Costruire stampanti 3d dalle vecchie fotocopiatrici in Australia un progetto pilota

La formazione dei lavoratori dai rifiuti elettronici australiani per costruire stampanti 3D da vecchie fotocopiatrici

La tecnologia avanza a ritmi sorprendenti, rendendo la nostra vita quotidiana sempre più conveniente, ma a volte è facile trascurare il lato oscuro del fatturato tecnologico: i cumuli di rifiuti elettronici in espansione. Cose come stampanti rotte, vecchi computer e vecchie TV stanno diventando una presenza sempre più comune nelle discariche, nonostante molte parti e componenti di questi elementi possano essere riutilizzate.

Fortunatamente, un certo numero di centri di rifiuti elettronici crescono in tutto il mondo e stanno contribuendo a smontare  e riutilizzare componenti  dai vecchi gadget e dalle macchine, riducendo la quantità di prodotti elettronici che finiscono in discarica. Nel Queensland, in Australia, due nuovi centri, E-Hub Mackay e E-Hub Sarina, hanno aiutato le popolazioni locali a separarsi dalla loro vecchia tecnologia in modo più sostenibile e rispettoso dell’ambiente.

Non solo, gli E-Hub stanno fornendo uno spazio in cui le persone della comunità possono andare per  imparare competenze tecniche e ricevere una formazione per prepararli per il mondo del lavoro che cambia. Frank Mason, un supervisore del progetto presso l’E-Hub, ha spiegato: “Vediamo questa come una impresa sociale, utilizzando alcune persone che partecipano al programma di sussidio di disoccupazione, in pratica dando loro un motivo per alzarsi dal letto.”

In sostanza, i centri di e-rifiuti stanno fornendo formazione tecnologica per le persone nella comunità che  lottano per entrare nel mercato del lavoro. L’opera, che prevede lo smantellamento di rifiuti elettronici che arriva e lo smistamento dei ricambi per il riutilizzo, è un’esperienza hands-on che permette di conoscere le modalità elettronica con cui le cose vengono assemblate e come le nuove cose possono essere costruite da loro.

Naturalmente, lo smantellamento dei rifiuti elettronici è solo la prima parte del lavoro, le Queensland E-Hub sono anche dedicate al riutilizzo dei rifiuti per  trasformarle in nuove tecnologie. “Cose come i motori, i fili , i tubi , cose come le schede dei circuiti, vengono ispezionati per capire come li si potrebbe usare”, ha detto Mason.  Il progetto attuale dell’ E-Hub è quello di costruire stampanti 3D da vecchie stampanti e fotocopiatrici.

Mason spiega che per fare una nuova stampante 3D, le parti principali che sono necessarie possono provenire  dalle macchine che hanno in abbondanza: fotocopiatrici da ufficio. Altre parti, come l’estrusore e il controller, sono un po ‘più difficili da trovare di seconda mano, ma sono solo una piccola parte della costruzione complessiva. Ulteriori componenti per la struttura della stampante 3D possono essere progettate e stampate in 3d: “La stampante 3D contribuirà a costruire la prossima stampante 3D “, chiosa Mason.

I centri di rifiuti elettronici sono convinti che il loro nuovo approccio per il riciclaggio dei rifiuti e la formazione personale sarà un beneficio per tutti nel lungo periodo. In termini di rifiuti, E-Hub Mackay ha raccolto più di tre tonnellate di stampanti nelle sue prime settimane, il che significa in sostanza che quelle tre tonnellate di rifiuti sono state indirizzate per il riutilizzo e il riciclaggio. In termini di posti di lavoro, i centri stanno offrendo direttamente l’occupazione locale in un campo che è maturo per delle opportunità.

Jesse Arnold di 23 anni  è solo una delle persone che sta imparando nuove abilità presso l’E-Hub Mackay. Arnold, che ha completato la formazione in magazzino e logistica dei trasporti, lotta per trovare un posto di lavoro, nonostante le sue qualifiche. Per fortuna, si è imbattuto nell’occasione di E-Hub, e ha imparato un gran numero di nuove competenze, tra cui la decostruzione e la costruzione elettronica, così come il cablaggio e la saldatura. Ora, Arnold si sente più sicuro che troverà un lavoro a cui è interessato e sarà in grado di mettere a frutto le sue nuove abilità .

Come ciliegina sulla torta, Mason e la sua squadra doneranno le stampanti 3D che costruiscono alle scuole locali, contribuendo a promuovere l’educazione elettronica in età precoce.

Be the first to comment on "Costruire stampanti 3d dalle vecchie fotocopiatrici in Australia un progetto pilota"

Leave a comment