DigiTool il consorzio sta utilizzando la produzione additiva per consentire la rigenerazione a basso costo nel settore degli stampi in Gran Bretagna

PROGETTO DI PRODUZIONE ADDITIVA DA 1,2 MILIONI DI STERLINE PER RIDURRE I COSTI NEL SETTORE DEGLI STAMPI E DEGLI UTENSILI ATTRAVERSO LA RIGENERAZIONE

Un consorzio di sette aziende e organizzazioni sta utilizzando la produzione additiva per consentire la rigenerazione a basso costo nel settore degli stampinel Regno Unito, nell’ambito di un progetto biennale da 1,2 milioni di sterline finanziato dal Consiglio di strategia tecnologica del Regno Unito Innovate UK . Il progetto, denominato DigiTool, è stato creato per aiutare a combattere costose sostituzioni e riparazioni di stampi, con l’obiettivo di estendere la durata e le prestazioni funzionali utilizzando la produzione additiva e altre nuove tecnologie.

L’ Advanced Forming Research Center (AFRC) dell’Università di Strathclyde sta fornendo la tecnologia di produzione additiva a DigiTool con la sua macchina ibrida Laser Metal Deposition (LMD), che è anche in grado di eseguire lavorazioni CNC. Toolroom Technology Limited (TTL), un fornitore di soluzioni software chiavi in ​​mano con sede nel Regno Unito, sta guidando il progetto, e altri partner includono Applied Tech Systems (ATS), Hybrid Manufacturing Technologies (HMT), INSPHERE Ltd e Kimber Mills International , tutte specializzate nelle aree di produzione avanzata.

Stephen Fitzpatrick, responsabile della lavorazione meccanica e additiva presso l’AFRC, ha commentato: “Gli investimenti sono stati lenti nel settore degli stampi e degli stampi, il che ha reso difficile per le organizzazioni con risorse limitate ripensare il loro processo di produzione”.

“TRAMITE IL NOSTRO FRAMEWORK DIGITALE DI PRODUZIONE ADDITIVA, FORNIREMO A QUESTE AZIENDE L’ACCESSO A NUOVE RICERCHE, TECNOLOGIE E INTUIZIONI A BASSO COSTO”.

Il consorzio e il suo progetto DigiTool hanno lo scopo di aiutare le organizzazioni di tutte le dimensioni ad adottare la produzione additiva, la lavorazione adattiva e l’industria 4.0, fornendo quindi loro la possibilità di ricostruire le matrici usurate o danneggiate.

Utilizzando nuove tecnologie e processi, come la produzione additiva, le aziende nel settore degli stampi e degli stampi possono superare i costi di sostituzione e riparazione delle parti mediante rigenerazione. Ciò aiuterà le imprese a risparmiare sui costi e sui materiali, migliorando contemporaneamente la loro sostenibilità con meno sprechi.

“Il consorzio sta portando diverse aree di competenza al progetto, che si spera di migliorare la concorrenza in tutto il settore attraverso l’adozione di innovazione e nuove tecnologie”, ha aggiunto Fitzpatrick.

Utilizzando la piattaforma LMD Hybrid Machine, il consorzio sta attualmente studiando la produzione additiva e le soluzioni adattative per la rigenerazione delle aree danneggiate sugli stampi. Le aree usurate vengono identificate utilizzando la scansione e la metrologia, dopo di che la matrice viene rigenerata utilizzando la produzione additiva. Le prove iniziali del progetto sono già state completate e attualmente è in corso l’analisi di uno stampo per la rigenerazione in un’applicazione ferroviaria di Kimber Mills.

Significativamente, la LMD Hybrid Machine è una macchina CNC legacy retrofittata con tecnologia di produzione additiva , sviluppata per dimostrare alle PMI che possono adottare la produzione additiva usando le loro tecnologie CNC esistenti senza spendere soldi per una macchina completamente nuova. La macchina ibrida LMD di ARFC si inserisce all’interno del framework DigitTool, che mira a fornire un’unica piattaforma digitale per l’integrazione di nuove tecnologie per le PMI. “Molte aziende del settore possono già disporre di una macchina che può essere adattata per integrare la deposizione di metalli laser, consentendo loro di aggiornare le attività correnti e di risparmiare sui costi di acquisto di una macchina nuova di zecca”, ha spiegato Fitzpatrick.

I pezzi di ricambio e le riparazioni rappresentano un’importante area di implementazione per la produzione additiva. Diverse industrie hanno impiegato la tecnologia per aiutare a riparare i componenti, e ora con il progetto DigiTool, la produzione additiva viene utilizzata per rivoluzionare le riparazioni nel settore degli stampi e degli stampi, nonché attraverso la rigenerazione.

Be the first to comment on "DigiTool il consorzio sta utilizzando la produzione additiva per consentire la rigenerazione a basso costo nel settore degli stampi in Gran Bretagna"

Leave a comment