Come sarà la stampa 3d nel 2020

Come ogni anno il sito americano 3dprintinindustry.com intervista i principali operatori della stampa 3d sull’immediato futuro

80 ESPERTI DI PRODUZIONE ADDITIVA PREVEDONO LE TENDENZE DELLA STAMPA 3D DA TENERE D’OCCHIO NEL 2020

Prevedere il futuro è impossibile. Ma ciò non ci impedisce a 3dprintingindustry.com di invitare CEO, CTO e altri esperti AM a darci previsioni sulla stampa 3D per il 2020.

Se vuoi rimanere aggiornato con le ultime notizie sulla stampa 3D, iscriviti alla nostra newsletter gratuita sull’industria della stampa 3D . Sarai tra i primi a conoscere i premi del settore della stampa 3D del 2020 e riceverai aggiornamenti su nuovi lavori e spostamenti di carriera nel settore AM .

Marie Langer, CEO, EOS GmbH

Nel corso degli anni, la produzione additiva è passata da un sistema e materiali a una soluzione completa end-to-end. Allo stesso tempo, siamo riusciti a ridurre in modo sostanziale i costi dei materiali e aumentare la produttività del processo, rendendo così AM un driver chiave della produzione digitale a livello di costo per parte. Continueremo a consentire procedure di qualificazione e certificazione della tecnologia accelerate per accelerare l’ulteriore industrializzazione della nostra tecnologia, il tutto con l’obiettivo di aumentare le fabbriche alla produzione in serie su larga scala. I modelli di business AM digitali stanno appena iniziando a svilupparsi: EOS è determinata ad accompagnare i clienti lungo il loro cammino.

Arno Held, Chief Venture Officer, AM Ventures

Il 2020 sarà un grande anno di tecnologie di post-elaborazione. Tutto ciò che trasforma una parte stampata in 3D in un prodotto finale sarà molto apprezzato dagli utenti esperti e continuerà ad aumentare il numero di applicazioni ad alto volume prodotte in modo aggiuntivo.

Inoltre, vedremo emergere ancora più nuovi e diversi concetti hardware che ci consentiranno di elaborare nuove gamme di materiali che non erano mai stati processabili prima.

Naresh Shanker, Chief Technology Officer, Xerox

Il settore si trova in un punto critico di inflessione: abbiamo realizzato queste straordinarie stampanti 3D in grado di produrre in modo affidabile parti di grande volume e uso finale. Per realizzare appieno queste capacità, dobbiamo innovare per i processi adiacenti, adottando al contempo approcci basati sui dati per garantire risultati coerenti e affidabili.

Per un’ampia adozione della stampa 3D sul pavimento della fabbrica, devono accadere due cose. In primo luogo, ci sarà una maggiore attenzione al progresso dell’infrastruttura richiesta per supportare la stampa 3D – e per infrastruttura intendo tutto ciò che va oltre la stampante che rende possibile la produzione additiva: progettazione additiva, flusso di lavoro di produzione e materiali nuovi o migliorati.

In secondo luogo, vedremo l’adozione di sistemi “a circuito chiuso”, stampanti 3D con nuove tecnologie basate su sensori per garantire ripetibilità e qualità, consentendo agli OEM di produrre parti con materiale certificabile e proprietà dimensionali.

Vyomesh Joshi, Presidente e CEO, 3D Systems

Nel 2019, abbiamo visto la produzione 3D diventare realtà. In effetti, i clienti hanno fatto affidamento sulle nostre soluzioni per creare oltre 200 milioni di parti di produzione nel corso dell’anno. Con la disponibilità di soluzioni che includono materiali, hardware e software progettati per applicazioni di produzione, credo che l’adozione della produzione additiva per creare parti di produzione continuerà a crescere. Abbiamo attraversato il burrone e inizieremo a vedere più casi d’uso in cui la produzione seriale sta aumentando. Una maggiore adozione continuerà a essere guidata da mercati chiave come quello sanitario, dentistico e aerospaziale. In effetti, credo che vedremo un numero crescente di produttori di dispositivi medici nel prossimo anno che integrano la stampa 3D in metallo nei loro flussi di lavoro di produzione.

Vedremo anche gli OEM accelerare l’innovazione nei materiali di produzione, post-elaborazione e automazione per supportare nuove applicazioni. Credo anche che più aziende offriranno un livello di sofisticazione al modo in cui il software si integra nei flussi di lavoro di produzione. Progettazione, ingegneria, pianificazione, officina e ispezione (QC) si uniranno in un processo basato su cloud che sfrutta le capacità delle singole piattaforme per alimentare l’intero processo.

Bart Van der Schueren, CTO, Materialise

Le multinazionali stanno diventando sempre più influenti e con tale influenza deriva la responsabilità. L’industria della stampa 3D non è esente da questo e deve considerare l’impatto sociale e ambientale della tecnologia. Ciò significa che, mentre sviluppiamo nuovi prodotti e tecnologie per aiutare i nostri clienti a creare applicazioni innovative e significative, la sostenibilità diventerà la priorità. La stampa 3D offre già alle aziende uno strumento per produrre in modo più sostenibile, sia sul piano sociale che ambientale. Di conseguenza, molti vedono la stampa 3D come una forza positiva che aiuta le aziende a operare in modo più sostenibile. Ma questo semplicemente non è abbastanza. Il nostro settore può e deve fare di più, sviluppando modi nuovi e innovativi per ridurre il nostro impatto sulle società con cui interagiamo e sugli ambienti in cui operiamo. la domanda non è: la stampa 3D è una tecnologia di produzione più sostenibile? La domanda diventa: cosa possiamo fare per rendere la stampa 3D più sostenibile?

