DAQRI 3D e la stampa 3d utilizzando gli ologrammi

La Augemented reality startup DAQRI 3D stampa con ologrammi

Fondata nel 2010, DAQRI è un fornitore di tecnologia di realtà aumentata (AR) che ha sede a Los Angeles. L’attuale gamma di ologrammi  DAQRI vede il  progetto tachimetro e le  visualizzazioni GPS sul parabrezza, e la capacità di dare letture di dati AR in  condizioni di produzione, vale a dire pressione, temperatura, velocità di una macchina.

Tra l’altro ha una sorprendente lista di investitori famosi  come il calciatore dell’Arsenal Mathieu Flamini, e l’attore Ashton Kutcher .

In aggiunta alla loro gamma di cuffie Microsoft Hololens , la società sta cercando di utilizzare gli ologrammi per polimerizzare gli oggetti 3D in resina.

La tecnologia funziona in modo simile alla stampante standard DLP 3D solo con il laser in luogo di un proiettore. In questa fase concettuale, la stampante ologramma 3D DAQRI produce solo piccoli oggetti 3D, come graffette, che hanno la stessa geometria.

La Proiezione di una immagine di un oggetto nel suo complesso, anziché a strati, è il concetto chiave che rende questo sviluppo così interessante dal punto di vista produttivo. Fare oggetti a strati è il cuore del successo della stampa 3D, ma è anche un ostacolo alla velocità di stampa  . Teoricamente, un ologramma stampabile in 3D sarebbe notevolmente più veloce rispetto agli attuali processi. Ma per avere successo,bisogna migliorare l’emissione laser.

Idealmente una stampante ologramma 3D proietta in un fascio col laser  l’immagine di un oggetto sia sull’asse X che  Y, rendendo potenzialmente un’intera griglia . Questa griglia  non sarebbe abbastanza potente  per curare la resina, ma combinata sarebbe sufficiente per la stampa 3D di un oggetto. Però la reazione esotermica coinvolta con i foto-polimeri potrebbe essere un problema da affrontare.

Indipendentemente dai metodi sviluppati da DAQRI, la tecnologia avrà bisogno di molta potenza di elaborazione per migliorare ed è l’obiettivo attuale della società.

 

Be the first to comment on "DAQRI 3D e la stampa 3d utilizzando gli ologrammi"

Leave a comment