Debra Keenahan artista affetta da nanismo e le sue sculture stampate in 3d

Artista affetta da dwarfismo (nanismo ) scansioni in 3D e stampa in 3d  sculture di se stessa per provocare  domande sulla differenza.
L’artista australiana Debra Keenahan sta ponendo una serie di domande con la sua nuova grafica stampata in 3D. L’artista, che è nata con l’acondroplasia , ha creato una serie di sculture stampate in 3D di dimensioni medie, che sono disposte in modo da guardare gli spettatori.

Conosciuta come “Little Big Woman: Condescension”, la collezione artistica solleva delle domande su come le persone con il dwarfismo sono viste nell’attuale società – Keenahan dice che è troppo familiare con l’abbassamento, letteralmente, da parte delle  persone che incontra – e come i nani sono stati trattati e raffigurati durante la storia.

“Un’occhiata,  sguardi furtivi, punti, risate, e talvolta insulti e abusi – e tutto quello che voglio  è solo camminare lungo la strada”,  dice . “Il mio dwarfismo non mi disabilita. Ciò che mi crea problemi è l’atteggiamento delle persone rispetto al dwarfismo “.

Il pezzo d’arte affascinante, che sarà presto esposto al Big The Anxiety Festival tenuto al Museo Powerhouse di Sydney, è stato realizzato in parte grazie alle tecnologie di scansione 3D e alla stampa 3D.

La visione di Keenahan è stata quella di creare sculture di se stessa che imitando lo stile delle sculture classiche  cattura  lo sguardo condiscendente / peggiore che spesso riceve dalle persone che incontra.

“Non sono un bambino, quando questa posizione è adottata, so come vengo vista e come mi si parla”, commenta. Creandosi come quella con lo sguardo condiscendente, sta usando efficacemente la sua arte per sconvolgere lo sguardo che spesso vengono sottoposti le persone con il dwarfismo.

Nel fare le sculture, Keenahan ha lavorato con Louis Pratt, uno scultore di Sydney che ha aiutato a scansionare in  3D il corpo e la testa di Keenahan. Con la scansione digitale dell’artista, Pratt ha detto che hanno poi tweaked alcuni elementi di esso per creare una serie di ritratti di scultura leggermente diversi.

“Abbiamo manipolato ogni singola scansione solo un po ‘in modo che siano un po’ diverse. Quindi è un po ‘più alto, si sta girando una testa un po’ più semplicemente per creare una sfumatura”, spiega Pratt.

Una volta preparati i modelli 3D, sono stati segmentati in parti stampabili, successivamente stampati in 3D utilizzando un materiale termoplastico. Keenahan dice che due stampanti 3D sono state utilizzate e che l’intero processo di stampa 3D ha impiegato sei settimane per completare.

Una volta terminata la stampa, le parti sono state  assemblate e incollate per creare le sculture di autoritratto.

Un’altra parte significativa del progetto di Keenahan è stata la ricerca di come il dwarfismo sia stato trattato durante la storia, in particolare la storia dell’arte. L’artista afferma che ha trovato anche rappresentazioni di nani databili nei periodi egiziani e Maya.

“Quello che volevo catturare era l’intera dinamica dell’interazione”, dice Keenahan. “Troppo spesso la rappresentazione del dwarfismo rappresenta i nani come all’esterno, rappresentandoli quasi leggermente perversi o come patetici o tristi”.

Creando le sculture 3D stampate di se stessa, l’artista non solo mette in evidenza lo sguardo tra se stessa (come nana) e le persone che incontra, mette anche la se stessa al centro della scena.

In definitiva, Keenahan spera che la sua arte aiuti ad aprire le discussioni su non solo le persone con il dwarfismo, ma su tutte le persone che vivono con la differenza. “Il mio lavoro non è per provocare  ansia  “, dice. “È l’ansia che gli altri possono sperimentare intorno alla differenza che voglio comunicare”.

Be the first to comment on "Debra Keenahan artista affetta da nanismo e le sue sculture stampate in 3d"

Leave a comment