Dalla Corea del Sud una stampante 3d per creare prodotti alimentari personalizzati

I ricercatori della Corea del Sud stanno sviluppando un nuovo approccio  alla nutrizione, che attinge al potenziale della stampa 3D alimentare . La nuova piattaforma progettata da Jin-Kyu Rhee, professore associato presso la Ewha Womans University della Corea del Sud, può utilizzare la tecnologia per creare prodotti alimentari personalizzati. Questi saranno realizzati utilizzando ingredienti di base in polvere e le loro strutture potrebbero essere controllate con precisione a livello nanoscopico attraverso la stampa 3D. Ciò consentirebbe agli alimenti di essere adattati alle esigenze nutrizionali specifiche o alle preferenze degli individui.

“Abbiamo costruito una piattaforma che utilizza la stampa 3D per creare microstrutture alimentari che consentano di personalizzare la consistenza del cibo e l’assorbimento del corpo a livello personale”, ha affermato Rhee, in un  comunicato stampa . “Pensiamo che un giorno, le persone potrebbero avere cartucce contenenti versioni in polvere di vari ingredienti che verrebbero assemblate usando la stampa 3D e cucinate secondo le esigenze o le preferenze dell’utente”.

Il prototipo di stampante 3D creato da Rhee e dal suo team è stato utilizzato per fabbricare prodotti alimentari con microstrutture che replicavano con successo le proprietà fisiche e la consistenza nanometrica osservate nei campioni di cibo quotidiano. Si stampa nello stesso modo di una normale macchina FDM, depositando materiali in luoghi specifici per costruire gradualmente una struttura 3D predeterminata, strato per strato. In primo luogo, i materiali alimentari vengono polverizzati a temperature ultra-basse vicino a -100 gradi Celsius. Successivamente, i materiali alimentari micro-dimensionati vengono ricostruiti in un materiale poroso a forma di pellicola facendo gocciolare un agente legante sotto il contenuto di acqua ottimizzato e le condizioni di calore.

Il sistema era anche in grado di dimostrare la capacità di trasformare i carboidrati e i poteri proteici in alimenti con specifiche microstrutture che possono essere regolate per controllare la consistenza del cibo e come il cibo viene assorbito dal corpo. Ciò consentirebbe di ottimizzare le proprietà nutritive o altre proprietà del cibo rispetto a quelle degli alimenti o dei pasti regolari a base di proteine ​​o carboidrati.

Oltre alla possibilità di personalizzazione basata sulle preferenze personali e ai benefici per la salute che deriverebbero da un maggiore controllo sulle proprietà nutrizionali del cibo, ci sono molte altre cose che il cibo stampato in 3D potrebbe aiutare. Lo spreco alimentare è un settore in crescita, poiché gli attuali alti livelli di produzione di massa sono inefficienti e insostenibili. La stampa 3D di prodotti alimentari personalizzati in base a specifici progetti digitali ridurrebbe drasticamente i rifiuti e potrebbe essere effettuata su scala industriale o nelle case delle persone.

La produzione di cibo a richiesta tramite la tecnologia di stampa 3D ridurrebbe anche i costi legati allo stoccaggio e al trasporto. Questo tipo di miglioramenti logistici renderebbe più facile per il cibo arrivare dove deve andare, aiutando a soddisfare i bisogni nutrizionali di una popolazione in crescita, in particolare nei paesi in via di sviluppo.

Tutti questi problemi stanno motivando ulteriori ricerche di Rhee e del suo team. “Siamo solo agli inizi, ma crediamo che la nostra ricerca sposterà la stampa in 3D a un livello superiore”, ha affermato. “Stiamo continuando a ottimizzare la nostra tecnologia di stampa 3D per creare materiali e prodotti alimentari personalizzati che esibiscono più a lungo tempi di conservazione e funzionalità migliorata in termini di assorbimento del corpo. ”

Rhee discuterà la sua ricerca alla riunione annuale dell’American Society for Biochemistry and Molecular Biology, durante la riunione di Biologia Sperimentale del 2018 che si terrà dal 21 al 25 aprile a San Diego.

Be the first to comment on "Dalla Corea del Sud una stampante 3d per creare prodotti alimentari personalizzati"

Leave a comment