Dalle Filippine una app la Braille3D che utilizza il feedback tattile e vocale per il riconoscimento del braille stampato in 3D per non vedenti

Filippine: i ricercatori creano un’applicazione di stampa 3D per l’apprendimento del Braille

Perdere uno dei tuoi sensi, o essere nato senza tali facoltà, significa essere lasciato fuori da così tanto che la società e la cultura hanno da offrire, fino a quando il tuo mondo non sarà aperto attraverso un’altra strada come la lingua dei segni o gli apparecchi acustici o nel caso del ipovedente, Braille. Ora, i ricercatori delle Filippine stanno esplorando ulteriormente il mondo della tecnologia assistiva in ” Braille3D: utilizzo di feedback tattile e vocale per il riconoscimento del braille e stampa 3D per non vedenti. ‘

Con l’obiettivo di aiutare i non vedenti a godere di un maggiore accesso alla tecnologia e ad una maggiore facilità nell’apprendimento del Braille, i ricercatori hanno iniziato a lavorare su un’app educativa mobile per includere feedback sia tattili che vocali. L’app, destinata agli studenti delle scuole materne, è progettata per apprendere il Braille, ma anche la stampa 3D, e funziona con il loro uso dei loro smartphone. Poiché gli studenti sono così giovani, la maggior parte delle lezioni sono fondamentali in termini di presentazione di elementari lezioni di Braille.

L’app è composta da moduli per l’apprendimento dei caratteri braille e dall’ortografia e gli utenti possono rivedere ogni personaggio con le parole di esempio seguenti e, se lo desiderano, possono stampare in 3D la parola in Braille se è disponibile un modello. Possono anche imparare a contare fino a nove.

“L’utente può visitare questo modulo per apprendere e rivedere il modello per ciascun carattere Braille. Ogni lettera deve contenere parole di esempio che l’app leggerà allo studente quando richiesto, nonché un’opzione per stampare in 3D l’esempio di parola se esiste un modello 3D disponibile per quella parola “, affermano i ricercatori. “Il modulo di apprendimento per i numeri deve essere presentato in modo ordinato per insegnare all’utente a contare da zero a nove.

Anche gli insegnanti sono coinvolti, valutando i progressi degli studenti e quindi assegnando nuovi esercizi. Possono aggiungere più parole di esempio e aggiungere altri modelli 3D nel mix. Gli studenti possono stampare in 3D tramite comunicazioni wireless o USB, nonché utilizzare un’applicazione di stampa 3D sviluppata per questo progetto.

“Poiché questo processo potrebbe essere troppo complesso per uno studente della scuola materna, l’insegnante o qualcuno che abbia esperienza nella stampa 3D, deve gestire il processo di stampa 3D”, affermano i ricercatori.

Il potenziale per la stampa 3D nel settore dell’istruzione è già sfruttato in tutto il mondo, con studenti di tutte le età che si stanno divertendo in laboratori di progettazione e stampa, oltre a completare molti progetti complessi e persino oggetti come le protesi per altri bisognosi. Ma qui, la stampa 3D e l’uso di modelli educativi servono come strumenti di comprensione della lettura e di alfabetizzazione.

“Poiché le persone non vedenti hanno difficoltà a raccogliere / accedere alle informazioni, la stampa 3D può essere di aiuto alla comunità con disabilità visive”, affermano i ricercatori. “Inoltre, gli oggetti stampati in 3D danno alla persona la forma e la struttura del modello 3D attraverso il senso del tatto. Quindi, dando la giustificazione della rilevanza della stampa 3D nell’argomento proposto. Altre ricerche sono state focalizzate su una soluzione tattile per migliorare l’esplorazione dell’interfaccia mobile touchscreen da parte degli utenti non vedenti. “

L’app educativa, creata su Android, si compone di cinque fasi e gli studenti possono selezionare quali esercizi vogliono eseguire all’interno del lavoro assegnato. Possono stampare modelli 3D scegliendo la macchina di loro scelta all’interno dei sistemi che appaiono nelle loro impostazioni. I ricercatori hanno utilizzato una stampante 3D da Vinci 1.0 da Vinci per la sperimentazione presso la scuola nazionale filippina per i non vedenti (PNSB) e hanno scoperto che la fabbricazione di un modello come un coniglio richiedeva circa quattro ore. Complessivamente, il tasso di successo per gli studenti impegnati in questo tipo di apprendimento è risultato essere elevato.

In conclusione, gli autori hanno dichiarato:

“I sostenitori hanno notato che l’applicazione è estremamente vantaggiosa per gli studenti totalmente ciechi perché li ha aiutati a capire e acquisire familiarità con i caratteri Braille più velocemente dei dispositivi tradizionali che stanno utilizzando. I proponenti raccomandano di cercare più funzionalità che possano essere utili allo sviluppo di questa tecnologia assistiva. “

Molte innovazioni di stampa 3D sono state rivolte ai non vedenti, sia nei dipinti di musei che consentono loro di godersi l’esperienza artistica, creando mappe del campus per studenti universitari in modo che possano trovare la propria strada o godere di altri tipi di modelli educativi , e così molto di più.

Be the first to comment on "Dalle Filippine una app la Braille3D che utilizza il feedback tattile e vocale per il riconoscimento del braille stampato in 3D per non vedenti"

Leave a comment