CONNECT3D la collezione di moda di ZER presentata alla settimana della moda di Madrid

ZER ha presentato la collezione “CONNECT3D” stampata in 3D con Samsung alla settimana della moda di Madrid
ZER, uno studio di design spagnolo, ha svelato la sua ultima collezione, CONNECT3D, sulla passerella della settimana della moda di Madrid. L’innovativa collezione, che ha vinto il Samsung Ego Innovation Project, presenta una serie di capi stampati in 3D e combina perfettamente moda e tecnologia.

ZER è stata fondata nel 2017 dai 23enni Ane Castro Sudupe e Núria Costa Ginjaume. La coppia è stata ispirata a creare la collezione CONNECT3D dopo aver lavorato con tecnologie di produzione additiva e tessuti stampati in 3D in uno scambio nei Paesi Bassi lo scorso anno.

Dopo essere stati premiati con il premio Samsung EGO Innovation Project e un premio di 10.000 euro alcuni mesi fa, i giovani designer sono stati in grado di portare la loro visione CONNECT3D alla vita e alla passerella.

La collezione CONNECT3D è composta da 10 look diversi, ognuno con un capo realizzato con l’aiuto della stampa 3D o un’altra tecnica di fabbricazione digitale. ZER ha anche sfruttato la tecnologia di scansione 3D per personalizzare i capi. Il risultato è una serie di moda monocromatica con strutture, trame e dettagli affascinanti.

Uno dei nostri pezzi preferiti  non può non essere la giacca bianca oversize con facce inquietanti stampate in 3D  che sporgono da essa.

È interessante notare che, presumibilmente come parte del suo premio Samsung, ZER ha anche incorporato dispositivi Samsung in molti dei look della passerella, mostrando come l’abbigliamento possa (e probabilmente lo farà) iniziare ad adattarsi alle nostre tecnologie di tutti i giorni, piuttosto che alle tecnologie che si adattano agli stili della moda.

Con la sua collezione, ZER sta anche evidenziando i benefici della produzione di capi stampati in 3D; dimostrando che la produzione additiva sta creando nuove possibilità in termini di produzione sostenibile e design personalizzato.

Come Núria Costa Ginjaume ha spiegato in un’intervista a El Mundo , “Proponiamo un tipo di design in cui i corpi delle persone possono essere scansionati, e gli abiti possono essere progettati da loro e stampati direttamente.”

“Crediamo che questo sia il futuro perché è una moda molto personalizzata, su misura per ogni cliente”, ha continuato. “A poco a poco la moda veloce sarà lasciata da parte e verrà dato più peso alla personalizzazione, perché ci sono un migliaio di corpi e un migliaio di persone diverse e questo è un modo di lavorare con il cliente molto direttamente”.

La collezione è stata presentata il 29 gennaio, quando ha dato il via alla giornata della settimana della moda di Madrid. Tuttavia, non solo i modelli hanno sfoggiato la passerella, ma le stampanti 3D sono state installate sul palco per dimostrare le macchine che non erano solo alla base della collezione, ma potrebbero anche essere il futuro della moda.

Anche se la sfilata di moda CONNECT3D è stata un successo innegabile, ZER dice che è ancora appena iniziato con i suoi design di moda ispirati alla tecnologia. Nel corso del prossimo anno, i designer dietro l’etichetta progettano di sviluppare ulteriormente il marchio ed esplorare nuove opportunità tecnologiche per il design dell’abbigliamento.

In particolare, i progettisti vogliono dedicare parte del loro tempo all’evoluzione dell’aspetto commerciale del loro marchio pur mantenendo un focus sulla sperimentazione. “Alla fine, è quella parte che ci piace di più”, ha detto Costa Ginjaume. “Perché possiamo divertirci a giocare con le forme e i tessuti.”

Be the first to comment on "CONNECT3D la collezione di moda di ZER presentata alla settimana della moda di Madrid"

Leave a comment