Costruirsi una stampante 3D con una stampante 3d il progetto dell’architetto Gordon Laplante

SAMSUNG CSCCostruire una stampante 3D con una stampante 3D

Il kit stampante 3D di  auto-costruzione

Non c’è dubbio che la   stampa 3D  è un fenomeno che cresce di giorno in giorno
Ma un fattore che contribuisce a questa crescita è la natura open source della tecnologia e la sua comunità di appassionati.
Progettisti, sviluppatori e semplici adepti che contribuiscono a rendere questa tecnologia più conosciuta, con progetti di design 3D che sono disponibili on-line per il download gratuitamente.

Abbiamo visitato a New York la scorsa settimana,una di queste comunità aperte. E abbiamo incontrato uno dei suoi membri, l’architetto Gordon Laplante. Il quale da dei disegni open source si è costruito  una stampante 3D e poi con questa  costruita da lui la utilizzata  per stampare le parti e costruirne una propria versione molto più grande, il tutto nel  suo salotto.
Laplante detto L’INVESTIGATORE dice che il suo interesse per la stampa 3D è iniziato quando ha scoperto RepRap, una fondazione open source   permette alle persone di sviluppare una stampante 3D da zero.
Laplante è parte di una rete crescente di persone come lui a New York e frequenta regolarmente un gruppo meet-up chiamata “Make-da New York”, dove gli appassionati di stampa 3D parlano dei loro progressi, delle scoperte e miglioramenti nel costruire le proprie macchine.
“Circa sette o otto anni fa, quando è iniziato, Reprap ho creato questo grande stampante, ho rilasciato al pubblico le specifiche e da allora in poi tutti hanno dichiarato di impazzire per fare le proprie stampanti”,.

“Si va a Home Depot e si prende Un’ asta filettata e bulloni e si seguono le istruzioni. Laplante ci ha messo circa otto mesi per costruire  e migliorare la sua stampante 3D personalizzata, e l’ha chiamata G-Max: gira su un microcontrollore Arduino insieme a una scheda di sistema che controlla come la stampante 3D funziona, il tutto guidato da un software CAD .

“L’open source per questo è stato fantastico. Si può andare sul sito e acquistare le schede e tutto e farlo da soli. Quando ho finito la prima stampante  essendo un architetto ho voluto stampare cose più grandi, come il letto.
Ho dovuto stampare la mia nuova stampante perché volevo stampare più grande”,
La Stampante 3D più grande di Laplante può stampare oggetti fino a dimensioni di circa 15x15x11 pollici al massimo, al contrario della sua macchina RepRap che consente di stampare gli oggetti di circa 5x5x6 pollici
“È possibile stampare i giocattoli con la piccola , è possibile stampare le cose carine, ma ho stampato le parti nuove per quella grande, quindi è per questo che ho pensato che fosse così affascinante.

LA stampante 3D di Laplante, che è rossa , è formata da parti che ha progettato e stampato lui stesso. Gli altri pezzi staffe ecc sono stati acquistati da negozi di ferramenta locale. Egli usa PLA come materiale additivo per stampare parti perchè è biodegradabile,lavorando allo stesso modo di una pistola per colla.

Quando Laplante iniziato la stampa, voleva semplicemente progettare e stampare teiere o altre figurine. Ma una volta che si rese conto che poteva usarla per prototipi e per cose più utili, ad esempio, un pezzo di divano o un ripiano , ci ha detto che ha riconosciuto il potenziale della stampa 3D, dove “è possibile migliorare le proprie cose per pochi centesimi”.

La Stampante 3D di Laplante è ancora un prototipo ed è completa al 95 per cento. Continua ad  aggiornarla e migliorarla  ridisegnando aspetti per agevolare il funzionamento  oppure  aggiungendo parti come un ventilatore attaccato alla parte posteriore della testa di stampa per facilitare il processo di raffreddamento della plastica.
Alla fine Laplante prevede di vendere G-Max in un kit di auto-costruzione,da  acquistare on-line oppure si sta anche considerando di iniziare un progetto Kickstarter per raccogliere i fondi necessari.

  Lee Campana da theinquirer.net

Be the first to comment on "Costruirsi una stampante 3D con una stampante 3d il progetto dell’architetto Gordon Laplante"

Leave a comment