Jeng-Ywan Jeng, professore distinto professore di NTUST , direttore del centro di ricerca sulla stampa 3D ad alta velocità di NTUST

Con la tecnologia di stampa 3D che diventa più matura di prima, è possibile risolvere molti ostacoli, soprattutto per il tipo di fotopolimerizzazione della stampa 3D. Aveva il problema che la produttività era troppo bassa e il costo era troppo alto. E ora c’è una nuova soluzione che potrebbe essere in grado di risparmiare tempo per garantire che le stampe possano aderire alla piattaforma, non alla vasca inferiore. Con questa svolta, le stampanti 3D LCD possono essere applicate in più settori e ampliarne l’utilizzo. Sempre più prototipi o persino i prodotti finali possono essere stampati con elevata produttività ed efficienza. La stampante 3D LCD avrà un nuovo posto nel settore quest’anno.

Karen Linder, CEO, Tethon 3D

Il 2020 sarà l’anno dei materiali AM. L’industria AM vedrà rilasciata un’ampia varietà di nuovi prodotti materiali. Quelli che avranno maggiore successo saranno quelli per i quali esistono applicazioni specifiche per prodotti finali di alto valore e grande mercato. Ma anche i materiali che presentano una soluzione a un problema (finora) sconosciuto potrebbero avere un impatto enorme sul nostro mondo una volta che le menti creative degli utenti AM sono stimolate dalle possibilità.

Jos Burger, CEO, Ultimaker

Vi è una grande opportunità per la crescita del settore nel 2020. Il nostro indice indica che nei prossimi due anni, il 25% delle aziende intervistate ritiene che la stampa 3D sarà ampiamente adottata, rispetto al solo 7% di oggi. In tutto il mondo, la consapevolezza della tecnologia sta crescendo e nel 2020 ci aspettiamo che più leader aziendali mettano l’accento sul colmare il divario di competenze tra i dipendenti e i fornitori di istruzione lavorino per fornire agli studenti le competenze necessarie per le future carriere nell’industria 4.0.

Nora Toure, fondatrice, Women in 3D Printing

Dalla mia esperienza con Ivaldi Group, mi aspetto un drammatico aumento di casi studio industriali con nuovi materiali. Soprattutto con il costo del calo della stampa 3D in metallo, ciò consentirà l’adozione industriale nel nuovo anno. Mi aspetto che in questo prossimo anno ci saranno più casi d’uso e prove di concetti e vedremo uno spostamento più verso la produzione effettiva, comprese le industrie tradizionali e pesanti come petrolio e gas, miniere e costruzioni. Tuttavia, penso che ci saranno ancora un piccolo numero di aziende pronte ad implementare la produzione additiva nella loro catena di approvvigionamento commerciale nel 2020.

Ci sono state varie acquisizioni interessanti quest’anno. Penso che vedremo più di questi nel 2020 man mano che i leader emergeranno e daranno forma al settore.

Come fondatrice di Women in 3D Printing, sono stata molto lieta di vedere il 2019 portare 2 CEO femminili nel settore: il CEO di EOS Marie Langer e il CEO di Carbon Ellen Kullman. Tuttavia, non abbiamo ancora abbastanza leader femminili come per oggi, ma spero che ne vedremo emergere più e che assumeranno più responsabilità nel prossimo anno.

Zach Simkin, Presidente, Senvol e Presidente, Comitato consultivo per la produzione di additivi per le PMI

Nel 2020, prevedo che l’uso dei dati di monitoraggio in situ inizierà a diventare più diffuso. Stiamo già iniziando a vedere più sensori distribuiti all’interno delle macchine, il che è fantastico. Nel 2020, mi aspetto che le organizzazioni inizieranno a utilizzare meglio le crescenti quantità di dati dei sensori per fornire assistenza in settori quali qualificazione e certificazione, controllo di qualità e controlli di feedback / feed-forward.

Spero anche che nel 2020 venga pubblicato un dizionario di dati comune per la produzione additiva. Il NIST (Istituto nazionale di standard e tecnologia), insieme alla Penn State University, sta attualmente conducendo un gruppo di lavoro molto produttivo e attivo incentrato su questo argomento. Si tratta di un’area di grande necessità, e spero che vedrà molti progressi nel 2020.

Charles Han, CEO, INTAMSYS

Vedremo più concorrenza nel prossimo anno man mano che emergeranno più giocatori nel campo della stampa 3D industriale. Saranno esplorate applicazioni verticali industriali più interessanti e promettenti.

Noritaka Yasuda, CEO, JAMPT Corporation

Il rame puro e il carburo di tungsteno, generalmente riconosciuti come materiali difficili da stampare, sono un mercato emergente per Metal AM. JAMPT ha stampato questi materiali e ha ricevuto feedback positivi sulla qualità costruttiva dei pezzi da clienti industriali.

Non limitato a questi materiali specifici, vediamo che il mercato giapponese si sta decisamente spostando dalla prototipazione alla produzione in serie negli ultimi anni. Sebbene il Giappone abbia iniziato piuttosto lentamente nell’industrializzazione della tecnologia AM, poiché il paese è cresciuto con i suoi “Monozukuri”, vediamo un potenziale così grande nell’imminente crescita del mercato giapponese dell’AM.

Ci aspettiamo di accelerare maggiormente l’adozione del mercato AM nel 2020.

Josef Průša, CEO e fondatore, Prusa Research

Fare previsioni è sempre una pendenza scivolosa, sappiamo tutti che dopo tutto 640KK di RAM non erano sufficienti per tutti. Ma posso sicuramente condividere le speranze che ho.

Spero sicuramente che noi e l’industria del desktop inizieremo a far sentire a proprio agio le persone non tecniche con la stampa 3D. Questo è stato un tema in corso negli ultimi anni, ma ho avuto la sensazione che finalmente ci sta arrivando, soprattutto dopo il nostro lancio di successo della Original Prusa MINI.

Mi aspetto anche che vengano presentati molti nuovi materiali per le stampanti FFF e SLA. Ne abbiamo sicuramente in cantiere per il 2020.

Jack Chen, CEO, Creality3D

Nel 2019, alla luce del fatto che il mercato internazionale delle stampanti 3D è monopolizzato dai marchi europei e americani.

Creality ha davvero fatto una svolta e ha davvero promosso l’intero settore della stampa 3D, dall’ideazione all’atterraggio, nonché alle applicazioni di stampa 3D.

Partiamo dal presupposto che la tecnologia di stampa 3D farà un grande passo e la sua applicazione si sposterà su più settori, Creality continuerà a scavare nuove tecnologie e soluzioni per adattarsi alla stampa 3D con il vantaggio della ricerca e sviluppo, in particolare la stampante 3D per i clienti e una stampante 3D per l’industria, che consente alle persone di saperne di più sulla tecnologia di stampa 3D nel 2020.

La tendenza è che il mercato della stampa 3D è davvero pieno di opportunità e sfide, non importa per Creality o altri marchi di stampa 3D.

Andrei Vakulenko, Chief Business Development Officer, Artec 3D

Nel periodo 2020-2021, AI consentirà agli scanner 3D di riconoscere e comprendere le forme geometriche e il materiale di cui è fatta una superficie. Ciò renderà la scansione 3D ancora più semplice per gli utenti, poiché il dispositivo inizia a fare molto di più che acquisire semplicemente dati 2D e 3D.

Con l’avanzamento delle funzionalità intuitive degli scanner 3D negli ultimi 1-2 anni, le aspettative per la scansione 3D saranno tanto intuitive quanto lo è la realizzazione di un video su un telefono cellulare che sarà più alta che mai nel 2020. Quindi vedremo sicuramente sviluppi nel settore in questo settore.

Vedremo anche una migliore acquisizione del colore per CGI, AR / VR ed e-commerce, poiché la scansione 3D sta diventando un aspetto sempre più importante in questi settori, rendendo più veloce e più facile la creazione di grafica iperrealistica.

Janne Pihlajamaki, CEO, miniFactory

Riteniamo che nel prossimo futuro il passaggio dalla prototipazione alla produzione di parti per l’utente finale aumenterà rapidamente. Ciò farà risaltare gli standard, la ripetibilità e l’affidabilità sotto i riflettori dei decisori. Attualmente, il collo di bottiglia del settore si trova ancora nella fase di progettazione delle parti. Perché? Perché i vantaggi della stampa 3D non sono utilizzati correttamente nei progetti delle parti. Pertanto, l’uso ottimale delle parti stampate in 3D è difficile da rilevare.

La nostra missione è di rinnovare la produzione del pezzo. Lo faremo portando l’usabilità intuitiva della nostra macchina a un livello tale che i vantaggi della stampa 3D sono evidenti per tutti. Ciò consentirà un uso ottimale delle parti stampate in 3D. Quando la quantità di stampanti 3D in uso aumenta, la tecnologia diventa parte della conoscenza comune. Ciò porterà a una situazione in cui i progettisti, gli operatori e persino i clienti finali sanno di richiedere la stampa 3D come metodo utilizzato per la produzione di pezzi per uso finale.

Dal punto di vista di miniFactory, possiamo dire che i polimeri ad alte prestazioni sono al centro dell’attenzione della produzione additiva al momento, e per una ragione. La maggior parte dei polimeri ad alte prestazioni che forniamo ai nostri clienti può essere stampata solo con la tecnologia FFF, che è nota per essere una tecnologia pulita e facile da usare. FFF è anche un modo altamente economico per produrre pezzi di ricambio e porta risparmi a chi lo utilizza. Riteniamo che questo sia uno dei motivi principali per cui i polimeri ad alte prestazioni continueranno a prosperare.

Edgar Hepp, CEO, Exaddon

Abbiamo prospettive molto positive per il 2020, sia per Exaddon come azienda, sia per il settore AM in generale.

Essendo un micromanificio additivo unico nel suo genere (µAM) di oggetti metallici, guardiamo indietro a un grande 2019 con risultati fantastici; 40% di aumento del personale, raddoppiato la larghezza di banda del nostro laboratorio di ricerca e sviluppo, esposto in 11 eventi in tutta Europa e pubblicato numerosi articoli di ricerca in collaborazione con varie università.

Pensiamo che il 2020 vedrà una continuazione di questa tendenza positiva, che è facilitata da un’industria AM in crescita e un settore manifatturiero che è sempre più ricettivo alle possibilità che AM offre.

Nel 2020 ci aspettiamo un aumento di 3 volte dei ricavi delle vendite, aumentando il personale del 30% -40%, stabilendo almeno quattro nuovi distributori (paesi) e lo sviluppo di almeno una specifica applicazione di alto valore per i clienti. Ciò dimostra la salute del settore µAM e la validità della nostra tecnologia.

Grazie alle nostre strette relazioni con istituti scientifici e di ricerca come l’ETH di Zurigo, tre pubblicazioni saranno pubblicate nel primo trimestre 2020 e altre cinque entro la fine dell’anno. Ospiteremo uno studente Master per scrivere la sua tesi, oltre a sostenere uno studente di dottorato di ricerca per condurre nuove ricerche sulle nuove tecnologie.

Parallelamente, apriremo l’azienda agli investitori esterni per consentire la fase di industrializzazione della nostra tecnologia.

Continueremo con la nostra duplice strategia di lavorare a stretto contatto con istituti scientifici e di ricerca su progetti scientifici e di realizzare progetti di industrializzazione con attori del settore globale.

Più in generale, prevediamo un’accelerazione della crescita del mercato nel 2020, in particolare per il µAM.

Martin Schöppl, Amministratore delegato, Genera

A Formnext era molto ovvio che AM avrebbe avuto un ruolo importante nelle industrie future. Con l’alta velocità, questa tecnologia entra nella maggior parte dei settori e quindi prevediamo un forte aumento nei prossimi anni.

Andreas Hartmann, CEO / CTO, Solukon

Nel 2020 prevediamo un’ulteriore crescita della domanda di parti con elevata complessità, in particolare nei settori aerospaziale ed energetico. Prevediamo inoltre che altri mercati saranno ispirati dalla straordinaria creatività di nuove generazioni di ingegneri e designer. Il rovescio della medaglia dell’equazione è che la complessità della parte spesso comporta maggiori sfide nelle attività a valle associate all’ottenimento, alla pulizia e alla finitura delle parti AM. Entro la fine del 2020 prevediamo ulteriori progressi nell’automazione di questi processi.

