Completato il Progetto OpenHybrid di Horizon 2020

Progetto OpenHybrid completo: macchine ibride con lavorazione CNC e funzionalità di stampa 3D DED

Nell’ottobre 2016 è iniziato il progetto triennale OpenHybrid , parte del programma di ricerca e innovazione di Orizzonte 2020 dell’Unione europea. Il progetto è stato progettato per affrontare i limiti commerciali e tecnici degli attuali sistemi di produzione ibridi. Coordinato dal Manufacturing Technology Centre (MTC) con sede nel Regno Unito , supportato dalla Federazione europea di saldatura, giunzione e taglio e con oltre dieci partner internazionali , OpenHybrid è appena stato finalizzato.

La missione del progetto era quella di creare nuove macchine ibride , dotate di tecnologie di produzione sia sottrattiva che additiva, in particolare lavorazione CNC e stampa 3D Directed Energy Deposition (DED). OpenHybrid è riuscito a sviluppare due macchine ibride che hanno utilizzato la produzione sottrattiva e additiva per creare parti di lavoro che collaborano con gli organismi di standardizzazione, affrontando al contempo le applicazioni di produzione e riparazione di aziende automobilistiche, minerarie e di produzione di energia.

L’obiettivo del progetto OpenHybrid afferma:

“Il progetto OPENHYBRID supererà le barriere tecniche e commerciali degli attuali sistemi di produzione ibridi per fornire un unico sistema di produzione in grado di intraprendere una gamma più ampia di processi in una perfetta operazione automatizzata. Il nuovo sistema offrirà una flessibilità senza rivali in termini di materiali, compresa la possibilità di passare da polvere a filo in un unico pezzo. Inoltre, il processo può essere adattato a una vasta gamma di piattaforme per produrre pezzi da 2 cm a 20 m di lunghezza. La capacità dell’approccio OPENHYBRID sarà convalidata attraverso la produzione di dimostratori industriali dei settori della generazione di energia, automobilistico e minerario. “

Il consorzio ha sviluppato una piattaforma ibrida multiutensile per pezzi medi e un’altra per pezzi grandi. Il primo utilizza un sistema di alimentazione della testa in polvere, creato dal partner del progetto Hybrid Manufacturing Technologies (HMT), e il secondo utilizza un sistema di alimentazione della testa del filo sviluppato da HMT e Fraunhofer IPT. Entrambe le piattaforme sono state dimostrate con successo per applicazioni di riparazione e possono essere utilizzate anche per la produzione di nuove parti.

“Creando nuove macchine ibride, dotate di tecnologie di produzione sia sottrattive che additive, OpenHybrid è un punto di svolta per la creazione più rapida di nuove opportunità e applicazioni per la produzione additiva”, ha dichiarato un comunicato stampa EWF. “Questa nuova soluzione aumenta il livello di robustezza e ripetibilità di tali processi industriali, ottimizza e valuta l’aumento delle prestazioni delle linee di produzione in termini di produttività ed economicità e, infine, fornisce una valutazione efficace sulla sostenibilità, funzionalità e prestazioni del prodotto nuovi materiali “.

Una parte importante dell’approccio del progetto è l’uso di un sistema di docking brevettato e standardizzato da parte di HMT, che consente una modifica automatica delle teste di elaborazione DED durante la fabbricazione per un processo più flessibile. OpenHybrid si è anche assicurato di supportare lo sviluppo degli standard AM coinvolgendo le organizzazioni ASTM, AWS, CEN e ISO, in modo che le sue applicazioni fossero “ampiamente accettate”.

I partner del progetto OpenHybrid volevano assicurarsi che sarebbe stato facile integrare il proprio sistema ibrido su qualsiasi piattaforma di macchine utensili e ottenere prestazioni di qualità. Il nuovo approccio flessibile del progetto consente di elaborare sia materie prime in polvere che in filo metallico e di combinare il sistema con macchine utensili e piattaforme di automazione su larga scala, per gentile concessione rispettivamente dei partner del progetto GF Machining Solutions e Gudel.

Altre funzionalità di sistema estese sviluppate dai membri del consorzio includono:

Software adattivo CAD / CAM – BCT e Picasoft
Protezione del gas potenziata – TWI e MTC
Ispezione in-process mediante imaging termico e ottico e ultrasuoni laser avanzati – MTC e TWI
Ispezione NDT laser ad ultrasuoni per analisi dei difetti – TWI
Strumenti di simulazione del processo – ESI

OpenHybrid supporta la visione e gli obiettivi del programma Factories of the Future dell’UE Horizon 2020, e i due sistemi sviluppati dai membri del consorzio renderanno le industrie più esigenti in Europa ancora più competitive.

Be the first to comment on "Completato il Progetto OpenHybrid di Horizon 2020"

Leave a comment