Desktop Metal storia biografia

Quando una startup privata ha un valore di $ 1 miliardo, si trasforma magicamente in un bellissimo unicorno (o così dice la leggenda). Nello spazio della stampa 3D, ci sono tre di queste creature una è Desktop Metal.

Con sede a Cambridge, in Massachusetts, Desktop Metal è stata fondata nell’ottobre 2015 con l’obiettivo di introdurre la stampa 3D in metallo a basso costo, facile da usare e sicura per l’ufficio nel mondo della produzione. Da allora fino ad aprile 2017, questo era praticamente tutto ciò che era noto al pubblico sulla nuova startup. Dietro le porte chiuse, tuttavia, la società stava facendo il giro con alcuni investitori molto grandi, raccogliendo quasi $ 100 milioni nei round di finanziamento da Serie A a C che includevano GE Ventures, Saudi Aramco Energy Ventures, BMW iVentures e Lowe’s Ventures.

Sebbene il primo prodotto non sia stato annunciato fino alla primavera del 2017, gli investitori potrebbero essere stati in parte fiduciosi del gruppo dirigente dell’azienda. Desktop Metal è stata fondata da Ric Fulop e altri sei, principalmente provenienti da SolidWorks e MIT. Lo stesso Fulop era socio accomandatario di North Bridge, guidando gli investimenti della Serie A in Onshape e Markforged. La stessa Northbridge è stata coinvolta nei round di finanziamento della Serie A di numerose startup di successo acquisite da società più grandi, come Revit, SolidWorks e SpaceClaim, acquistate rispettivamente da Autodesk, Dassault e Ansys. Con la sua precedente azienda, A123 Systems , la tecnologia commercializzata Fulop si è sviluppata al MIT e l’ha lasciata con una capitalizzazione di mercato di $ 1,5 miliardi (la società in seguito è fallita).

Quando alla fine ha mostrato la sua mano, Desktop Metal ha rivelato non uno ma due sistemi di stampa 3D: il sistema Studio e il sistema di produzione. La prima è una macchina desktop che utilizza un processo chiamato Bound Metal Deposition (BMD) per stampare in 3D parti verdi realizzate con polvere di metallo legata all’interno di una matrice di plastica. Una volta stampata, la parte verde viene posizionata in una fornace che brucia il legante, lasciando una parte metallica densa. Le strutture di supporto sono facilmente rimosse a mano, non viene mai esposta polvere allentata all’utente e non sono coinvolti laser, il che lo rende adatto all’uso in ufficio, secondo la società. Le fasi di debinding e sinterizzazione richieste, tuttavia, sarebbero difficili da eseguire in sicurezza nella maggior parte degli uffici.

Ric Fulop con il DM Production System

Il sistema di produzione utilizza un processo di getto del legante chiamato Single Pass Jetting (SPJ) in cui un agente legante viene depositato sulla polvere di metallo. Si distingue dalla tecnologia utilizzata da ExOne in quanto esegue tutte le fasi di stampa necessarie — spargendo polvere di metallo, compattandola e depositando il legante — in un unico passaggio prima di invertire la direzione e stampare un altro strato. Durante il processo di stampa, vengono depositati anche “agenti anti-sinterizzazione”, rendendo la post-elaborazione più semplice ed economica. Una volta completata, la parte o le parti verdi vengono sinterizzate in un forno a microonde.

Poiché SJP non sta sprecando tempo a compattare la polvere con un processo di ricopertura separato, la tecnologia raggiunge velocità fino a quattro volte più veloci rispetto ad altri processi di getto del legante. A Formnext 2018, Desktop Metal ha annunciato miglioramenti nel suo sistema di produzione che includeva un aumento della velocità di stampa del 50 percento e un aumento del 225 percento del volume di costruzione a 750 x 330 x 250 mm.