Kadine James, Creative Tech Lead, Hobs 3D

A gennaio lanceremo la Hobs Academy nella nostra fabbrica digitale e studi immersivi a Londra. Questa collaborazione con l’Università di Ravensbourne contribuirà a fornire la formazione necessaria per le competenze 3D per l’ambiente costruito e le industrie creative e guiderà opportunità di lavoro. Abbiamo bisogno che l’industria e il mondo accademico lavorino insieme per supportare la prossima generazione di designer industriali e leader digitali, la collaborazione sarà fondamentale per realizzare la strategia industriale per il Regno Unito e guidare l’economia.

Filemon Schöffer, CCO, Hub 3D

Penso che vedremo accelerare il tasso di adozione della stampa 3D. Sempre più aziende di piccole e medie dimensioni stanno sfruttando al massimo la velocità di prototipazione e le complessità geometriche fornite dalla stampa 3D, man mano che la tecnologia diventa sempre più accessibile. Accanto a questa crescente domanda di parti stampate in 3D, è disponibile una capacità di stampa 3D praticamente illimitata tramite servizi online, come gli hub 3D e altre piattaforme di produzione. Ciò fornisce alle PMI l’accesso a un’offerta competitiva, aumentando la velocità di sviluppo del prodotto e accorciando il loro time-to-market.

Dr. Kaj Führer, CEO, enter2net

La produzione additiva sta diventando parte integrante della catena del valore nelle aziende manifatturiere. Grazie al miglioramento continuo di macchine e materiali, nonché ai balzi di innovazione nelle nuove tecnologie di stampa 3D, sempre più applicazioni sono convenienti utilizzando la produzione additiva. Tutti questi argomenti richiedono una progettazione correlata al processo di processi a valore aggiunto AM e flussi di dati CAD nonché l’implementazione di soluzioni software adeguate. Oltre all’automazione in officina, l’automazione che utilizza software per la progettazione conforme a DfAM, la preparazione automatizzata dei lavori di stampa e l’integrazione nei sistemi ERP diventeranno sempre più importanti nel 2020. Nella pre-elaborazione, soluzioni per l’ottimizzazione della topologia automatizzata,

Ric Fulop, CEO e co-fondatore, Desktop Metal

Previsione: la prossima frontiera per l’additivo sarà nelle applicazioni funzionali per l’uso finale e nella produzione di massa. C’è un lungo arco nell’evoluzione dell’industria manifatturiera additiva e sono entusiasta di essere in grado di fare cose che la gente non è mai stata in grado di fare prima. L’industria della stampa 3D è in circolazione da più di 20 anni ed è entrata nello spazio della prototipazione e delle maschere e dei dispositivi con forte penetrazione. Ma non abbiamo nemmeno graffiato la superficie. Sono particolarmente entusiasta della prossima frontiera dell’additivo. Nel prossimo anno e nel prossimo decennio, mi aspetto di vedere una crescita da questo sottosegmento di maschere e dispositivi e casi di utilizzo precoce alla produzione in serie, pezzi di ricambio e applicazioni funzionali per l’uso finale di componenti tradizionalmente realizzati con altri tecniche di fabbricazione.

Previsione: il 95-99% della spesa per la produzione passerà a parti funzionali per uso finale. La produzione è un valore su larga scala. Hai visto la prima ondata di adozione della tecnologia di stampa 3D principalmente nella convalida del design, prototipazione, maschere e dispositivi, rendendo la fabbrica più produttiva e alcune applicazioni di utensili. E se osservi la spesa totale di produzione oggi, meno del 5% è destinato alla prototipazione, allo sviluppo del prodotto o agli strumenti, ed è qui che AM ha giocato fino ad oggi. In questo prossimo decennio per la stampa 3D, stiamo entrando in una curva esponenziale perché la tecnologia è più conveniente, ci sono più casi d’uso e più fornitura di materie prime che aprono lo spazio delle applicazioni. Ciò consente a questo nuovo mercato, che ora passa da quel componente iniziale alle parti e ai pezzi di ricambio per uso finale. Adesso,

Speranza: AM accelererà una maggiore libertà di progettazione del prodotto. Una delle cose uniche della produzione additiva (AM) è che ti libera dalla tirannia degli utensili. Gli utensili sono stati fantastici perché riducono il costo per pezzo, ma ti offrono un grande costo iniziale e limitano ciò che il tuo prodotto può fare in termini di libertà di progettazione. La cosa grandiosa di AM è che ora stiamo iniziando a progettare che è guidato dalla fisica o dalla matematica. Ora puoi effettivamente ottenere la forma che volevi, leggerla per ottenere le prestazioni di cui hai bisogno e, con gli ultimi strumenti di progettazione come il design generativo, puoi davvero fare cose incredibili. La mia speranza è che quando le persone guarderanno indietro alla quarta rivoluzione industriale tra 50 anni,

Tessa Blokland, co-fondatrice, LEO Lane

Nel 2020 e nel decennio che inizia, la collaborazione tra i partner dell’ecosistema sarà cruciale. In LEO Lane apprezziamo la facile integrazione e il buon gioco con gli altri, speriamo che questo approccio diventi prevalente nel prossimo anno e ancora di più nel prossimo decennio. Un’altra nostra previsione è che la ripetibilità e la coerenza diventeranno prevalenti in quanto non vi è produzione industriale senza di essa. Infine, penso che nel 2020 gli strumenti (maschere e dispositivi) continueranno a essere un’applicazione AM leader ma anche un gateway per altre applicazioni nell’organizzazione (ad esempio, pezzi di ricambio).

Kris Binon, direttore, Flam3D

Il 2020 si rivelerà un anno turbolento. Molte aziende riconsidereranno la loro posizione, le strategie saranno modificate. Di conseguenza, ci saranno una serie di nuove alleanze, fusioni e acquisizioni. Alcune attività non redditizie cesseranno di esistere. Le “nuove” tecnologie saranno veramente limitate, ma le innovazioni nel software (incluso Deep Learning / AI) e nei materiali continueranno a prosperare. Vedremo una battaglia per la quota di mercato e contemporaneamente vedremo un mercato in crescita. Un’altra tendenza emergente sarà lo sviluppo di piattaforme / macchine AM specifiche per prodotto.

