e-NABLE compie otto anni

È difficile credere che siano trascorsi otto anni interi da quando e-NABLE e una lunga e variegata lista di protesi stampate in 3D sono state create; tuttavia, è anche difficile ora immaginare la vita nel regno della stampa 3D senza questa forza trainante sempre al lavoro da qualche parte nel mondo, ispirando così tanti a fare volontariato nella fabbricazione di mani e braccia stampate in 3D gratuite.

Come sottolinea il team di e-NABLE, tuttavia, mentre molti potrebbero vedere questa organizzazione come ruotante attorno agli arti di sostituzione stampati in 3D, in definitiva il focus centrale è tutto sull’essere gentile con gli altri e fare quello che puoi, con quello che hai, dove tu sono … per fare la differenza. “

Mentre sposano tutte queste qualità e altre ancora, migliaia di volontari hanno usato stampanti 3D – a volte le proprie, quelle di una scuola o di un laboratorio – per creare mani e braccia per le persone bisognose. Da tutti i ceti sociali sono emerse molte storie illuminanti, dalle aule STEM che creano protesi e creano sfide per altri studenti , a un gruppo di Istanbul che stampa in 3D protesi colorate per bambini o persone che viaggiano in Nigeria per aiutare un ragazzo bisognoso, e così molto di piu.

” La community di e-NABLE è composta da insegnanti, studenti, ingegneri, scienziati, professionisti medici, armeggi, designer, genitori, bambini, truppe scout, artisti, filantropi, sognatori, programmatori, creatori e persone che vogliono semplicemente fai la differenza e aiuta a “Aiutare il mondo a dare una mano”, afferma l’organizzazione in un recente post sugli otto anni del movimento e-NABLE.

Le origini iniziali di e-NABLE risiedono proprio nel cosplay mentre il designer Ivan Owen ha creato una mano fantoccio per una convention a cui stava partecipando con Jen Owen. La mano era così funzionale – e un tale successo – che continuò con l’idea, ma in una direzione molto diversa dopo aver ricevuto un messaggio che commentava il video di YouTube che aveva pubblicato.

Richard, un falegname in Sudafrica che aveva perso le dita in un incidente di falegnameria, scrisse a Ivan e gli chiese se poteva intraprendere un progetto come progettare una protesi per le dita. Richard aveva provato il percorso fai-da-te ma aveva bisogno dell’aiuto di qualcuno con esperienza reale. Hanno lavorato tramite Skype, e-mail e posta ordinaria.

“Durante il processo di progettazione, hanno dovuto utilizzare oggetti che potevano trovare sia nelle loro case che nei rispettivi paesi. A volte ciò implicava oggetti come tubi di carta igienica, scarti di pelle, fascette, lacci da pesca, elastici, tubi chirurgici, nastro adesivo e vari altri oggetti che potevano trovare ”, afferma e-NABLE.

Jen ha iniziato a scrivere sul blog sul progetto e sui suoi progressi, e presto hanno attirato l’attenzione dei media. Comunicare attraverso misure on-line non era abbastanza verso la fine del lavoro di Ivan e dei necessari adattamenti con Richard, così iniziarono a cercare finanziamenti con una campagna di crowdfunding e ricevettero anche miglia frequenti da un donatore. Ivan è andato in Sudafrica e ha completato il prototipo con un solo dito. Insieme a questo progetto, Ivan stava anche lavorando a una mano per un bambino di cinque anni, anch’egli residente in Sudafrica, di nome Liam.

Una volta completato il prototipo di Richard, i due uomini iniziarono a dare gli ultimi ritocchi a una protesi per Liam, e poco dopo, Liam e la sua famiglia furono invitati a casa di Richard per vedere la nuova protesi. Liam è stato anche in grado di aiutare con gli ultimi ritocchi alla sua protesi. Nota, tuttavia, questo è stato prima che Ivan scoprisse un piano praticabile per la stampa 3D!

“È stato realizzato con barre di alluminio, rivetti, viti, tubi di rame, lenza e alcuni materiali termoplastici. Mentre era ingombrante, imbarazzante e mancava ancora un pollice, Liam è stato in grado di legarlo al braccio e raccogliere una palla e altri oggetti per la prima volta nella sua vita “, afferma e-NABLE.

Sia Richard che Ivan iniziarono a discutere dei piani per nuove protesi poiché Liam avrebbe inevitabilmente, e rapidamente, superato quello che aveva. Makerbot ha donato due stampanti 3D, permettendo a Ivan e Richard di lavorare a distanza da quando Ivan è tornato a casa, ma è stato in grado di inviare i file di progettazione a Richard. Poteva quindi stampare in 3D le parti e assemblare i prototipi che Liam poteva provare. Hanno soprannominato il primo “Robohand”. Hanno anche realizzato l’incredibile potenziale che avevano di fronte a loro per aiutare una moltitudine di bambini (e persone di tutte le età) bisognosi.

“Hanno preso la decisione collettiva di rinunciare a qualsiasi potenziale per trarre profitto da questo progetto e, invece, lo hanno pubblicato su Internet come file di dominio pubblico open source in modo che chiunque, in qualsiasi parte del mondo con accesso a una stampante 3D, potesse fare uno per se stessi o qualcun altro nel bisogno “, afferma e-NABLE.

È stato creato un sito Web formale , i volontari hanno iniziato ad allinearsi e il resto è storia. Durante questo arco di otto anni, molti utenti diversi hanno usato la loro creatività e il loro talento ingegneristico per stampare in 3D una gamma di protesi – tra cui uno dei più popolari è lo stile da supereroe – uno che incoraggia davvero i bambini più piccoli a indossare i dispositivi che sono stati realizzati per loro, senza sentirsi autocoscienti; infatti, spesso sentono l’esatto contrario e sono entusiasti di mostrare le loro dita, mani o braccia protesiche.

I volontari sono stati anche coinvolti in Hand-a-Thons e in altre entusiasmanti sfide . Dal 2014 in poi, c’è stato un boom del design, che ha portato a nuovi dispositivi come la versione mioelettrica . Avanti veloce fino alla fine dello scorso anno, con oltre 10.000 membri coinvolti e l’uso di Enable Web Central, un sistema online che abbina i destinatari ai produttori.

“A partire da novembre 2019, quasi 7 anni dopo la creazione del primo dispositivo per Liam in metallo e materiali di scarto, ci sono state circa 7000 mani e braccia stampate in 3D create e donate a bambini e adulti bisognosi in oltre 100 paesi in tutto il mondo . Ci sono circa 30.000 volontari e-NABLE (compresi studenti e insegnanti) che stanno aiutando a fare la differenza nelle loro comunità locali, cliniche e scuole in tutto il mondo. ”

Be the first to comment on "e-NABLE compie otto anni"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi