DiManEx e La Lightyear One, il prototipo di auto sostenibile per 5 passeggeri con 60 componenti stampate in 3d

La società olandese DiManEx utilizza una rete di partner AM per integrare la stampa 3D nelle catene di approvvigionamento industriali e ha appena annunciato che il suo ultimo collaboratore è Lightyear , una società anch’essa con sede nei Paesi Bassi che produce la prima auto a lungo raggio alimentata a energia solare. Chiamato subito Lightyear One, il prototipo di auto sostenibile per 5 passeggeri è stato recentemente presentato al pubblico e presenta oltre 60 parti interne stampate in 3D, grazie alla piattaforma di fornitura digitale DiManEx.

“Sapevi che tutte le auto del mondo hanno combinato circa nove trilioni e mezzo di chilometri all’anno – e la maggior parte di loro sono auto a combustione. E per cambiare questa è una sfida così immensa che è quasi spaventosa “, ha detto il CEO e co-fondatore di Lightyear Lex Hoefsloot nel video. “Nonostante ciò, abbiamo iniziato a fare piccoli passi avanti e nel 2012 abbiamo costruito la prima auto solare a quattro posti. E abbiamo partecipato a concorsi e, grazie agli alti e bassi, la nostra fiducia è cresciuta sul fatto che potremmo essere in grado di fare qualcosa per questo enorme problema. Ecco perché nel 2016 ci siamo seduti a progettare un’azienda da zero, un’azienda che avrebbe avuto un grande impatto in 10-15 anni. “

Nel tentativo di rendere la mobilità pulita disponibile a tutti nel mondo, indipendentemente da dove si trovino, l’azienda pluripremiata ha raccolto oltre 20 milioni di euro da sovvenzioni, prenotazioni e investimenti negli ultimi due anni, compresi i recenti finanziamenti dal Programma Orizzonte 2020 dell’Unione europea. Lightyear utilizza un design ad alta efficienza energetica e celle solari integrate per creare auto elettriche che, a seconda del clima, possono percorrere fino a 20.000 km all’anno.

Secondo Hoefsloot, Lightyear sta “applicando una mentalità efficiente alla mobilità”.

Uno dei principi fondanti di Lightyear è l’efficienza, quindi la società in rapida crescita ha cercato partner con una mentalità simile per aiutare nella creazione di un prototipo di veicolo ad alta velocità e alta qualità. Lightyear ha incontrato DiManEx a marzo e, a giugno, aveva già utilizzato la sua piattaforma di fornitura digitale per ottenere dozzine di parti stampate 3D interne prima del lancio.

“La produzione additiva consente di eseguire molte iterazioni e di ottenere rapidamente le parti. Siamo in grado di trasformare la catena di approvvigionamento per aziende come Lightyear. Forniamo ciò di cui hanno bisogno molto più velocemente senza quantità minime di ordine e consentendo modifiche all’ultimo minuto al volo “, ha spiegato il COO DikEx Henk Jonker sulla piattaforma di fornitura end-to-end basata su cloud dell’azienda. “Non sono necessari investimenti in attrezzature o capitale circolante legato. È una soluzione senza problemi che si traduce in meno sprechi, il che è completamente in linea con la filosofia di entrambe le nostre aziende. Siamo molto orgogliosi della velocità con cui abbiamo consegnato i componenti per il team Lightyear e siamo entusiasti di vedere ogni componente riunirsi per formare un’auto magnifica, la prima nel suo genere. È stata una grande collaborazione con risultati eccellenti. ”

La piattaforma di fornitura digitale DiManEx per la produzione 3D distribuita è accessibile da qualsiasi parte del mondo con il semplice clic di un pulsante, rendendola un’ottima soluzione per produttori e aziende ad alta intensità di componenti, come Lightyear, che desiderano stampare in 3D piccole serie e prodotti industriali parti.

Lightyear ha progettato le oltre 60 parti stampabili in 3D per il prototipo Lightyear One, mentre DiManEx le ha create attraverso la sua rete di partner AM. Poiché le due società si trovano entrambe nello stesso paese, le parti interne dell’auto stampate in 3D potrebbero essere fornite in soli 4-10 giorni, a seconda della complessità della parte e del lavoro di post-elaborazione necessario.

Molte parti hanno dovuto essere sostituite; erano prototipi, dopo tutto. Ma come abbiamo visto prima, la stampa 3D è una tecnologia ideale quando si tratta di apportare modifiche ai pezzi prototipo e di incorporarli anche per meno soldi.

Con un impianto di produzione a Helmond, Lightyear prevede di aprire un nuovo ufficio quest’estate. Il suo modello Lightyear One entrerà in produzione nel 2020.

Be the first to comment on "DiManEx e La Lightyear One, il prototipo di auto sostenibile per 5 passeggeri con 60 componenti stampate in 3d"

Leave a comment