Harry Schmid, fondatore e amministratore delegato, Gramm

Nel 2020 spero di vedere una fusione del movimento Reprap con la stampa 3D industriale. L’ecosistema che circonda le stampanti Reprap è di gran lunga più potente di qualsiasi ecosistema per stampanti 3D industriali. Le stampanti a fusione a letto di polvere metallica spesso non hanno interfacce aperte o standard aperti per i loro file di lavoro. Ciò ostacola l’innovazione e la collaborazione. I produttori di sistemi devono aprire le interfacce per le loro macchine, mentre gli operatori di piattaforme e gli sviluppatori di software devono supportare il maggior numero possibile di macchine, materiali e servizi ausiliari.

Mentre la standardizzazione e la maggiore attenzione alla qualità del settore sono ben accette, gli utenti e i fornitori non devono sacrificare la varietà per questo. La qualità è ovviamente più semplice, meno sono le variabili nel processo di produzione. È al riparo dall’abbondanza di opzioni che rendono la stampa 3D attraente e utile. Se ci concentriamo solo sulla standardizzazione, la stampa 3D finirà per essere una versione leggermente peggiore dello stampaggio ad iniezione. Invece dobbiamo abbracciare la varietà e includerla nel nostro modello di processo. È il più grande vantaggio della stampa 3D.

Jordi Drieman, specialista delle applicazioni 3D, Mimaki

Le previsioni sono difficili da dare – per me è più una combinazione di previsioni e speranze. Le capacità della stampa 3D sono quasi infinite. Penso che sia giunto il momento di portare questa tecnologia a un pubblico più ampio, ad esempio, introducendo i designer CG nel mondo della stampa 3D. Spero che, nel prossimo anno, il software utilizzato per i progetti CG sarà sempre più integrato con la stampa 3D per aiutare a ridurre la curva di apprendimento.

Philipp Schlautmann, direttore esecutivo, 3D-figo

Ci aspettiamo di vedere un’enorme ondata di nuove opportunità con il processo FFD. Abbiamo una vasta gamma di materiali a nostra disposizione. Il TPU con 5 shore è il materiale più morbido e Al2O3 è il materiale più duro che può essere elaborato sulle nostre stampanti FFD. Inoltre, la possibilità di alternare plastica, ceramica e metallo sulla stessa macchina o di stampare contemporaneamente è molto apprezzata dai nostri clienti e apre nuovi mercati per 3d-figo.

Abbiamo molte richieste interessanti anche per la stampa multi-materiale. Con le nostre macchine, le materie plastiche possono essere combinate con altre materie plastiche ma anche ceramica con altre ceramiche, metalli con altri metalli o persino ceramica con metalli. I primi componenti in ceramica con un conduttore integrato esistono già e lo sviluppo continua.

Con queste nuove possibilità, prevediamo una crescita delle vendite di oltre il 30% nel 2020.

Stephan Kühr, CEO, 3YOURMIND

Il nostro obiettivo per il 2020 sarà l’ identificazione automatica delle parti e il monitoraggio delle applicazioni di produzione di massa con software. I nostri clienti hanno trovato ed eseguito parti straordinarie nel 2019 e sappiamo che molte fantastiche applicazioni (sia piccole che grandi serie) saranno rese pubbliche quest’anno!

Sasha Long, VP Engineering and Sales, Arcast Inc.

Produciamo attrezzature per la produzione di polvere di metallo e offriamo anche un servizio di pedaggio per la produzione di polvere. Lavoriamo con quasi tutti i leader del settore e gruppi di ricerca in tutto il mondo. Stiamo assistendo a una rapida crescita e investimenti nel mercato nordamericano. Vi sono investimenti significativi da parte dei principali laboratori di ricerca e università per la produzione di polvere di metallo. Vediamo la maggior parte degli investimenti in polvere da leghe nuove o in via di sviluppo. Sembra che ci sia una grande quantità di lavoro da fare per personalizzare le leghe per dare le stesse o migliori proprietà con le parti AM / PM come si vede nelle parti forgiate forgiate. L’Europa occidentale ha investito in quest’area circa 3-5 anni prima, ma ora sembra rallentare la quantità di investimenti in quest’area. Al contrario, gli Stati Uniti e i mercati canadesi sono stati lenti ad andare avanti.

Vi è una crescita costante nella produzione su larga scala dei mercati delle polveri di lega standard per la stampa 3D negli Stati Uniti, in Canada, nel Regno Unito e in Scandinavia. Tuttavia, non crediamo che le leghe convenzionali saranno dove finirà la fornitura di polvere, in base alle tendenze della ricerca e ai problemi che devono essere risolti. Arcast si concentra sulla fornitura di soluzioni per lo sviluppo e la produzione di nuovi materiali. La storia ha dimostrato che ogni applicazione in metallurgia richiede leghe diverse per massimizzare le prestazioni dalla forma e dal metodo di produzione di ciascun prodotto metallico. La polvere per AM non è diversa.

Anni fa avremmo venduto 1-3 atomizzatori per produrre polvere all’anno. Ora stiamo vendendo 10 o più all’anno. Non vediamo questi numeri cadere presto. Questi sistemi vanno da 100 a 1000 kg di produzione per lotto. Mi aspetto che questi sistemi abbiano una capacità continua o multi-ton nei prossimi anni.

Una sfida che sta uscendo dal mercato è lo spreco o la polvere fuori specifica dal processo di atomizzazione / sferoidizzazione o dal processo di stampa. Molti utenti e produttori si trovano ad affrontare grandi quantità di rifiuti in polvere senza una risposta chiara su cosa farne? Abbiamo e stiamo sviluppando modi per ritrattare questa polvere in barre o in polvere specifica. Questa è una parte fondamentale del ciclo metallo / polvere per mantenere la stampa AM / 3D il più efficiente possibile.

