Dave Veisz, VP Engineering di MakerBot : La produzione additiva è l’anello mancante nella tua catena di approvvigionamento?

La produzione additiva è l’anello mancante nella tua catena di approvvigionamento?
COVID-19 ha messo in luce in modo drammatico la fragilità delle catene di approvvigionamento globali “just-in-time” di oggi.

Dave Veisz, VP Engineering di MakerBot, esamina quali insegnamenti possiamo trarre dagli eventi recenti per aiutare a costruire catene di approvvigionamento più resilienti in futuro.

Non è esagerato dire che la pandemia COVID-19 ha cambiato la vita come la conosciamo. Da una prospettiva personale, ha influito sulla nostra capacità di muoverci liberamente e di vedere familiari e amici. Ha cambiato il modo in cui lavoriamo e il modo in cui ci rilassiamo.

Nel mondo della domanda e dell’offerta, il suo impatto è stato altrettanto scioccante. Una catena di fornitura efficiente è parte integrante del successo di qualsiasi azienda: gestirla correttamente accelera la consegna dei prodotti, riduce i costi e previene ritardi che possono essere costosi sia per i profitti di un’azienda che per la sua reputazione. Indipendentemente dal settore o dal paese in cui opera un’azienda, la gestione della catena di fornitura dovrebbe essere sempre in prima linea nella sua visione, trovando nuovi modi per ottenere prodotti a un prezzo inferiore e riducendo quei tempi di consegna importantissimi.

La continua spinta alla redditività e al vantaggio competitivo ha portato le aziende ad adottare sempre più modelli di catena di fornitura “just-in-time”, eliminando la necessità di mantenere scorte vaste e costose. Di conseguenza, le aziende possono produrre prodotti più velocemente, in modo più economico ed efficiente che mai. Ma questa maggiore produttività ha avuto un costo. Il processo di riduzione delle operazioni e di eliminazione di tutte le ridondanze tranne la più essenziale ha lasciato le catene di approvvigionamento vulnerabili alle interruzioni della fornitura, come è stato chiaramente e drammaticamente evidenziato dalla pandemia COVID-19.

Il costo dell’inazione
Si potrebbe sostenere che l’impatto devastante che COVID-19 ha avuto sulle catene di approvvigionamento non è stato una sorpresa: dopo tutto, è sempre stato noto che un evento “ una volta nella vita ” come COVID-19 potrebbe accadere e che l’offerta snella di oggi le catene avrebbero lottato per far fronte. Ciò che forse era inaspettato, tuttavia, è la velocità con cui si sono svolti gli eventi. L’industria automobilistica è un ottimo esempio, con rapporti secondo cui alcuni produttori sono stati costretti a interrompere la produzione entro poche settimane dallo scoppio a causa di una combinazione di carenze di parti e misure adottate per garantire la sicurezza dei lavoratori. Il fatto è che nelle odierne catene di approvvigionamento globali più snelle, la mancanza di una singola parte può causare, letteralmente, l’arresto di un’intera linea di produzione.

Quando iniziamo ad uscire dalla crisi attuale, anche se lentamente, è fondamentale considerare ciò che abbiamo appreso dalla situazione e, cosa più importante, come possiamo sfruttare questa conoscenza per costruire catene di approvvigionamento più resilienti in futuro, pur continuando a garantirle rimanere il più redditizio e flessibile possibile.

Pianificazione per il futuro
Un risultato probabile è che i produttori esploreranno sempre più modi per lavorare con i fornitori più vicini a casa. Le supply chain sono globalizzate, anche per le piccole e medie imprese. Questa complessità aggiuntiva per le catene di approvvigionamento le rende più suscettibili alle interruzioni in tempi come questi. L’altro fattore è che, come accennato in precedenza, le catene di approvvigionamento “just-in-time” sono ottime per la produzione snella, ma “just-in-time” significa che ci sono meno buffer da salvaguardare dalle interruzioni. Anche la chiusura di un singolo fornitore può avere un enorme effetto di ricaduta che può chiudere le linee di assemblaggio.

Idealmente, le aziende dovrebbero sviluppare piani per consentire loro di reperire parti essenziali da diverse regioni (sia locali che estere). Tuttavia, questo può essere difficile da fare per volumi inferiori. È qui che le nuove tecnologie, come la stampa 3D e la produzione di circuiti stampati (PCBA) a rotazione rapida, entrano nel telaio, in quanto possono essere una valida soluzione di backup per molti componenti.


