DWS Systems la nuova stampante 3d XCELL 6000 SLA

DWS Systems presenta la nuova stampante 3d XCELL 6000 SLA  con moduli di lavaggio e polimerizzazione UV incorporati
La società di stampa 3D italiana DWS Systems ha presentato il suo ultimo prodotto, la stampante 3D XCELL 6000 . La nuova macchina, presentata a formnext 2017, offre agli utenti una soluzione all-in-one per la stampa 3D  stereolitografica (SLA).

In altre parole, XCELL 6000 non è solo una stampante 3D SLA, ma integra anche attrezzature per il lavaggio e l’essiccazione UV. La società afferma che queste caratteristiche rendono la sua nuova stampante 3D la “prima cella di lavoro integrata”.

Ciò significa che, una volta che un utente ha inviato un file 3D alla stampante per la produzione, non è necessario alcun intervento fino a quando la parte non è stata stampata in 3D, lavata e sottoposta a trattamento UV. Come si può vedere in una dimostrazione video della macchina, il braccio rotante centrale di XCELL immerge semplicemente il piano di stampa nei moduli di lavaggio e UV e voilà: ecco una parte finita.

Diamo ora un’occhiata a cos’altro può fare la nuova stampante SLA 3D di DWS Systems. XCELL 6000 è alimentato da tre driver di base e integra l’intelligente tecnologia XPOD di DWS, che è descritta come “un nuovo concetto di cartuccia intelligente con gestione avanzata del materiale”.

Più in particolare, il sistema di cartucce XPOD migliora la gestione e l’utilizzo del materiale restituendo automaticamente la resina non utilizzata nella cartuccia al termine di un processo di stampa. Ciò significa che gli utenti non devono preoccuparsi di sprecare materiali di stampa 3D e possono trarre vantaggio da un processo di stampa più pulito e semplificato.

In termini di specifiche, il nuovo XCELL 6000 vanta un volume di costruzione di 200 x 150 x 200 mm e uno spessore di strato compreso tra i 10 e i 100 μ (a seconda del materiale utilizzato). La stampante 3D è compatibile con una vasta gamma di materiali DWS professionali, esclusi quelli per applicazioni specifiche come l’odontoiatria o la progettazione di gioielli.

Infine, con un ingombro complessivo di ø 900 x 1400 mm, la nuova macchina XCELL 6000 può adattarsi alla maggior parte degli spazi in ufficio o in officina.

“Questo è un momento molto emozionante e determinante per la nostra azienda”, ha commentato Maurizio Costabeber, General Manager di DWS. “Per oltre due decenni siamo stati pionieri e abbiamo influenzato i segmenti dell’industria manifatturiera additiva con i nostri sistemi e i materiali di stereolitografia innovativi a vantaggio dei nostri clienti.”

“Oggi stiamo adottando misure coraggiose per rendere la produzione additiva 4.0 realistica e accessibile attraverso i nostri nuovi prodotti innovativi”, ha aggiunto.

La nuova stampante XCELL 3D è proposta in una serie di formati diversi, ognuno adatto a una gamma di applicazioni specifiche. Ad esempio, il sistema SLA all-in-one XCELL 6000SD è più adatto per applicazioni nel design industriale e anche per la produzione di parti funzionali, di oggetti di design che richiedono caratteristiche estetiche, di modelli e di prototipi.

XCELL 6000HD viene commercializzata per la progettazione di gioielli e in particolare per modelli solidi di design, filigrana e dettagliati. Infine, XCELL 6000PD è stata realizzata per la produzione dentale, compresi i modelli per stampi, fusione diretta, modelli per la produzione di allineatori, modelli di impronte, guide chirurgiche; quadri parziali; modelli di impianti per analoghi; restauri provvisori (corone e ponti).

Be the first to comment on "DWS Systems la nuova stampante 3d XCELL 6000 SLA"

Leave a comment