Dquid la scheda Harware alternativa ad Arduino ma per professionisti

Scheda Dquid 05DQUID CREATIVITÀ E BUSINESS MADE IN ITALY

Ormai avete deciso, il futuro per il vostro business è l’Internet delle cose? Grazie a un minimo di fantasia e al collegamento tra lo smartphone e il web volete dare una nuova vita agli oggetti prodotti dalla vostra azienda?
In questo caso, la soluzione esiste ed è made in Italy, concepita e realizzata da DQuid, una giovane azienda di Reggio Emilia specializzata nelle tecnologie per l’Internet degli oggetti.

Maker Entrepreneurs
DQuid IO (distribuita da Graphiland, prezzi dai 40 ai 100 euro, www.graphiland.it) è una scheda hardware concepita per consentire ai prodotti d’uso comune l’accesso alla Rete e il dialogo tra loro. A differenza di Arduino l’interfaccia è pensata più per i programmatori e le applicazioni industriali e meno per i makers e gli smanettoni del nuovo millennio.
Con DQuid IO e dei sensori di prossimità e luminosità è possibile per esempio – tramite smartphone – gestire in remoto macchine del caffè, forni, e più in generale tutti gli elettrodomestici, ma anche animare a distanza tagliaerba, distributori automatici e dispositivi medici. “DQuid con le sue tecnologie sta dando vita a un ecosistema digitale, in grado di mettere imprese, sviluppatori e maker nella condizione di innovare prodotti, servizi e processi attraverso la tecnologia digitale” spiega Marcus Di Stefano, responsabile commerciale Graphiland. DQuid fornisce anche un’app (iOs e Android) e una piattaforma web per la configurazione degli oggetti e la condivisione di dati e know-how.

Pronti? Plug e Via
Il DQuid IO è studiato per essere installato in tre fasi: Plug, Tag and Share.
Con Plug s’intende l’operazione con cui si potenzia fisicamente un apparecchio collegandolo con la scheda hardware DQuid IO necessaria a renderlo “connesso in Rete”.
È denominata Tag invece la successiva programmazione (grazie ad un SDK dedicato) che consente all’oggetto d’avere una sua identità digitale tramite metodi e proprietà con cui gli sviluppatori sono in grado d’interagire.
Share è invece il reale e nuovo utilizzo del prodotto, attraverso il collegamento a Internet.
Per stimolare i più creativi e mettere a disposizione da subito gli strumenti per le prime operazioni, Graphiland ha introdotto nella confezione del DQuid IO una sorta di developer kit. La versione comprende sensori ambientali, attuatori e pulsanti, utili per cimentarsi nella prototipazione e la digitalizzazione degli oggetti. L’IoT (Internet of Thing) quindi ora è a portata di tutti gli imprenditori, resta da capire come sfruttarlo al meglio per ampliare il proprio business, ma a noi italiani si sa, le buone idee non mancano.
Se avete confidenza con la stampa 3D, esiste anche una versione di DQuid IO pensata per le scuole, i centri di formazione e i FabLab. La versione è studiata per la realizzazione di un timer-pomodoro hi-tech creato tramite stampa 3D (modello per la stampa incluso).

di Lino Garbellini da digitalic.it

Be the first to comment on "Dquid la scheda Harware alternativa ad Arduino ma per professionisti"

Leave a comment