Wojciech Gaweł, CTO e socio amministratore, Sonda SYS

Il nostro prodotto principale è una stampante SLS, quindi siamo principalmente interessati alla tecnologia SLS. Nel 2020, come settore, dovremmo concentrarci sullo sviluppo di materiali 3DP ad alta temperatura e sui processi di stampa. Sono abbastanza sicuro che la maggior parte dei produttori vede questo crescente bisogno di consumatori e utenti, soprattutto (ma non solo) se parliamo di industria automobilistica e aerospaziale. Secondo la mia sincera opinione, anche se il 3DP ad alta temperatura sta diventando sempre più frequente nell’offerta di molti marchi, c’è ancora molto da fare quando si parla di usi pratici e applicazioni.

L’altra direzione su cui dovremmo concentrarci è la personalizzazione del dispositivo. Oggi, quando i clienti hanno delle esigenze o necessitano di un dispositivo 3DP diverso dallo standard offerto dai produttori, devono pagare un extra. E questo prezzo “extra” è più frequentemente superiore di circa il 50% rispetto al normale. Quindi, come produttori, dobbiamo ripensare il processo di costruzione delle macchine in modo che consentiamo di costruire le nostre stampanti 3D tenendo conto delle esigenze non standard dei clienti e allo stesso tempo al prezzo al quale saranno in grado di pagare . L’altro modo, che è il nostro modo, è sviluppare dispositivi che potranno essere aggiornati in futuro a costi pienamente accettabili. Letteralmente: quando l’attività del cliente crescerà e porterà denaro per tale aggiornamento o quando cambieranno le esigenze di produzione / fabbricazione 3DP.

Lasse G. Staal, CEO, AddiFab

Nel 2020, gli strumenti stampati (che consentono combinazioni di produzione AM e produzione convenzionale) acquisiranno importanza. Utensili morbidi stampati in particolare – perseguiti da giocatori come AddiFab, Fortify e Stratasys, ma il metal AM continuerà a costruire trazione nel settore dello stampaggio ad iniezione.

Combinando AM e IM, i produttori ottengono una scalabilità senza soluzione di continuità dalla prototipazione alla produzione. I produttori possono utilizzare gli utensili stampati morbidi per i primi prototipi e migrare verso gli utensili in metallo stampato mentre i volumi aumentano. Non dovranno utilizzare versioni specializzate (stampabili in 3D) dei loro materiali esistenti per la fase di prototipazione e potranno usare le loro macchine convenzionali per lo stampaggio ad iniezione.

Dror Danai, CBO, XJet

Continueremo a vedere una maggiore adozione di AM per metallo e ceramica nel 2020. Spero che l’industria maturi e, invece di guardare solo alla sostituzione delle tecnologie di produzione di massa e all’aumento della velocità, capirà che la stampa 3D / AM ha il potenziale per cambiare prodotti e consentire brevi sequenze di cose che prima erano impossibili.

Mateusz Sidorowicz, direttore marketing, 3DGence

Dal punto di vista commerciale, credo che il 2020 sarà l’anno delle acquisizioni. L’industria della stampa 3D sta diventando molto più matura e ci sono troppi giocatori in alcuni campi, i grandi giocatori stanno cercando di crescere (anche attraverso acquisizioni) e accelererà solo questo processo. Ciò costringerà alcune aziende a ritirarsi dal settore della stampa 3D o a cambiare il loro modello di business. Per quanto riguarda gli affari, sarà un anno molto interessante, con non molti nuovi giocatori.

Ci saranno cambiamenti significativi nel campo di applicazione della stampa 3D. Le applicazioni mediche stanno diventando più accessibili, molte aziende hanno attraversato il processo di apprendimento della tecnologia e ora stanno integrando diverse tecnologie di stampa 3D nel loro processo di produzione. Tutte le tecnologie di stampa 3D sono più affidabili, più veloci, hanno un portafoglio di materiali più ampio e sono molto più giustificate dal punto di vista economico. Stiamo osservando che molti dei nostri clienti stanno esaminando la stampa 3D per ridurre i costi. O è denaro o tempo. Ci sono segnali sul mercato globale che sta arrivando il rallentamento, qualsiasi attrezzatura che possa accorciare la strada per il mercato e ridurre la spesa sarà molto interessante per le aziende.

Nella FFF i principali sviluppi riguarderanno i materiali e l’intero processo. Ci saranno più applicazioni per filamenti speciali come ceramiche, anche i segmenti di materiali ad alte prestazioni (PAEK, PEI) e materiali tecnici (PC, PA, materiali riempiti) cresceranno in modo significativo. I produttori dovranno fornire una soluzione completa, dai materiali dedicati alle applicazioni industriali alla post-elaborazione che risulterà in una parte finale che soddisfa i requisiti del cliente.

La legislazione accadrà nella stampa 3D, in questo momento ci sono solo alcuni standard internazionali per le stampanti 3D. Vedremo molte più aziende preoccupate per la sicurezza. Soprattutto nelle stampanti 3D industriali (da FFF a DMLS) le stampanti 3D saranno un’apparecchiatura “standard” che dovrà seguire le normative.

In questo momento siamo sull’orlo di un grande cambiamento. Le stampanti 3D non saranno in tutte le case ma lo saranno in tutte le aziende che stanno cercando di ottimizzare i loro processi di produzione. Sarà uno standard per i reparti RnD, manutenzione, attrezzature e produzione. La sfida più grande sarà quella di soddisfare le esigenze del cliente e aggiungere la stampa 3D al suo processo.

Lorenzo Sebastianelli, Responsabile vendite, 3DPRN

La stampa 3D sta crescendo esponenzialmente di anno in anno: nuovi materiali, nuove stampanti, nuovo formato (soprattutto di grande formato). Riteniamo che nel 2020 avremo l’ennesima conferma che la stampa 3D verrà introdotta nelle aziende per la produzione di prodotti finiti, affiancando / sostituendo i tradizionali processi di produzione. 3DPRN ha un progetto molto interessante nel 2020 nello sviluppo di stampanti 3D, unendo più stampanti, otterremo dimensioni molto interessanti fino a una dimensione di 6000 mm.