Entrambi i sistemi si basano sulla polvere di metallo del settore dello stampaggio a iniezione di metalli (MIM), il che significa che esiste una quantità potenzialmente maggiore di materiali disponibili per queste stampanti rispetto alle tradizionali stampanti 3D in metallo. Diverse centinaia di tipi di lega sono provvisoriamente stampabili, anche se ognuno richiede dei test prima che vengano ufficialmente rilasciati dalla società. Entrambi i sistemi costano anche meno di $ 500.000, con Studio in esecuzione per $ 120.000 e la produzione in esecuzione per $ 360.000 al momento del rilascio, senza l’attrezzatura aggiuntiva inclusa.

Desktop Metal ha iniziato a spedire i suoi sistemi Studio alla fine del 2017 e ha consegnato il suo primo sistema di produzione all’inizio del 2019. Secondo quanto riferito, l’azienda ha avuto difficoltà a consegnare i sistemi e i clienti hanno avuto problemi a creare parti sui sistemi. Da allora, non solo ha annunciato materiali aggiuntivi, ma anche processi di stampa 3D.

Prima di Formnext 2019, la startup ha presentato la sua piattaforma Fiber , una versione desktop del posizionamento automatico delle fibre. La sostituzione della fibra micro automatizzata di Desktop Metal (μAFP) utilizza due testine di stampa, una per la stampa 3D in materiale termoplastico e un’altra per la posa del nastro di rinforzo in fibra.

Qui vale la pena notare che Desktop Metal ha turbato la storia con Markforged , che è stato il primo sul mercato con una stampante 3D in fibra di carbonio. Come accennato in precedenza, Fulop era seduto a bordo di Markforged prima di lanciare la sua startup per la stampa 3D. Mentre il processo μAFP offre una visione distintiva della stampa in fibra di rinforzo, è notevole che una società chiamata Desktop Metal svilupperebbe un processo di stampa in fibra polimerica. Nel frattempo BMD ha una sorprendente somiglianza con una tecnologia sviluppata da Markforged chiamata produzione additiva di diffusione atomica (ADAM).

Entrambe le macchine stampano parti usando metallo infuso in una matrice termoplastica che viene poi sinterizzata in una fornace per creare una parte metallica completamente densa. Desktop Metal ha citato in giudizio Markforged per violazione di brevetto e ha perso con Markforged il lancio di una contropiede che è terminata con un accordo. Desktop Metal ha accettato di astenersi dal denigrare ADAM o subire una sanzione di $ 100.000. Markforged ha quindi fatto nuovamente causa, affermando che Desktop Metal ha distribuito materiale promozionale denigrando i suoi prodotti a oltre un centinaio di rivenditori, il che avrebbe comportato una multa di $ 100.000 in ciascun caso. Questa causa più recente è stata resa pubblica a luglio 2019 e le notizie sulla sua risoluzione non sono ancora state rilasciate.

L’unicorno continua. Nel suo ultimo e più grande round di finanziamento (guidato da Koch Industries), nel gennaio 2019, Desktop Metal ha raccolto $ 160 milioni, portando il totale a $ 438 milioni. Ha anche sviluppato un software chiamato Live Parts , progettato per generare automaticamente progetti stampabili. Più recentemente, a Formnext 2019, l’azienda ha presentato il suo Shop System, una stampante SJP che si adatta tra Studio e sistemi di produzione. Con la disponibilità generale prevista nell’autunno 2020, la versione 4L (350 x 220 x 50 mm) arriva a $ 150.000, mentre il 16L (350 x 220 x 200 mm) arriva a $ 225.000.

Di tutti e tre i nostri unicorni di stampa 3D, Desktop Metal è il più recente, il che significa che ha anche avuto il minor tempo sul mercato, il che significa che la sua valutazione di oltre $ 1,2 miliardi è forse la più basata sulla speculazione e almeno sulle prestazioni del mondo reale. Per alcuni unicorni tecnologici in passato, questo ha portato solo alla prova che gli unicorni non esistono realmente. Per Desktop Metal, dovremo vedere se i loro sistemi effettivamente rendono la produzione di parti metalliche stampate in 3D facile, sicura ed economica come promesso.

Be the first to comment on "Desktop Metal storia biografia"

Leave a comment