Craig Banks e la possibilità di stampare in 3d batterie e accumulatori in grafene

La tecnologia degli smartphone avanza ora abbiamo schermi ad alta definizione, grande potenza di elaborazione e ogni sorta di altre caratteristiche ma il problema  è la durata della batteria. La mancanza di batterie affidabili è  ciò limita lo sviluppo  si pensi all’evoluzione dell’auto elettrica negli ultimi dieci anni.

craig banksSe, tuttavia, il Decano Associato per la Ricerca e Professore di elettrochimica e delle nanotecnologie alla Manchester Metropolitan University, Craig Banks, avesse ragione, fra poco le cose potrebbero presto cambiare integralmente, in parte grazie a un materiale miracoloso chiamato grafene, e una tecnologia anch’essa miracolosa  chiamata stampa 3D .

Come sappiamo, ci sono altre realtà, in particolare la  Graphene 3D Lab , che stanno lavorando sulle combinazioni di grafene attraverso un filamento composito conduttivo e la stampa 3D per la produzione di batterie più durevoli, più stabili ed affidabili.

Il team di Craig Banks, finanziato con  500,000 dalla Engineering and Physical Sciences Research Council, sta adottando un approccio simile  utilizzando inchiostri di grafene per stampare strutture 3D complesse. Questo, al fine di aumentare lo stoccaggio di carica delle batterie e dei supercondensatori che ha creato

“I sistemi di stoccaggio di energia (ESS) sono fondamentali per affrontare il cambiamento climatico  soprattutto  l’energia pulita viene generata attraverso una varietà di modi, ma è necessario un modo efficiente e poco costoso per immagazzinare questa energia,”  “Le batterie al litio e ioni sodio e i Superultracondensatori sono approcci promettenti per raggiungere questo obiettivo. Questo progetto  utilizza i vantaggi del  grafene – è più conduttivo del metallo . Stiamo cercando di ottenere un inchiostro conduttivo che unisca le proprietà fantastiche del grafene con la facilità d’uso della stampa 3D per  manipolare  una struttura che sia vantaggiosa per le batterie e i supercondensatori. ”

Il  progetto avrà la durata di tre anni e mezzo . Altri hanno  utilizzato del grafene stampato in 3d in passato,ma la maggior parte del lavoro svolto da queste aziende e gruppi di ricerca hanno fatto affidamento solo su compositi di grafene, o ‘semi-grafene’, come li chiama Banks. Questi materiali sono costituiti da una miscela di grafene e o nerofumo o grafite, che significa che non possiedono tutte la definizione degli attributi del grafene puro. Il tempo è anche un fattore di inibizione in tutto questo, ogni strato stampato deve essere operativo prima dello strato successivo che viene stampato sulla parte superiore.

Riuscire a creare batterie di grafene ad alta capacità è in fondo è il Sacro Graal della moderna tecnologia energetica.

Be the first to comment on "Craig Banks e la possibilità di stampare in 3d batterie e accumulatori in grafene"

Leave a comment