Björn Ullmann, CEO, One Click Metal

Abbiamo già visto una più ampia adozione di AM nel 2019: più casi d’uso ma anche più fornitori. C’erano molti più fornitori non solo per stampanti ma piuttosto lungo la catena di processo. Esistono più fornitori di software per la preparazione dei dati ma anche di post elaborazione e finitura delle parti. Questo è un passo importante in quanto mostra che le persone iniziano a pensare a come effettivamente arrivano a una parte di uso finale. Molti di questi nuovi attori cercano di semplificare la complessità della catena del valore fornita con i diversi metodi di produzione additiva e credo che questo sarà qualcosa che vedremo sempre di più nel 2020: AM diventerà più mainstream, più accessibile e più facile da usare .

Johannes von Borries, Managing Partner, partner UVC

Il 2020 sarà l’anno per portare sul mercato di massa applicazioni di stampa 3D molto specifiche. Questo può essere in campi molto diversi di applicazioni come cosmetici, medici o aerospaziali e sarà guidato dalla funzionalità e non dal costo.

Johannes Rahn, Technical Sales, SCANLAB GmbH

Per il 2020 prevediamo una quota stabile del mercato della produzione additiva (AM) in termini di tecnologie di produzione. L’attenzione si concentrerà su macchine migliorate e progressi nella progettazione delle macchine per ampliare l’adattamento di AM per varie applicazioni. Complessivamente, prevediamo una collaborazione sempre più intensa lungo l’intera catena di fornitura, dai fornitori di componenti e integratori di macchine fino al coinvolgimento di diversi clienti industriali.

Rafał Tomasiak, CEO, co-fondatore, Zortrax

Il 2020 sarà un anno entusiasmante per l’industria AM. Vedremo un crescente spostamento verso l’integrazione delle tecnologie di stampa 3D nei flussi di lavoro che funzionano in più campi come medicina, produzione snella e aerospaziale, per citarne solo alcuni. Con questa crescente integrazione, prevediamo che le stampanti 3D e i dispositivi ausiliari che supportano il processo di stampa 3D diventino ancora più affidabili e versatili. In particolare, speriamo di vedere emergere una varietà di promettenti capacità nella tecnologia a doppia estrusione in macchine basate su estrusione. Ci sono innumerevoli nuovi materiali con incredibili proprietà attualmente in fase di sviluppo nei laboratori di tutto il mondo. E i vantaggi che questi materiali concedono ai clienti verranno moltiplicati accoppiandoli in macchine a doppia estrusione. Per di qua, Le stampanti 3D saranno in grado di fabbricare antenne a microonde funzionali o servomeccanismi innescati dalla corrente elettrica in una volta sola. Per quanto riguarda le stampanti 3D a base di resina che funzionano solidificando i polimeri con la luce, molto probabilmente diventano più grandi offrendo più spazio di lavoro senza sacrificare la loro precisione e velocità. Questo, unito all’emergere di nuove resine ingegneristiche e biocompatibili, dovrebbe lasciarci un’ampia varietà di tecnologie AM capaci tra cui scegliere entro la fine del 2020.

Josef Dolecek, CEO e fondatore, Fillamentum

Tutti noi – i professionisti AM, indipendentemente dal tipo di tecnologia AM, siamo stati recentemente testimoni della massiccia adozione dell’AM nell’industria, il che è un chiaro segno che AM è uno strumento affidabile e funzionale per uso professionale. Le aziende hanno scoperto di essere in grado di ottenere enormi risparmi grazie alla stampa più rapida, molto spesso in loco. Ciò va di pari passo con il miglioramento continuo dell’ambiente complesso: stampante 3D, software e materiali. Per Fillamentum, in qualità di sviluppatore e produttore di materiali, è importante l’introduzione di nuovi materiali, con diverse proprietà dei materiali, in base a requisiti specifici dei clienti industriali.

Dal nostro punto di vista, ci sono due punti che caratterizzano l’anno 2020 in AM: nuovi materiali e partnership tra aziende produttrici di materiali e produttori di stampanti.

Jeff Mize, CEO, PostProcess Technologies, Inc

Nel 2020 prevediamo una necessità accelerata di soluzioni scalabili. I volumi di prototipi dovrebbero continuare a crescere da migliaia all’anno a centinaia di migliaia all’anno, in particolare nelle aziende che fanno affidamento su una rapida innovazione per favorire la crescita. Prevediamo inoltre un aumento del numero di aziende che considerano la produzione additiva per la produzione a basso volume. Di conseguenza, l’industria deve andare oltre la post-stampa a forza bruta con manodopera manuale e soluzioni meccaniche tradizionali verso soluzioni automatizzate basate su software per garantire produttività e coerenza in linea con le aspettative del mercato.

Peter Rogers, Specialista di prodotto APAC – Produzione additiva, Autodesk

Ritengo che ci si concentrerà maggiormente sulle applicazioni multi-materiale nella ricerca e sviluppo e le aziende inizieranno a passare maggiormente alla produzione di parti in plastica e metallo. Alcuni produttori chiave si stanno avvicinando al conseguimento della certificazione per le parti critiche e questo fungerà da catalizzatore per la crescita di AM nel prossimo decennio.

Lee Kwang Min, Vice Presidente, Carima

Quest’anno sarà un anno di odontoiatria digitale su larga scala. L’emergere di una varietà di soluzioni di scansione 3D con una fascia di prezzo accessibile, che ha costituito un ostacolo alla diffusione dell’odontoiatria digitale, sostituirà le frese sul mercato e inoltre accelera la rapida adozione delle stampanti 3D, che hanno già introdotto.

Inoltre, il marketing collaborativo emergerà dalle singole unità (produttori di stampanti 3D, scanner software e così via) all’integrazione orientata alla soluzione (soluzione one-stop) per facilitare l’illuminazione, l’accessibilità e l’utilizzo dell’odontoiatria digitale negli ospedali di prima linea .

Gli ospedali, che adottano queste soluzioni di odontoiatria digitale, aiuteranno i pazienti con un trattamento più rapido (un’ora / un giorno) e, con le soluzioni, la gestione dell’ospedale sarà migliore. Queste soluzioni diventeranno rapidamente un nuovo cambiamento nel mercato.

