Come stampare in 3d i terremoti da una idea di Doug McCune

La Stampa 3D di un terremoto in 8 passi

Dopo la creazione di una mappa di intensità di una scossa  stampata in 3d nel 2014 Sud Napa di un terremoto di due anni fa, l’artista di Oakland Doug McCune ha pubblicato una guida per la creazione di una mappa 3D stampata di quasi tutti i terremoti di tutto il mondo.

stampare-in-3d-i-terremoti-1Nel mese di settembre 2014, artista Doug McCune è stato svegliato da un terremoto di 6.0 magnitudo che ha colpito  Napa, in California. E ‘stato il più forte grande terremoto nella zona della baia dal 1989. Anche se il sisma ha causato un effetto limitato a San Francisco, dove abita McCune, danni significativi si sono avuti solo Napa. Nel tentativo di comprendere il terremoto e la diffusione geografica del suo impatto, l’artista ha scaricato i dati di picco della velocità a terra Velocity (PGV) dallo United States Geological Survey (USGS). Con questi dati, McCune ha creato una mappa stampata in 3D della regione, con l’intensità che fa tremare la terra raffigurata tramite l’asse Z.

A due anni dal terremoto Napa, McCune ha pubblicato una guida su Instructables mostrando come si possono creare le proprie mappe topografiche dei terremoti stampati in 3d . I dati della maggior parte dei terremoti di tutto il mondo sono liberamente disponibili, in modo che  artisti, geografi, cartografi , possano semplicemente scaricare i dati prima di trasformarlo in un modello 3D. Relativamente semplice il  tutorial di McCune composto da otto punti.

Il primo passo da compiere  è ottenere i dati precisi per il terremoto prescelto. Questi dati, spiega McCune, possono essere meglio forniti da USGS, che elenca i dati scaricabili completi per i terremoti storici, oltre a quelli ipotetici sulla base di “scenari peggiori” per le principali linee di faglia ( in italia va bene il sito di INGV). Per iniziare gli utenti hanno bisogno di procurarsi i shapefile , di solito non più grandi di pochi megabyte, per il terremoto prescelto.

Per la seconda fase, McCune consiglia di utilizzare QGIS per visualizzare gli shapefile scaricati come una mappa fatta di poligoni. “Quello che stai guardando è una mappa di contorno, molto simile ad una mappa topografica di elevazione”, spiega McCune. “Ma invece di rappresentare le curve di livello di  elevazione rappresentiamo l’intensità di scuotimento del terremoto.”

Per convertire la mappa digitale in un modello 3D, McCune ha scritto il proprio strumento chiamato shp2stl, che è una libreria NodeJS. Questo strumento può essere utilizzato con il software NodeJS. Questo è il terzo passaggio . Il quarto passo è quello di configurare la directory di progetto, la quinta è di configurare il codice JavaScript, e il sesto prevede l’esecuzione dello script per generare la stampa di file STL pronto per il 3D.

La settima fase del progetto prevede realtà 3D stampa della mappa della terra terremoto. Il file STL generato può essere affettato e inviato alla stampante utilizzando qualsiasi software di taglio, e la stampa non richiede supporti dal momento che è accatastato dal basso verso l’alto, senza sporgenze. Tuttavia, garantire i bastoncini mappa al letto di stampa durante la stampa è importante. McCune si utilizza una macchina della serie 1 stampante 3D Tipo Pro.

La fase finale (e facoltativa) del processo di stampa 3D coinvolge  il modello al confine , eliminando ogni mare od oceano. In quanto  i dati non fanno alcuna distinzione tra terra e acqua, tagliando l’acqua si può rendere il modello più chiaro.

Non contento di riposare sugli allori, McCune sta ora tentando di stampare mappe 3D di dati di uragani e di tornado.

Negli ultimi anni, la stampa 3D è stato usata per creare vari tipi di mappe 3D. La grande quantità di dati  geografici e di dati topografici disponibili che ha permesso ai progettisti di creare enormi mappe tattili di Londra e Tokyo, mentre le mappe stampate in 3d per i non vedenti stanno quindi diventando sempre più comuni.

Be the first to comment on "Come stampare in 3d i terremoti da una idea di Doug McCune"

Leave a comment