Dalle alghe (e dall’Italia ) un materiale stampabile in 3d che adsorbe meglio del carbone attivo

Il materiale derivato da alghe  stampabile in 3d assorbe gli inquinanti con un’efficienza del 94%

Ricercatori  italiani hanno sviluppato un materiale riciclato stampabile in 3D che può tagliare attivamente gli inquinanti nell’aria e nelle acque reflue. Come il carbone attivo più costoso, il nuovo materiale stampabile 3D può catturare particelle e potrebbe essere utilizzato nei sistemi di filtrazione dell’acqua.

Il carbone attivo  è una forma di carbonio i cui pori a basso volume gli conferiscono un alto livello di adsorbimento  essendo il processo di trattenere le molecole su un film superficiale sottile, diverso dall’assorbimento , che coinvolge l’intero volume di un materiale.

Questa forma di carbonio ha molti usi, incluso il trattamento dell’avvelenamento nell’uomo, e le sue applicazioni ambientali includono la rimozione di sostanze inquinanti dall’aria e dall’acqua, anche creando sistemi di filtrazione dell’acqua altamente efficaci.

Dati i poteri un po ‘miracolosi del carbone attivo, non sorprende che la sostanza non sia economica.

Ed è per questo che gli scienziati in Italia hanno creato una nuova alternativa a basso costo al carbone attivo ricavato da rifiuti solidi e polimeri naturali. Dicono che la nuova sostanza, che può essere stampata in 3D, gettato o applicata in altri modi, in realtà funzioni meglio del carbone attivo in molti modi.

Sintetizzato a basso costo da rifiuti solidi e un polimero abbondante in abbondanza, questo materiale amico del pianeta ha il potenziale per assorbire quelle che vengono chiamate particelle particellari e goccioline emesse da centrali elettriche, automobili e altri inquinatori.

Questo particolato è ovunque, non solo nelle aree industriali, ed è tossico per animali, piante e persone.

A causa del costo del carbone attivo, i ricercatori italiani (dall’Università di Brescia, dall’Università di Bologna e dall’Università di Trieste, così come dalla società di attrezzature industriali Petroceramics) hanno combinato due materiali economici per fare un’alternativa.

Questi due materiali sono una materia prima naturalmente abbondante chiamata alginato di sodio (che può essere estratto da alghe e alghe) e un sottoprodotto industriale ad alto volume chiamato silice fume.

L’adsorbente prodotto miscelando questi due materiali facilmente ottenibili è presumibilmente migliore del carbone attivo per la cattura di particelle, e può anche essere usato per il risanamento delle acque reflue.

Per sintetizzare l’adsorbente eco-compatibile, i ricercatori hanno usato la decomposizione di bicarbonato di sodio (bicarbonato di sodio) per alimenti per consolidare l’alginato.

Durante il test, il materiale ibrido è stato in grado di adsorbire e rimuovere un inquinante modello (colorante blu metilene), anche ad alte concentrazioni, con un’efficienza del 94%. I ricercatori hanno scoperto che la produzione del materiale ibrido consumava meno energia rispetto alla produzione di carbone attivo, pur lasciando un’impronta di carbonio molto inferiore.

Quindi questo materiale è economico e facile da realizzare, efficace in quello che fa e produce energia minima durante la sua produzione. Anche le sue applicazioni sono numerose: potrebbe essere utilizzato per intrappolare i gas di scarico dei diesel, per filtrare l’acqua e potrebbe anche essere stampato in 3D per creare strutture di adsorbimento di sostanze inquinanti prodotte in modo additivo.

I ricercatori sostengono che il materiale è stato sviluppato “sulla base della richiesta della Commissione Europea di sviluppare una soluzione materiale sostenibile, sostenibile e innovativa basata sulla progettazione che possa ridurre la concentrazione di particolato nelle aree urbane”.

La ricerca “Un nuovo materiale ibrido poroso derivato da fumi di silice e alginato per la riduzione degli inquinanti sostenibili” è stata pubblicata su Frontiers in Chemistry .

Be the first to comment on "Dalle alghe (e dall’Italia ) un materiale stampabile in 3d che adsorbe meglio del carbone attivo"

Leave a comment