cultivate3D Beast V2

La startup australiana cultivate3D ha lanciato una campagna Kickstarter per la sua stampante 3D di grande formato: la Beast V2. La stampante 3D, che è la seconda generazione della release 2015 della startup, ha già raccolto oltre 27 mila euro sui quasi 8000 richiesti, superando di gran lunga il suo obiettivo di crowdfunding.

Fondata dai fratelli Dan e Josh Herlihy, coltiva3D ha presentato la sua stampante Beast V1 3D da  1,850 dollari , che vantava un volume di costruzione di 470 x 435 x 690 mm. Tuttavia, nonostante il volume di grandi dimensioni della stampante 3D, gli utenti hanno sollevato alcune preoccupazioni sulla qualità della stampante.

Ora, dopo aver ascoltato il feedback dei loro sostenitori e aver lavorato al modello di stampante 3D negli ultimi tre anni, i fratelli Herlihy sono tornati con la loro ultima macchina. “La nostra unità V2 è un enorme miglioramento rispetto all’ultimo modello e costa lo stesso”, afferma cultivate3D. “Vogliamo The Beast V2 per rinvigorire l’immaginazione dei designer che pensano in grande, senza costare grandi  cifre.”

Tra i miglioramenti più degni di nota c’è un aumento quasi del 20% del volume di costruzione (la Beast V2 ha una gamma di 490 x 500 x 670 mm) e un design aggiornato che consente “maggiore precisione, affidabilità e facilità d’uso” “.

Diamo un’occhiata più da vicino ad alcune delle specifiche della stampante 3D di grande formato. La Beast V2 ha una risoluzione da 100 a 800 micron e altezze di strato di soli 0,01 mm (a patto di avere l’ugello appropriato). La stampante è inoltre dotata di un letto di stampa riscaldato e di una camera di stampa completamente chiusa. Sebbene la velocità di stampa della stampante non sia specificata, la società afferma che Beast V2 è il 40 percento più veloce del modello V1 originale.

Notevole anche il fatto che Beast V2 possa ospitare la stampa 3D a doppio materiale e viene fornita con l’opzione “4x Synchronous Printing”, che consente agli utenti di stampare fino a quattro modelli alla volta su un singolo piano di stampa. L’unità Beast V2 è inoltre dotata di sensori per il rilevamento dei filamenti e sensori di autolivellamento.

Con la modularità in mente, cultivate3D ha anche costruito la stampante Beast V2 per essere compatibile con una gamma di hotend diversi, sebbene sia dotata di adattatori interni E3D. “Nell’improbabile eventualità che non ti piacciano gli Hotend che forniamo, sentiti libero di procurarti e utilizzare il tuo. È probabile che sia compatibile “, afferma la startup, aggiungendo che bastano pochi minuti per spegnere i hot-end.

In termini di materiali, la stampante 3D supporta la maggior parte dei tipi di filamenti FDM, tra cui ABS, PLA, Nylon, PET, PETG, TPU, TPE, PP, ASA, HIPS, Ninjaflex, fibra di carbonio e molti altri.

“Abbiamo messo cuore e anima in questa stampante”, affermano i fratelli Herlihy. “La Beast V2 è il punto di arrivo di innumerevoli idee, argomenti e soluzioni basati sulla nostra esperienza con il modello precedente. Questa stampante è la nostra passione, è tutto ciò a cui abbiamo pensato negli ultimi 3 anni. Speriamo che questa stampante offra l’opportunità di far evolvere le tue idee come le nostre e non vede l’ora di vedere le immagini di tutti i pazzi congegni che i nostri clienti hanno inventato. ”

Be the first to comment on "cultivate3D Beast V2"

Leave a comment