Saadon in modo commovente. Sicuramente ha un punto: nonostante siano fatti singolarmente di plastica, i capi della collezione 3DLace di Saadon sono così leggeri e delicati da essere facilmente  indossabili e immediatamente eletti come haute couture.

Ma ciò non significa che il lavoro di Saardon non sia stato oggetto di critiche lungo il percorso. Scoperta durante l’ultimo anno di Saardon allo Shenkar College of Engineering, Design e Art di Tel-Aviv, la penna da stampa 3D ha scioccato i suoi istruttori di tessuti. La stilista osserva che la sua facoltà era piuttosto incredula quando videro lo strumento rudimentale di Saardon, ma le sue creazioni parlavano da sole: nessuno poteva ignorare l’incredibile potenziale che Saardon riusciva a trarre dalla 3Doodler.

La neolaureata ammette che ci è voluto del tempo per padroneggiare lo strumento, e in realtà creare tessuti a tutti gli effetti da una penna da stampa 3D. Saardon era intento a mostrare il corpo di chi lo indossava con il suo tessuto, che riteneva essere il modo migliore per testare le sue creazioni uniche. Ha iniziato con reggiseni, disegnando tazze e cinturini per vedere se potevano stare insieme e sentirsi a proprio agio. “È una specie di domanda filosofica”, dice. “Una foto di un reggiseno può essere un reggiseno?”

Quando Saardon si è laureata e ha iniziato a lavorare nel settore, ha lavorato direttamente sul manichino, costruendo elaborati schemi e interconnessioni tra ogni pezzo di tessuto plastico. Alla fine, è stata in grado di creare tessuti delicati, simili a ragnatele, che venivano poi pressati a caldo su pezzi di tulle e tessuti a rete.

Saardon sta sicuramente facendo rumore. Ma anche quando le parole si diffondono, il designer israeliano rimane concentrato sul suo lavoro. Per ora, Saardon è tornata a lavorare nel suo studio a casa, dove trascorre 10 ore al giorno per realizzare le nuove idee basate sui suoi tessuti. È un processo meticoloso: mentre i piccoli pezzi possono essere creati in soli 15 minuti, un abito completo richiede diversi giorni di lavoro.

In futuro, possiamo aspettarci accessori e modelli di scarpe che accompagnino la lingerie firmata Saardon. “Non so dove andrò”, dice Saadon a proposito del suo lavoro, “ma è divertente che ci siano mille opzioni.”

 

Be the first to comment on "Eden Saadon, la designer tessile di Haifa crea una collezione di biancheria intima utilizzando una penna stampante 3d la 3Doodler"

Leave a comment