Distribuzione geografica delle stampanti 3D più industriali del mondo

Da dove vengono le stampanti 3D più industriali del mondo? Geografia di stampa 3D
Sembra che la stampa 3D stia diventando piuttosto ben distribuita in tutto il mondo, mentre emergono rapporti di stampanti 3D anche in comunità remote e aree sottosviluppate. Tuttavia, quando si osserva più da vicino, si scopre che la stampa 3D è abbastanza limitata a una manciata di paesi, almeno in termini di produzione di stampanti 3D. In uno studio dal titolo ” La geografia della stampa 3D “, un gruppo di ricerca esamina la distribuzione delle aziende di stampa 3D in tutto il mondo.

“L’industria della stampa 3D è un settore interessante da studiare perché gli sviluppi in questo settore stanno accadendo mentre internet esiste”, affermano i ricercatori. “Ciò significa che questa è forse la prima volta nella storia che si può seguire la diffusione globale dell’innovazione e lo sviluppo di un’industria ad alta tecnologia. Inoltre, poiché l’industria è ancora relativamente giovane, può ancora essere supervisionata in termini di numero di società attive “.
I ricercatori hanno posto quattro domande relative alle principali aziende che producono stampanti 3D industriali:

Dove sono stati fondati? E, in relazione a ciò, qual è la densità nazionale per queste aziende?
Quando sono stati fondati?
Cosa ha portato alla fondazione in quel luogo?
Per spin-off accademici; a quale università si riferisce e come sono classificate?
Lo studio dimostra che esiste un’alta concentrazione di aziende di stampanti 3D industriali negli Stati Uniti, in particolare sulla costa orientale, e in Europa. Alcune società esistono in Asia, così come una in Israele. Nessuna azienda di stampanti 3D di rilievo esiste in America Latina, Africa o Australia. È interessante notare che vi è un numero inferiore di società nella regione della Silicon Valley rispetto al nord-est degli Stati Uniti. Le principali società studiate erano situate in soli 12 paesi.

“Il confronto con la classifica degli indicatori high-tech dimostra che molte delle società sono basate in paesi che sono stati precedentemente considerati come aventi una posizione high-tech”, aggiungono i ricercatori.
Si noti che questo studio si concentra sui principali produttori di stampanti 3D industriali; ci sono altre aziende in fase iniziale e non ancora consolidate in molte altre località come Singapore, Taiwan e Svizzera.

Il 60% delle aziende studiate aveva meno di 20 anni, mentre il 30% aveva meno di 10 anni. Ciò non sorprende, poiché la stampa 3D è ancora un settore relativamente nuovo. È esistito sin dagli anni ’80, ma negli ultimi due decenni ha preso veramente il vapore, per così dire.

Osservando i 30 maggiori produttori di stampanti 3D industriali, sono emerse cinque categorie:

Aziende esistenti prima della stampa 3D e adottate solo in seguito, come HP
Aziende che sono state fondate come una fusione tra altre due aziende con conoscenza della stampa 3D, come AddUp
Startup tradizionali
Spinoff aziendali
Spin-off accademici
Circa il 20% delle aziende studiate erano spinoff accademici e quasi la metà si formava come spinoff aziendali.

Secondo i ricercatori, ci sono diverse implicazioni dai risultati dello studio. Innanzitutto, le aziende che sono già attive nel settore si troveranno di fronte a concorrenti aggiuntivi, ed è probabile che queste aziende saranno spinoff aziendali o accademici. In secondo luogo, sia per le società esistenti che per i nuovi operatori del settore, è importante pensare all’acquisizione di tecnologia.

“In terzo luogo, in relazione alla componente geografica, l’acquisizione di tecnologia potrebbe provenire anche dalle università”, concludono i ricercatori. “Lo studio fornisce alcune informazioni sulle università che hanno avuto un ruolo … Tuttavia, questo è un insieme molto limitato e le aziende dovrebbero cercare altre università di alto livello per la ricerca che potrebbero portare a ulteriori conseguenze o opportunità di acquisizione di tecnologia nella stampa 3D.”
Gli autori del documento includono Harm-Jan Steenhuis, Xin Fang e Tolga Ulusemre.

Be the first to comment on "Distribuzione geografica delle stampanti 3D più industriali del mondo"

Leave a comment