L’uniforme da Cheerleader pomo della discordia per decidere il concetto di copyright il caso alla Corte Suprema americana portata da Formlabs, Shapeways e Matter and Form nel caso di Star Athletica contro Varsity Brands

Le aziende di stampa 3D chiedono alla Corte Suprema dei chiarimenti su caso del copyright sulle uniformi da cheerleader

caso di copyright per il design sulle divise da cheerleader 2La stampa 3D ora staziona a Washington, e per una questione legale molto insolita che potrebbe interessare tutti noi. Le aziende di stampa 3D Formlabs, Shapeways e Matter and Form l’azienda di scansione 3D con sede a Toronto e fornitore di stampa 3D hanno inviato la memoria volontaria alla Corte Suprema degli Stati Uniti, alla ricerca di chiarimenti su un problema di copyright in una  sentenza della Corte d’Appello . Questa nuova sentenza potrebbe avere un effetto enorme sulla stampa 3D fai da te e sul design, in quanto sostiene che i disegni che non sono al 100 per cento utilitaristici possono essere protetti da copyright. Questo pone la totalità dei disegni stampabili 3D con elementi non strettamente funzionali a rischio ed espone l’intera comunità stampa 3D ad azioni legali.

In particolare, la memoria volontaria si concentra sul caso di Star Athletica contro  Varsity Brands, che la Corte Suprema ha già accettato di ascoltare. Il caso in sé ruota attorno a delle uniformi di cheerleader, ma potrebbe avere ampie conseguenze per il diritto d’autore in generale. La questione risale al 2010, quando il giovane fornitore di uniformi per cheerleader Star Athletica ha pubblicato il suo primo catalogo di uniformi. E’ stata immediatamente denunciata da Varsity Brands che ha sostenuto che le nuove divise violavano i loro disegni protetti da copyright.

Non abbiamo mai visto una uniforme da cheerleader stampata in 3d, quindi questo potrebbe sembrare irrilevante per la comunità di stampa 3D. Ma l’anno scorso,  la  Corte d’Appello ha stabilito che Star Athletica haviolato il diritto d’autore di Varsity affidandosi a una forma completamente nuova di logica giuridica: la Corte ha affermato che la forma del vestito e la posizione delle strisce e delle linee possono essere protette da copyright. E’ un concetto completamente nuovo la divisibilità: Se il nucleo di una divisa può essere separato dalle parti creative, può essere protetto da copyright. Poiché la divisa può esistere come un abito bianco semplice, senza aggiunte, delle strisce, le linee, i colori, i pulsanti e le decorazioni sono tutte forme di espressione creativa. “Un top cheerleading bianco puro e una gonna bianca piana ancora coprono il corpo e permettono a chi lo indossa di fare il tifo, saltare, e fare capriole “, i giudici hanno detto nella loro decisione.

Questo cambia il diritto d’autore considerevolmente, il governo degli Stati Uniti non ha mai permesso i diritti d’autore sui cosiddetti ‘articoli utili’, che comprendeva l’abbigliamento fino al 2015. In risposta, Star Athletica ha portato il caso fino alla Corte Suprema. “[La decisione] aggrava e sconfigge la negazione ben riconosciuta dal Congresso sulla  protezione del copyright per i disegni di abbigliamento o delle uniformi, nonostante la lobbying da parte del settore dell’ abbigliamento-design che opera da più di un secolo”, ha detto la società nella propria petizione. “[Con questa nuova decisione] i progettisti industriali possono rivendicare la protezione del copyright per le pieghe sulle gonne da tennis, i modelli di bottono sulle camicie da golf, e sulle macchie di colore sulle divise di Football.”

Anche se questa sentenza colpisce inizialmente i vestiti, le conseguenze per gli oggetti stampati in 3d e altri disegni sono immense. In teoria, tutto dallo spazzolino da denti ai  cuscini per le sedie possono essere protetti dal diritto d’autore applicando questo nuovo ragionamento. Un astuccio stampato in 3d che fa qualcosa di strettamente diverso dal tenere una matita in un luogo può essere protetto da copyright. Si tratta di una spinta enorme per i proprietari di copyright con grandi capacità economiche che possono ora iniziare a denunciare le persone, non solo per i disegni copiati (come ad esempio una stampa di una fioriera ), ma per una fioriera che assomiglia alla fioriera coperta da copywright.

Dato che questo può avere un impatto enorme sui repository di file stampabili 3D come Thingiverse, l’azione doveva essere intrapresa. Formlabs, Shapeways e Matter and Form sono specificamente alla ricerca di chiarezza su come separare i disegni creativi, dai  disegni protetti da copyright dagli oggetti utili non protetti. Nella memoria volontaria, le società spiegano che la legge sul copyright è impantanato in una zona grigia significativa. “Il caso in questione rappresenta un’opportunità fondamentale per risolvere questa situazione di incertezza e rimuovere il blocco all’ innovazione,” le aziende scrivono. “Nel settore dell’abbigliamento che vale  330.000.000.000 di dollari  , l’impostazione di questa Corte darà ‘i punti di riferimento analitici standard a tutti i tribunali  per determinare la difesa del copyright’  e potrebbe ‘portare ad una maggiore prevedibilità quando si tratta di determinare le parti nei diritti e nelle passività.'”

Una lampada non è soggetta a copyright, ma un design della gamba lo è.

Matter and Form inoltre sostiene che questo ponunciamento è necessario per ottenere una  idea cooretta di quello che la stampa 3D potrà legittimamente fare. “Per quanto la capacità di scansione 3D e di stampa 3d  sia a disposizione dei consumatori di tutti i giorni, una prova d’autore chiara è l’unico modo per garantire che le aziende e i clienti possonoutilizzare  in modo sicuro l’intero valore di questa nuova tecnologia”, hanno detto in un comunicato.

Quindi anche se le uniformi da cheerleader sembrano essere del tutto estranei alla stampa 3D, l’impatto di questo caso può essere enorme. Mentre queste tre società sono i primi a farsi avanti con questo problema, una gran parte del settore della stampa 3D sarà senza dubbio anche a mantenere un occhio vicino sui procedimenti del caso. Insieme con l’Apple v. Il caso di Samsung su angoli arrotondati del telefono, che si sta dirigendo verso la Corte Suprema alla fine di quest’anno, potrebbe cambiare radicalmente il modo in cui la proprietà intellettuale viene rivendicata.

Be the first to comment on "L’uniforme da Cheerleader pomo della discordia per decidere il concetto di copyright il caso alla Corte Suprema americana portata da Formlabs, Shapeways e Matter and Form nel caso di Star Athletica contro Varsity Brands"

Leave a comment