Diana Garcia-Alonso di Ultimaker pronti per la rivoluzione

L’industria della stampa 3D dovrebbe prendere nota: proprio come Heston Blumenthal ha trasformato i concetti tradizionali di ciò che è possibile con gli ingredienti culinari, Diana Garcia-Alonso di Ultimaker sta preparando una tempesta simile dal quartier generale della società a Geldermalsen, nei Paesi Bassi.

Le basi:

” Nata e cresciuta in Spagna, ho approfondito il mondo dell’ingegneria quando ho iniziato all’Università di Malaga . Studiando Ingegneria Industriale, mi è stata fornita una solida base multidisciplinare, dall’ingegneria meccanica all’elettronica. È stato durante questa esperienza che ho avuto la fortuna di non avere una volta, ma per ben due volte, l’opportunità di trascorrere un anno all’estero; ad entrambe le opportunità semplicemente non potevo opporre un rifiuto!

Come tale, dopo un anno come studente di scambio presso l’ Università di Guelph in Ontario, in Canada, ho iniziato il mio M.Eng. progetto di ricerca presso il Laboratorio di Ingegneria delle superfici presso l’Istituto Nazionale di Tecnologia di Buenos Aires, Argentina. La sensazione di essere arricchita da qualcosa di nuovo e potenzialmente sconosciuto è rimasta impressa in me ed è qualcosa che ha sicuramente supportato il mio lavoro professionale da allora. È stato in questo momento che ho appena saputo che volevo continuare il percorso di ricerca e ho preso l’eccitante decisione di fare un dottorato in materiali e lavorazioni.

Sviluppo delle competenze

Con una chiara attenzione all’elaborazione dei materiali e all’esperienza di un anno come ricercatrice nella metallurgia delle polveri delle leghe di alluminio, la mia successiva opportunità consisteva in un trasferimento in Irlanda, per iniziare il mio dottorato di ricerca alla Dublin City University . Il progetto dell’UE (NOVELSCAFF) che ha inquadrato il mio dottorato di ricerca ha affrontato una serie di sfide su come fabbricare strutture fatte di biomateriali appositamente progettati per aiutare la rigenerazione di ossa o tessuti molli, utilizzando tecnologie di produzione innovative. Sebbene mi fossi focalizzata sulle tecnologie di rivestimento, ho lavorato insieme ad altri studenti di dottorato che stavano sviluppando progetti di stampa 3D, aprendo gli occhi sul potenziale della produzione additiva per la prima volta.

Successivamente, dopo una breve sosta in Francia, ho fatto l’emozionante trasferta nei Paesi Bassi nel 2010, dove ho ottenuto una posizione di post-dottorato per 4 anni presso l’ Università Tecnica di Eindhoven , ed è qui che vivo da allora. Avendo lavorato con diverse tecniche di elaborazione e materiali diversi per un’intera gamma di applicazioni diverse, tra cui biomedicale, energia, aeronautica e trasporti, ero pronto ad assumere un nuovo ruolo in cui poter superare nuove sfide. Come tale, nel 2015 mi è stata offerta un ruolo in Ultimaker , dove per la prima volta ho lavorato in prima persona nel campo della stampa 3D!

Unendomi come Senior Materials Engineer, mi occupavo della creazione e conduzione di un team per esplorare nuovi materiali; comprensione e ottimizzazione del processo di stampa per le applicazioni di destinazione in diversi settori. Questo è stato un processo affascinante per me, supervisionando l’introduzione di nuovi concetti nell’industria nascente che è la stampa 3D; ed è stato ancora più eccitante far parte di un’azienda che sta crescendo come se fosse alimentata a razzo!

Mi sento estremamente fortunata a far parte dello sviluppo di questi nuovi materiali e ad avere la capacità di testimoniare come stanno avendo un così grande impatto sul settore, compresi quelli che verranno, e forse quelli che non possiamo nemmeno immaginare al momento . Nel suo aspetto più fondamentale, questi nuovi materiali avranno un impatto significativo sulla produzione additiva e sul modo in cui vediamo il panorama produttivo attuale, aprendo nuove menti a nuove possibilità. Le cose stanno cambiando ed è emozionante farne parte!

L’espansione del portafoglio materiale Ultimaker è stata un compito impegnativo che il mio team e io abbiamo dovuto affrontare, ma la sfida più difficile è stata creare consapevolezza per l’importanza del processo di stampa. In effetti, l’unico modo in cui posso descrivere quanto sia importante per noi investire tempo nella ricerca del processo di stampa, è attraverso un’analogia di cucina.

Cibo per la mente

Pensate a noi come a degli chef, definendo la ricetta giusta per creare la migliore esperienza culinaria possibile. I filamenti sono i nostri ingredienti, l’hardware è rappresentato dagli utensili da cucina, il processo di stampa è la chimica che succede al cibo quando lo cucini. La conoscenza e il controllo di quel processo di stampa è la vera arte, che distingue qualcosa che è commestibile da un buon pasto!