Anche prima di COVID-19, molte aziende utilizzavano già la produzione additiva per la produzione di pezzi di ricambio. Questi includono i principali attori nei settori della difesa e ferroviario, dove esistono elevate barriere per l’approvazione, nonché nel settore aerospaziale per la manutenzione e la riparazione. La produzione additiva elimina la necessità di costose attrezzature, consentendo ai progettisti di stampare su richiesta parti di produzione a basso volume secondo le specifiche esatte e nel numero esatto richiesto, riducendo i tempi di attesa e proteggendosi da interruzioni esterne. Utilizzando inventari digitali di pezzi di ricambio, i produttori possono implementare un modello di produzione decentralizzato stampando in 3D file di parti digitali direttamente nel sito in cui è necessario. La possibilità di stampare parti su richiesta in questo modo può ridurre significativamente il carico di inventario delle aziende, che, come abbiamo già stabilito,

Cambiare la mentalità
Nonostante gli ovvi vantaggi offerti dalla produzione additiva, spesso troviamo una riluttanza da parte delle aziende ad abbracciare pienamente la tecnologia. Le organizzazioni potrebbero preferire rimanere nella loro zona di comfort piuttosto che cogliere nuove opportunità, nonostante possano rivelarsi estremamente vantaggiose a lungo termine. Questo di solito è per una serie di motivi, inclusi i costi, l’accessibilità o solo una riluttanza generale a modificare le operazioni aziendali. Le aziende potrebbero già avere successo, ma dovrebbero comunque mettere in discussione l’affidabilità e la sostenibilità di ciò che stanno facendo, ponendosi la domanda: potremmo essere ancora migliori?

La mancanza di conoscenza sulla produzione additiva è un altro ostacolo comune che incontriamo. In qualità di produttore leader di stampanti 3D, è nostra responsabilità contribuire a colmare il divario che ancora esiste, fornendo indicazioni sulla tecnologia appropriata e sulle sue capacità per garantire che le aziende siano in grado di fare una scelta informata.

La prima domanda da porsi è: cosa voglio stampare ed è possibile farlo utilizzando la produzione additiva? Sul mercato sono disponibili una varietà di stampanti diverse, tutte con capacità di materiali differenti, quindi è probabile che i progettisti e gli ingegneri saranno in grado di trovare una stampante su misura per le loro esigenze. Le stampanti 3D con funzionalità a piattaforma aperta sono utili per i progettisti che desiderano avere molta flessibilità nella selezione dei materiali.

Maggiori informazioni sulla stampa 3D e COVID-19 :

Guarda: come Photocentric stampa in 3D milioni di visiere
La stampa 3D è una bacchetta magica per la catena di approvvigionamento al momento della pandemia di COVID-19?
“Let them make it” – BCN3D CTO sulla stampa 3D dopo COVID-19
Il CEO di Xometry Randy Altschuler: “L’impatto di COVID-19 sulla produzione impallidirà rispetto al cambiamento climatico. È meglio essere pronti per questo. “
In secondo luogo, chi utilizzerà la stampante? Le grandi stampanti industriali richiederanno ai dipendenti la formazione necessaria per acquisire le competenze necessarie per far funzionare la macchina. Le stampanti desktop di livello industriale sono un’alternativa utile, poiché sono più facili da usare, richiedono meno formazione e possono essere configurate e stampate parti quasi subito.

Anche la posizione è un fattore chiave da considerare. Dove manterrai la stampante 3D se dovessi acquistarne una? La posizione è sempre un punto focale per qualsiasi azienda che acquisti nuova tecnologia e non è diversa con le stampanti 3D. L’utilizzo di una stampante desktop consente di posizionare il dispositivo ovunque ci sia spazio e, in definitiva, significa che c’è più spazio per più stampanti se l’output della tua attività lo richiede.

Infine, quanto velocemente hai bisogno delle parti? Gli uffici di assistenza forniscono una risorsa utile per le aziende che non desiderano acquistare una stampante 3D a titolo definitivo, ma hanno i loro limiti. Questi tipi di servizi hanno un investimento iniziale inferiore, ma la flessibilità viene persa nel non essere in grado di produrre la parte rapidamente come se un’azienda acquistasse la propria stampante 3D. E, naturalmente, a seconda dell’ubicazione dell’ufficio, l’offerta può essere influenzata da eventi imprevisti, come quello globale che dobbiamo affrontare oggi. Infine, il prezzo al pezzo è più alto e di solito è possibile ottenere un pieno ritorno sull’investimento per una stampante interna dopo pochi ordini da uffici di assistenza.

Creare un progetto per il futuro
Qualunque opzione tu scelga, o anche se concludi che la produzione additiva al momento non è adatta alla tua organizzazione, è importante esplorare le possibilità offerte dalla tecnologia. COVID-19 ha rivelato fin troppo chiaramente la fragilità dei modelli di filiera odierni, ma ha anche mostrato la via da seguire. È chiaro che la produzione additiva ha un ruolo cruciale da svolgere nella creazione di catene di approvvigionamento più resilienti e reattive, ma è solo una parte del quadro. Se la pandemia ha fatto una cosa, si spera che abbia evidenziato la necessità per le aziende di aprire la mente all’esplorazione di nuove tecnologie e all’impatto positivo che possono avere. Le aziende non smettono mai di porsi la domanda: la nostra catena di fornitura potrebbe essere ancora migliore?

Be the first to comment on "Dave Veisz, VP Engineering di MakerBot : La produzione additiva è l’anello mancante nella tua catena di approvvigionamento?"

Leave a comment