Come stamparsi in 3d l’asteroide Bennu con i file della Nasa

Puoi stampare in 3D il tuo modello di asteroide Bennu ora, grazie alla NASA

Nel 2013, il modello di forma di un asteroide è stato creato utilizzando dati provenienti da telescopi terrestri e osservazioni radar dall’osservatorio di Arecibo e dalla stazione di rilevamento Goldstone. L’asteroide è Bennu ed è attualmente a circa 70 milioni di miglia di distanza, posizionato tra le orbite della Terra e di Marte. Quel modello di forma del 2013 ha posto le basi per la missione OSIRIS-REx lanciata due anni fa; l’astronave ha raggiunto Bennu a dicembre e orbita attorno all’asteroide carbonaceico di 1.650 piedi di diametro e raccoglie dati per oltre un mese.

OSIRIS-REx è la prima missione di campionamento di asteroidi della NASA e lanciata da Cape Canaveral, in Florida, su un razzo Atlas V l’8 settembre 2016. Bennu è il più piccolo oggetto celeste ad essere orbitato da un veicolo spaziale creato dall’uomo ed è in orbita attorno al Sole a circa 63.000 miglia all’ora, quindi OSIRIS-REx ha dovuto guadagnare velocità orbitando attorno al Sole per un anno prima di entrare brevemente nell’orbita terrestre per un lancio assistito dalla gravità per raggiungere Bennu. La NASA ha rilasciato molte immagini ad alta risoluzione della superficie dell’asteroide a forma di diamante dal momento del rendez-vous, ma ora ha rilasciato i file 3D OBJ e STL stampabili delmodello di forma a terra 2013 e il modello di forma 2018 creato dai dati raccolti dalla sonda spaziale OSIRIS-REx.

“A quanto pare, il modello originale del 2013 predisse attentamente la forma attuale dell’asteroide, con il diametro, il tasso di rotazione, l’inclinazione e la forma complessiva di Bennu presentati quasi esattamente come proiettati”, afferma il sito della NASA. La principale differenza tra i modelli è che la versione 2018 include più dettagli topografici fino a sei metri.

Gli obiettivi della missione OSIRIS-REx includono il ritorno e l’analisi di un campione della superficie di Bennu, la documentazione del sito campione, la mappatura dell’asteroide e la misurazione della deviazione dell’orbita causata da forze non gravitazionali (l’effetto Yarkovsky). Un braccio di campionamento toccherà la superficie di Bennu per cinque secondi come parte della manovra di campionamento Touch-And-Go (TAG), rilasciando una raffica di azoto per agitare rocce sciolte e materiale superficiale nella testa del campionatore. Il veicolo spaziale può ottenere fino a 2 chilogrammi di materiale ed è in grado di effettuare tre tentativi di campionamento. Il campione dovrebbe paracadutarsi nel deserto dello Utah il 24 settembre 2023, concludendo un viaggio di sette anni.

Lo scopo della missione è multiforme. Per esempio, la regolite (materiale di superficie) può rivelare la storia antica del nostro sistema solare e contenere i precursori molecolari che hanno portato alla formazione della vita negli oceani della Terra. Ma c’è un altro motivo per studiare Bennu e questa è l’alta probabilità che si scontrerà con la Terra nel 22 ° secolo. Analizzando ora le sue proprietà fisiche e chimiche, gli scienziati possono forse mitigare parte del danno di un impatto in futuro. L’incentivo finale per esplorare lo spazio rock è il suo nascondiglio di risorse preziose come acqua, materiali organici e metalli preziosi. Idealmente, questi materiali saranno estratti per fornire carburante e materiali per ulteriori esplorazioni spaziali e insediamenti.

La NASA è appassionata di stampa 3D e ottimista riguardo al suo utilizzo nel futuro dell’esplorazione spaziale. Hanno eseguito vari test di stampa 3D sulla Stazione Spaziale Internazionale e progettano habitat di stampa 3D su Marte . È bello per la NASA permettere a chiunque di stampare in 3D un pezzo di storia con i loro modelli Bennu.

Be the first to comment on "Come stamparsi in 3d l’asteroide Bennu con i file della Nasa"

Leave a comment