Il nostro software Ultimaker Cura può essere visto come la casa editrice di un libro con le migliori ricette approvate che hanno il sapore migliore se messe insieme dalla piattaforma affidabile e accessibile di Ultimaker. Proprio come Heston Blumenthal lavora duramente per spingere i confini in cucina, il nostro team ha lavorato instancabilmente per raggiungere quel momento “sì”, riunendo ogni componente per sviluppare una stampa di successo. Questo processo consente a Ultimaker di superare la concorrenza; abbiamo l’esperienza, l’hardware, il software Ultimaker Cura e i materiali! Il mio team lavora per stabilire i requisiti per gli altri reparti di ricerca e sviluppo di Ultimaker, assicurandoci di ottimizzare le soluzioni future che mirano a specifiche applicazioni.

Sebbene la tecnologia Fused Deposition Modeling (FDM) sia stata adottata abbastanza rapidamente, non è stata senza le sue battaglie. C’è ancora molto potenziale nella stampa 3D FDM da scoprire e, se vogliamo massimizzarlo, significa investire in applicazioni potenzialmente costose per innovare realmente e guidare il cambiamento su scala globale. È importante investire nell’ottimizzazione dei materiali per la stampa 3D, perché quando lo facciamo, l’output del processo è ulteriormente migliorato.

Stiamo lentamente assistendo ad alcuni interessanti miglioramenti, in quanto le aziende e le aziende chimiche che producono materie prime si aprono a queste opportunità. Questi sono grandi sviluppi per il mio team e aziende come Ultimaker, che possono offrire consigli incredibili, a livello strategico, sui materiali e l’elaborazione della stampa.

Il lavoro di squadra rende il lavoro dei sogni!

Poiché il nostro portafoglio di materiali Ultimaker cresce rapidamente (da 3 a 10 materiali in 2 anni) e la ricerca sul processo di stampa diventa sempre più critica per gli sviluppi futuri, è stato importante per me creare una squadra diversificata, con un equilibrio eccellente in genere e nazionalità. Questo è qualcosa su cui abbiamo lavorato instancabilmente, e sono orgoglioso di ciò che abbiamo raggiunto, di quanto siamo arrivati ​​e del sostegno che abbiamo ricevuto dal team di leadership di Ultimaker. Da solo io e un altro tecnico, siamo diventati 12 professionisti (di cui 5 donne e 6 nazionalità) con una vasta gamma di background tecnici. Come ho scoperto nel corso della mia carriera, la diversità in una squadra è una parte così importante della scoperta, dell’innovazione e della produttività, proprio come cuochi di diversa provenienza portano i loro ingredienti e metodi in cucina per guidare l’innovazione. Mentre ci sforziamo di raggiungere i nostri prossimi obiettivi e continuare a crescere come azienda, non vedo l’ora di mettere in atto i prossimi passi per espanderci ulteriormente.

Voglio continuare a costruire la squadra in modo uguale. Al momento le quattro donne che lavorano al mio fianco hanno un alto grado di responsabilità, che è eccellente. Tuttavia, questo non è privo di sfide, poiché lavoriamo in un settore naturalmente dominato dagli uomini.

La generazione più giovane

Le abilità, le capacità e i diversi interessi dei bambini sono attivati ​​in una fase molto precoce del loro sviluppo. Attualmente, la maggior parte dei giochi per bambini legati alla strategia e alle scienze sono rivolti ai giovani ragazzi, lasciando poche opportunità alle giovani ragazze di scoprire il fantastico mondo della scienza e della tecnologia. Questi giochi non riescono a interessare le ragazze, segmentandole dal settore; quindi, non c’è da meravigliarsi che non siano spesso attratti dal mondo della tecnologia! Questo stigma deve essere rimosso; i bambini devono essere incoraggiati a giocare e conoscere una serie di verticali, abbattendo le barriere dello stereotipo di genere. Come donne nel campo, abbiamo un ruolo enorme da svolgere, dobbiamo aprire le menti delle giovani ragazze alle possibilità della tecnologia e dell’ingegneria.

Al momento, la tecnologia 3D è accessibile, è potente e in continua evoluzione! Ma abbiamo bisogno dell’aiuto della prossima generazione per espandere questa evoluzione e consentire ancora più possibilità. Non possiamo avere paura di uscire dalla nostra zona di comfort e di dire di sì a nuove opportunità. È questa capacità di immergerci in nuove idee e nuove culture che formeranno le nostre capacità e daranno vita a un nuovo modo di pensare. Senza entrare nello sconosciuto e correre dei rischi non sarei mai arrivato dove sono oggi, e non avrei mai avuto l’opportunità di preparare una tempesta a Ultimaker!

Be the first to comment on "Diana Garcia-Alonso di Ultimaker pronti per la rivoluzione"

Leave a comment