Debbie Harry la gallina con le protesi stampate in 3d

Debbie Harry è un pollo (e non la cantante dei Blondie) che vive in una fattoria urbana di proprietà di Rachel Diepstra e si trova nella grande area di Grand Rapids, MI.

La perdita delle zampe da parte di Debbie Harry è risultata dopo che la gallina, che a volte è vittima di bullismo da parte degli altri polli, ( anche loro con i nomi di famosi musicisti ), ha scelto di lasciare il suo pollaio riscaldato e accovacciarsi nel garage della famiglia per la notte. Quando fu scoperta al mattino, la famiglia non era fiduciosa delle sue possibilità di sopravvivenza. L’hanno avvolta in un asciugamano e l’hanno messa nella presa d’aria calda e con loro sorpresa,è sopravvissuta . Debbie imparò presto a stare al mondo sui propri moncherini, ma Diepstra sapeva che avrebbe avuto una migliore qualità della vita con delle protesi.

Senza una hotline di aiuto per i polli a sua disposizione, Diepstra si è rivolta ai social media nella speranza che la mente collettiva potesse offrire alcuni suggerimenti. In men che non si dica, ha avuto una risposta. Il marito di un’amica di scuola superiore era un insegnante di ingegneria e robotica presso la West Michigan Aviation Academy e Andrew Abissi ha visto l’opportunità di offrire ai suoi studenti un mondo reale, un’esperienza pratica, il tutto mentre aiuta una buona causa, come ha discusso:

“Ho proposto il problema ai miei studenti e studenti di altre classi – bioingegneria e CAD – e ho chiesto loro di cercare il maggior numero di soluzioni possibili per risolverlo.”
Gli studenti hanno lavorato al progetto come attività extrascolastica, ma ben presto ci sono state più di 30 diverse proposte da tre studenti persistenti, James Brouckman, Peyton Ward e Ben McCallum, per affrontare i graffi persi di Debbie. Inizialmente, molti erano tentati di creare protesi progettate per assomigliare a piedi di gallina, ma era difficile creare tali oggetti e dare all’uccello qualsiasi grado di stabilità. Le soluzioni erano più facili da identificare una volta scartate l’idea che il pollo potesse essere interessato a rimpiazzare esteticamente i suoi piedi.

La stampa 3D sta guadagnando una certa reputazione per i vantaggi che offre a chi progetta e produce protesi, sia per la riduzione dei costi di produzione, sia per la capacità che crea per il processo iterativo di progettazione. Abissi dice che il progetto ha aiutato i suoi studenti a sviluppare empatia e perseveranza oltre a dare loro ulteriore esperienza utilizzando la tecnologia di produzione additiva. La disponibilità della stampa 3D ha cambiato il modo in cui progetti come questo possono essere affrontati e messi a fare qualcosa come la creazione di protesi per un pollo in un budget ragionevole, come ha spiegato Abissi:

“Ha reso la prototipazione incredibilmente facile. Il fatto che potessimo continuare a creare nuovi prodotti, non potremmo farlo con lo stampaggio a iniezione. Abbiamo 15 stampanti in modo che ogni studente possa continuare a lavorare. Ci vogliono 30 minuti per stamparne uno. Rende i primi passi molto più semplici nel processo di produzione “.
Così ora, Debbie Harry può tornare a implorare la sua roba.

Comunque mia nonna che aveva un pollaio ad una notizia del genere avrebbe riso per una settimana ricordandomi il sapore del brodo di gallina……..

Be the first to comment on "Debbie Harry la gallina con le protesi stampate in 3d"

Leave a comment