Cytosurg stampa in 3d gli oggetti impossibili del matematico Kokichi Sugihara

La società di stampa 3D micrometrica svizzera Cytosurge ha “oggetti impossibili” in rame stampato in 3D delle dimensioni dei globuli rossi. Gli oggetti impossibili sono una classe di forme che appaiono come forme diverse se viste da diverse angolazioni. Sono stati scoperti dal matematico giapponese Kokichi Sugihara, che ha vinto il primo premio del Concorso Best Illusion of the Year per tre volte.

In un modo divertente di mostrare il loro FluidFM μ3Dprinter, Cytosurge ha prodotto uno dei famosi disegni di Sugihara su tre scale. Il modello più grande ha pilastri con un diametro di 100 micron, circa lo stesso del diametro di un capello umano. La prossima dimensione verso il basso è di 30 micron, seguita dalla versione a dimensione di cella che è di soli 10 micron. Solo con un potente microscopio elettronico questi modelli sono visibili perché anche il più grande apparirebbe come un granello di polvere ad occhio nudo.

E queste parti non sono fatte di resina fotopolimerizzabile come la maggior parte delle micro stampe. Sono di rame. La stampa 3D a così piccola scala è complicata perché è qui che la chimica e la fisica si scontrano. FluidFM μ3Dprinter utilizza una pipetta con un ugello largo 300 nm; l’ugello è posto entro un micron di una superficie conduttiva e viene erogato un liquido contenente ioni metallici. Una corrente negativa viene applicata alla superficie, che accumula ioni di rame in atomi solidi. Dopo che lo spazio del micron tra la superficie e l’ugello viene riempito con atomi di rame solidi, l’ugello si sposta nella posizione successiva. Alla fine, si forma l’oggetto più piccolo e impossibile.

Il Cytosurge distribuisce nanotecnologie avanzate, quindi questa dimostrazione di marketing è una passeggiata nel parco per loro. Eppure, è divertente da guardare, anche se hai bisogno di un microscopio.

Be the first to comment on "Cytosurg stampa in 3d gli oggetti impossibili del matematico Kokichi Sugihara"

Leave a comment