DUS Architects ad Amsterdam presenta la Urban Cabin

DUS Architects presenta  il ” l’Urban Cabin ” di Amsterdam

Dus Architect Urban Cabin 05In tutto il mondo, dalla Cina alla Slovenia, un numero crescente di studi di architettura, imprese di costruzione, e anche i responsabili ambiziosi si rivolgono alla tecnologia di stampa 3D come strumento per costruire l’infrastruttura innovativa e conveniente. Quello che una volta era iniziato come più di un’idea concettuale sta cominciando a diventare utilizzabile. Abbiamo già visto l’apertura di un palazzo d’uffici  completamente stampato in 3d a Dubai, mentre un ingegnere, della Baylor University, Alex Le Roux, ha progettato e costruito la propria stampante 3D in calcestruzzo, che ha utilizzato per costruire una casa vivibile in meno di 24 ore. Un intero villaggio in Italia è ancora in fase di stampa

Sembra che la tecnologia di stampa 3D stia rapidamente diventando uno strumento molto valido per architetti e designer per pianificare, prototipi e strutture da sogno. Uno dei più ambiziosi fra questi progetti di costruzione è il Canal House, una casa stampata in 3D ad Amsterdam è attualmente in fase di creazione dallo studio olandese DUS Architects. Lo studio di architettura ha  progettato anche il viale di accesso stampato in 3D come parte del  progetto Europe Building, che è un 3  edificio riciclabile stampato in 3d che è stata eretto per ospitare temporaneamente incontri ufficiali organizzati dai ministeri olandesi durantei ‘sei mesi di Presidenza Europea dell’Olanda.”  E, anche se stanno ancora lavorando ada  tre anni nella Canal House, DUS Architects utilizza la tecnologia di stampa 3D per altri più piccoli, ma ugualmente innovativi progetti.

L’ultima impresa del gruppo di architetti è la Urban Cabin da stampare in 3D, relativamente piccola realizzata con materiale bio-plastico sostenibile. La cabina 3D stampata si trova all’interno di una ex area industriale di Amsterdam, ed è accompagnata da una vasca da bagno all’aperto anch’essa stampata in 3d. La Urban Cabin è parte di un progetto più ampio denominato 3D Print Living It, che è stato lanciato da DUS Architects al fine di esplorare l’uso della stampa 3D per l’architettura accessibile e sostenibile su misura all’interno di ambienti urbani.
Secondo il team di DUS Architects, la Urban Cabin è fatta di un materiale nero “biologico  di stampa”, che è in grado di essere triturato  e riutilizzato per nuovi progetti. Il bio-materiale utilizza olio di lino come sua componente principale, ed è stato sviluppato in collaborazione tra il team DUS Architects e la Henkel , il colosso chimico inglese.

La Urban Cabin è certamente una piccola struttura, con una superficie totale che misura  appena 25 metri cubici. Ancora, la cabina  è strutturalmente solida, anche grazie a dalle sporgenze angolari che sono state modellatedurante il disegno.

Il team di progettazione utilizza  anche una piccola quantità di calcestruzzo per la superficie del pavimento, che tampon  una griglia di motivi geometrici e si protende nel percorso di ciottoli disposti al di fuori della cabina. Sebbene la mini cabina stampata in 3D abbia solo abbastanza spazio per un letto a due dimensioni, la squadra ha fatto in modo di aggiungere un mini-veranda al disegno, così come un vasca stampata in 3D posta nel giardino accanto alla struttura.
La Urban Cabin è stata progettata da Hans Vermeulen, Martine de Wit, Hedwig Heinsman, Martijn van Wijk, Inara Nevskaya, Ivo Toplak, Peter Hudac, e Foteini Setaki, ed è stata stampata e assemblata con l’aiuto di Jasper Harlaar, Sven de Haan, Ina Cheibas, Joe Platt, e Nathalie spade.
Secondo il team, la Urban Cabin può essere prenotata per un breve soggiorno, consentendo alle persone di  fuggire alla vita della città senza mai lasciare Amsterdam. Per quanto riguarda DUS Architects, il progetto Urban Cabin dimostra come questi architetti innovativi sappiano cavalcare lìonda della nuova tecnologia.

Be the first to comment on "DUS Architects ad Amsterdam presenta la Urban Cabin"

Leave a comment