Daniel Jones quaterback della Duke University guarisce rapidamente grazie al tutore stampato in 3d

Clark Bulleit e Kevin Gehsmann sono elementi senior  della squadra di Football Americano della Duke University , ma raramente vedono il campo. L’8 settembre, tuttavia, il quarterback della squadra, Daniel Jones, si è fratturato la clavicola e i due  hanno finalmente avuto la possibilità di entrare in azione – ma non sul campo. Bulleit, un importante biomedico, e Gehsmann, un ingegnere meccanico, hanno deciso di impegnarsi al massimo per riportare in azione Jones al più presto possibile, e hanno usato le rispettive conoscenze accademiche per farlo.

Il semestre precedente, Bulleit aveva completato uno studio indipendente presso l’Innovation Co-Lab dell’università, in cui ha creato un tutore da polso stampato in 3D. Con l’approvazione e il supporto dello staff medico del team, lui e Gehsmann hanno iniziato a lavorare su un supporto stampato in 3D per Jones.

“Il personale addetto alla formazione ci ha aiutato a identificare i punti di pressione, e ha portato Daniel attraverso la sua gamma di movimento, dicendoci dove il tutore poteva o non poteva andare”, ha detto Bulleit. “Decideremmo come cambiare la forma del tutore per coprire la clavicola e mantenere la sua integrità senza colpire i punti di pressione”.
I due compagni di Jones hanno iniziato a disegnare bretelle clavicolari non tradizionali, sfruttando la libertà progettuale che la stampa 3D consente. In effetti, i loro prototipi non assomigliavano nemmeno un tutore clavicola standard: volevano fare tutto il possibile per garantire la massima sicurezza e mobilità possibile per il quarterback. Hanno sfruttato la tecnologia di scansione disponibile nell’Innovation Lab per creare una coppia completamente personalizzata e adattata al corpo di Jones.

Bulleit e Gehsmann hanno creato nove prototipi, utilizzando una stampante 3D di base prima di passare a una stampante PolyJet per il prodotto finale.

“Se siamo in grado di aiutare Daniel [Jones] a stare bene, allora stiamo aiutando la squadra a vincere partite”, ha detto Gehsmann.
Il tutore finale è stato personalizzato su misura per Jones e ha distribuito l’impatto di qualsiasi colpo lontano da dove era avvenuta la frattura iniziale. Usando la doppietta, Jones è tornato sul campo prima del suo previsto tempo di ritorno, e ha fatto bene. Ha completato il 64,5 percento dei suoi passaggi insieme a quattro touchdown e due intercettazioni. Può anche prendere un colpo senza preoccuparsi di ulteriori danni alla clavicola; infatti, è stato licenziato sette volte ed è stato in grado di rimanere in gioco.

Bulleit e Gehsmann sono stati in grado di creare il tutore stampato in 3D, uno dei primi ad essere utilizzato nell’atletica di fascia alta, grazie alle loro conoscenze accademiche e al loro accesso a apparecchiature di stampa 3D di altissimo livello. Sono giustamente orgogliosi di ciò che hanno realizzato, e mentre potrebbero non ricevere direttamente gli elogi che Jones fa quando entra in campo, condividono la sua gloria grazie alla consapevolezza che probabilmente non avrebbe ancora giocato senza il loro aiuto .

Questa non è la prima storia straordinaria a venire dall’Innovation Co-Lab della Duke University, che ha prodotto modelli di formazione medica stampati in 3D  e altri aiuti sanitari , insieme a migliaia di altre stampe 3D . Questa potrebbe essere una delle stampe 3D di maggior livello, se non la più elevata, del laboratorio, poiché colpisce la squadra di calcio amata e di successo di Duke. Quel successo era a rischio a causa della ferita al suo quarterback, ma grazie a due studenti innovativi e all’eccellente laboratorio a loro disposizione, i Duke Blue Devils continueranno a suonare al loro meglio.

Be the first to comment on "Daniel Jones quaterback della Duke University guarisce rapidamente grazie al tutore stampato in 3d"

Leave a comment