Compresse personalizzate a doppio strato in grado di rilasciare farmaci in quantità specifiche

AIT COMBINA LA STAMPA 3D E LO STAMPAGGIO AD INIEZIONE PER FACILITARE LA DEGLUTIZIONE DEI FARMACI

I ricercatori dell’Athlone Institute of Technology (AIT), Irlanda, stanno lavorando per rendere più semplice l’assunzione di più farmaci, altrimenti noti come polifarmacia, con una pillola stampata in 3D personalizzata.

Evert Fuenmayor, dottorando presso il Materials Research Institute, AIT, e il principale investigatore, Dr. Ian Major, hanno utilizzato la stampa 3D FFF e lo stampaggio a microiniezione per sviluppare compresse personalizzate a doppio strato in grado di rilasciare farmaci in quantità specifiche.

Secondo lo studio pubblicato sull’International Journal of Pharmaceuticals , la produzione additiva aiuta l’esplorazione di farmaci personalizzati per la composizione genetica di una persona, cioè la farmacogenomica. Questo alla fine porta ai trattamenti ideali per i pazienti. Fuenmayor spiega “I farmacisti saranno in grado di creare il profilo farmacologico in base alle esigenze specifiche di un paziente lì e poi”,

“CON I GIUSTI POLIMERI CARICATI DI DROGA IN MAGAZZINO E UNA PICCOLA STAMPANTE 3D, SAREBBERO IN GRADO DI STAMPARE I TUOI TABLET NELLA FARMACIA STESSA”.

La stampa 3D di prodotti farmaceutici ha permesso la creazione di compresse contenenti dosaggi specifici di un farmaco in varie forme e dimensioni. Ciò non solo aumenta la facilità del consumo orale, ma riduce la quantità di farmaci necessari per un paziente.

Con tre anni di sperimentazione, Feunmayor e il Dr. Major hanno applicato polimeri biocompatibili e biodegradabili per creare un sistema personalizzato di rilascio di farmaci . Insieme a diversi parametri di stampa 3D, i farmaci possono essere rilasciati in un momento assegnato. “Quando abbiamo iniziato questa ricerca, l’idea che la stampa 3D con polimero potesse essere utilizzata per fornire farmaci al corpo era davvero nuova – nessuno lo stava facendo”, ha aggiunto Feunmayor.

I ricercatori hanno creato inserti stampati in 3D caricati con idroclorotiazide, un farmaco usato per trattare l’ipertensione e il gonfiore. Usando il micro stampaggio ad iniezione, è stato prodotto un altro strato e caricato con lovastatina, un farmaco per curare le malattie cardiovascolari. “Abbiamo miscelato e fuso il materiale, creato il filamento e alimentato la stampante”, spiega Feunmayor.

“A seconda delle impostazioni che abbiamo selezionato, siamo in grado di ottenere profili di farmaci completamente diversi. Con solo due clic, sono riuscito a far sì che il tablet potesse durare tre giorni nel corpo o sei ore – dipendeva solo dalle esigenze del paziente. “

Definire i dosaggi

Attualmente, i ricercatori stanno cercando di accelerare il processo di produzione delle compresse poiché il loro metodo impiega quattro ore per stampare 30 pillole. Per fare un confronto, usando i metodi tradizionali, è possibile produrre migliaia di pillole in un’ora. Fuenmayor ha concluso:

“Stiamo ancora imparando come le diverse persone reagiscono ai diversi farmaci e dosaggi e approcci terapeutici, quindi mentre non siamo ancora lì in termini di rendere questa realtà una realtà, è qui che sta andando l’erogazione di medicine e ciò che speriamo per.”

” Personalizzazione di massa di compresse orali attraverso la combinazione di stampa 3D e stampaggio ad iniezione ” è co-autore di Evert Fuenmayor, Crevan O’Donnell, Noel Gately, Patrick Doran, Declan M.Devine, John G.Lyons, Christopher McConville e Ian Maggiore.

Il processo per la creazione delle pillole stampate in 3D. Immagine tramite AIT.

Be the first to comment on "Compresse personalizzate a doppio strato in grado di rilasciare farmaci in quantità specifiche"

Leave a comment