Diabase H-Series stampante 3D ibrida

Diabase Engineering presenta la stampante 3D ibrida desktop H-Series e la macchina CNC

Diabase Engineering ha offerto ai possessori di stampanti 3D un’opzione completamente nuova nel 2016, quando ha introdotto Flexion Extruder , un estrusore aggiuntivo che prometteva di offrire a qualsiasi stampante 3D capacità di stampa 3D industriale. Alcuni mesi più tardi, la società ha aggiornato l’estrusore dandogli funzionalità a temperatura più elevata. L’estrusore è stato popolare e famoso per Diabase Engineering, fondato un paio di anni fa dall’inventore di NinjaFlex Stephen Heston.

Ora Diabase ha fatto un passo avanti nel mercato delle stampanti 3D con la H-Series, che è più di una stampante 3D: è una macchina ibrida che combina capacità di produzione sia additiva che sottrattiva. La serie H è progettata come un centro di lavoro verticale, con un ambiente di costruzione aperto e una gamma di opzioni di presa di forza che consentono l’utilizzo di materiale tondo, rettangolare o in lamiera come materia prima. Include mandrini raffreddati ad aria e movimento coordinato a 5 assi, che consente l’utilizzo di percorsi utensile sottrattivi avanzati. Ulteriori sottosistemi e allegati consentono il controllo dell’ambiente di processo, la scansione e la misurazione, la pulizia degli ugelli e altro.

Le macchine di produzione ibride stanno diventando sempre più comuni in quanto i produttori realizzano la convenienza di avere la stampa 3D e la lavorazione CNC in un unico posto. In genere, le parti vengono stampate in 3D approssimativamente su una forma quasi netta, quindi ripulite e lavorate alla forma finale. Questo processo è uno spreco basso e ad alto rendimento che consente parti accurate con finitura superficiale di alta qualità, sebbene richieda anche che la macchina abbia una maggiore massa e rigidità per rimanere precisa con carichi di utensili altamente vibrazionali.

La serie H è leggermente diversa. Piuttosto che completare una parte stampata in 3D e poi lavorarla, la macchina crea additivamente e in modo sottratto in fasi successive: inizia con un foglio, una lumaca o altra materia prima, poi allontana alcune funzioni, ne aggiunge altre e le sgrassa in modo sottratto prima di aggiungere più in un vero processo ibrido. Questo processo è più veloce e più prevedibile in termini di proprietà meccaniche.

La serie H è dotata di un sistema di cambio utensile che può contenere fino a cinque estrusori Flexion, oltre a un controllo wireless, un involucro e un armadio filamento riscaldato.

Secondo Diabase Engineering, la serie H è adatta per la produzione a breve termine, non solo per la prototipazione. Le sue dimensioni del desktop lo rendono una macchina conveniente per l’ufficio o la piccola officina, e Diabase lo descrive come adatto per prosumer e istituzioni.

Sempre più produttori stanno realizzando i vantaggi della produzione ibrida. Mentre la stampa 3D è una tecnologia efficace a sé stante, l’utilizzo della lavorazione CNC a fianco rende più veloce, più pulito e nel complesso più efficace. La H-Series non è la prima stampante ibrida 3D e una macchina CNC ad entrare nel mercato, né è la prima macchina ibrida desktop, ma il suo nuovo processo di produzione additiva e sottostringa uno dopo l’altro lo distingue dagli altri.

Poiché la stampa 3D si allontana dallo strumento di prototipazione e diventa uno strumento reale per la produzione, macchine come questa aiutano a portare la tecnologia in avanti in qualcosa che sia più efficiente ed efficace. La serie H sarà presto disponibile da Diabase Engineering; è possibile iscriversi sul sito Web della società per essere avvisati quando è disponibile.

Be the first to comment on "Diabase H-Series stampante 3D ibrida"

Leave a comment