È giunto il momento per l’industria marittima di abbracciare i pezzi di ricambio stampati in 3D?

Perché l’industria marittima dovrebbe abbracciare la stampa 3D per i pezzi di ricambio.

In un articolo intitolato ” È giunto il momento per l’industria marittima di abbracciare i pezzi di ricambio stampati in 3D? “Una coppia di autori sostiene che il settore delle spedizioni potrebbe trarre vantaggio dalla stampa 3D dei pezzi di ricambio. L’industria marittima, sottolineano gli autori, è tipicamente conservatrice quando si tratta di cambiare, ma offre diversi motivi per cui questo settore, in particolare, potrebbe essere ben servito abbracciando la stampa 3D. Le navi operano spesso lontano da impianti di riparazione e stoccaggio di pezzi di ricambio, quindi la capacità di produrre pezzi di ricambio direttamente a bordo delle navi potrebbe essere estremamente utile.

Gli autori esaminano anche diversi altri settori in cui la stampa 3D è stata utilizzata con successo nella produzione di pezzi di ricambio, tra cui l’industria aerospaziale. I vantaggi che l’industria aerospaziale ha visto includono una migliore efficienza energetica, riduzioni delle emissioni, una migliore gestione della progettazione e tempi di produzione inferiori. La riduzione dei costi di inventario è un altro vantaggio, in quanto i produttori possono produrre pezzi di ricambio quando e dove sono necessari piuttosto che mantenere un magazzino pieno di parti che possono o non possono essere utilizzate.

090513-N-8104B-135 NORFOLK (May 13, 2009) Sailors aboard the multi-purpose amphibious assault ship USS Bataan (LHD 5) man the rails as they depart from their homeport of Norfolk on a regularly scheduled deployment. Bataan is the flagship for the Bataan Amphibious Ready Group and the 22nd Marine Expeditionary Unit. (U.S. Navy photo by Aviation BoatswainÕs Mate Airman George Benson/Released)

L’industria marittima non è completamente estranea alla stampa 3D e gli autori evidenziano alcuni casi in cui la tecnologia è già stata utilizzata con successo. Menzionano un progetto del 2016 chiamato “3D Printing Marine Spares”, che è stato avviato dal Innovation Quarter, dal Port of Rotterdam Authority e da RDM Makerspace con la partecipazione di 28 aziende e agenzie.

“Facendo uso di tre diversi processi di produzione, sono stati sperimentati i vantaggi dei vari metodi per la produzione additiva e la maturità della tecnologia”, affermano gli autori. “Così il progetto ha portato una grande quantità di informazioni sullo stato attuale e prossimo futuro della stampa 3D come metodo alternativo per la produzione di parti marittime.”

Il progetto ha concluso che la stampa 3D è promettente per una varietà di pezzi di ricambio. Tuttavia, è necessario ulteriore lavoro per adeguare i regolamenti al fine di qualificare parti stampate in 3D. Gli autori menzionano anche il progetto WAAMpeller , in cui diverse organizzazioni hanno lavorato insieme per fabbricare l’elica della nave stampata in 3D, approvata per la prima volta al mondo. Poi c’è il consorzio Green Ship of the Future , che coinvolge più di 20 partner del settore che esplorano le opportunità per la stampa 3D nel settore marittimo.

La Marina degli Stati Uniti ha anche utilizzato la stampa 3D con grande successo in numerosi casi di manutenzione.

“La manutenzione ha fornito alla Marina il tempo necessario per installare in modo permanente e testare una stampante 3D a bordo”, affermano i ricercatori. Nel frattempo, i membri dell’equipaggio a bordo della nave sono stati impegnati a stampare qualsiasi cosa, dalle siringhe di plastica, ai tappi dei serbatoi dell’olio, a modellare gli aerei usati per il prototipo del ponte di volo. La Marina degli Stati Uniti sostiene che sono ancora diversi anni lontani dall’essere in grado di stampare i pezzi di ricambio reali per gli aerei o la nave stessa, ma è certamente un buon punto di partenza. “

Gli autori hanno condotto diverse interviste con persone che lavorano nell’industria marittima. La maggior parte degli intervistati aveva un’idea di cosa fosse la stampa 3D e quasi tutti avevano una visione positiva della tecnologia; alcuni erano scettici, ma non negativi.

“La loro preoccupazione principale era se il pezzo di ricambio prodotto dalla AM fosse paragonabile alla parte prodotta con il metodo tradizionale”, spiegano i ricercatori. “Un’altra preoccupazione era il costo della macchina AM e il costo per costruire la parte.”

Uno scafo sottomarino in 3D stampato dalla US Navy

Ci sono diversi problemi da affrontare, continuano, tra cui la ricerca del miglior processo per l’uso a bordo di una nave, la protezione della proprietà intellettuale e la formazione del personale nella tecnologia. Nel complesso, tuttavia, concludono che la stampa 3D è una tecnologia “promettente” e che dovrebbe essere presa seriamente in considerazione dall’industria marittima.

Gli autori del documento includono E. Kostidi e N. Nikitakos.

Be the first to comment on "È giunto il momento per l’industria marittima di abbracciare i pezzi di ricambio stampati in 3D?"

Leave a comment