Shon Anderson, CEO, B9Creations

Che il settore si sposterebbe dalla spinta della tecnologia sui clienti alla fornitura di soluzioni di produzione

Rachel Hunt, Product Manager Marketing per la stampa 3D, Protolabs

Nel 2020, prevediamo di vedere l’industria della stampa 3D in uno stato di continua crescita come adozione e accessibilità alla scala di produzione additiva. Le industrie sono più informate che mai in quanto utilizzano la progettazione e la produzione additiva per ottenere vantaggi economici. I progressi della macchina continueranno a prendere il passo con lo sviluppo in corso di post-elaborazione automatizzata, monitoraggio della qualità in situ e velocità di costruzione più rapide. I progressi dei materiali continueranno ad essere frenetici nel 2020. Aspettatevi di vedere materiali più avanzati in grado di soddisfare o superare determinate proprietà dei metalli e delle materie plastiche fabbricati tradizionalmente.

Chuck Pfeffer, direttore, gestione prodotti, tecnologie FARO

Laddove storicamente un prodotto stampato in 3D è stato relegato alla prototipazione o alla stampa di materiale di non produzione, le stampanti 3D si stanno evolvendo per supportare la produzione completa di parti e strumenti. Con tale evoluzione, vedremo un livello più elevato di controllo di qualità richiesto nel processo di stampa 3D per garantire un prodotto commercialmente utile.

Con le stampanti 3D utilizzate per il materiale di produzione, è importante che tutto ciò che viene inviato a un processo di finitura (come levigatura, lucidatura o lavorazione) non sia fuori tolleranza. Ciò renderà ancora più critico l’istituzione di un processo di feedback sul controllo di qualità che copre l’intera catena di produzione stampata in 3D e vedremo che si svilupperà maggiormente nel 2020.

Richard Gaigon, CEO, 3DCeram

Siamo fermamente convinti che la stampa 3D si evolverà fino a diventare uno strumento di produzione completo in grado di raccogliere la sfida della personalizzazione di massa in opposizione alla produzione di massa. Il nostro obiettivo oggi è rafforzare la posizione di 3DCeram come società di ingegneria leader nella produzione additiva per mercati ad alta tecnologia con elevato potenziale di crescita. Abbiamo imparato lezioni e sviluppato le nostre conoscenze per lavorare sulla maturazione della tecnologia per rispondere alle esigenze industriali: un cosiddetto metodo di produzione di massa che dovrebbe essere anche flessibile, altrimenti noto come personalizzazione. Ecco perché abbiamo sviluppato C3600 ULTIMATE per rispondere ai requisiti di industrializzazione della ceramica tecnica per la stampa 3D. Studiamo le esigenze di ROI, un indicatore chiave negli investimenti in strumenti di produzione. Quindi siamo stati in grado di mettere alla prova la fattibilità della produzione di massa con la produzione additiva, funziona. Concentrandosi sulle questioni ambientali, per produrre la giusta quantità di pezzi con scarso o nessun scarto, si sta dirigendo nella giusta direzione come un processo di prototipazione rilevante che non comporta alcun attrezzo. Ridurrà la necessità di costose scorte di più parti, migliorando il sistema JIT e il processo di produzione di parti personalizzate, in breve, stiamo vivendo una rivoluzione e sta accadendo ora … La nostra previsione è che la stampa 3D supererà con successo i passaggi del test per raggiungere la fase di produzione, soprattutto nelle industrie pionieristiche come biomedica e aerospaziale. si sta dirigendo nella giusta direzione come un processo di prototipazione rilevante che non comporta alcun attrezzo. Ridurrà la necessità di costose scorte di più parti, migliorando il sistema JIT e il processo di produzione di parti personalizzate, in breve, stiamo vivendo una rivoluzione e sta accadendo ora … La nostra previsione è che la stampa 3D supererà con successo i passaggi del test per raggiungere la fase di produzione, soprattutto nelle industrie pionieristiche come biomedica e aerospaziale. si sta dirigendo nella giusta direzione come un processo di prototipazione rilevante che non comporta alcun attrezzo. Ridurrà la necessità di costose scorte di più parti, migliorando il sistema JIT e il processo di produzione di parti personalizzate, in breve, stiamo vivendo una rivoluzione e sta accadendo ora … La nostra previsione è che la stampa 3D supererà con successo i passaggi del test per raggiungere la fase di produzione, soprattutto nelle industrie pionieristiche come biomedica e aerospaziale.

François Leclerc, responsabile del programma di marketing, Creaform

Poiché l’industria ha fatto affidamento sulla prototipazione rapida negli ultimi dieci anni, ora si concentrerà sulla produzione rapida. In effetti, l’industria sta chiedendo una produzione in serie utilizzando il metodo additivo, noto anche come stampa 3D.

La produzione additiva competerà sulla produzione di parti realizzate con iniezione di plastica. La produzione di parti mediante iniezione di plastica è certamente a basso costo, ma il costo dello stampo è importante e deve essere ammortizzato, oltre ai suoi significativi tempi di consegna. Tuttavia, con una macchina di produzione rapida, la produzione viene eseguita senza la necessità di uno stampo, direttamente e senza indugio. Per piccoli lotti di parti in particolare, non sono più necessari investimenti e ammortamenti dello stampo. Dato che è significativamente più economico, si prevede che la produzione rapida aumenterà ancora di più in proporzione per la produzione di piccoli lotti di parti.

Questa è la scommessa che i grandi attori del settore fanno a breve termine perché vogliono distinguersi a lungo termine.

Blake Teipel, CEO e co-fondatore, Essentium

Nel 2020 vedremo la stampa 3D su scala industriale spostarsi nel mainstream manifatturiero in grande stile. La promessa della produzione additiva (AM) è sempre stata eccezionale – ma frenata da economie poco attraenti, limitazioni nei materiali e nella produzione e incapacità di ridimensionamento. Le ultime innovazioni della piattaforma di stampa 3D / AM, inclusi hardware, software e materiali, si stanno unendo per aiutare le aziende a produrre in modi nuovi, eliminando al contempo tutte le barriere storiche. Il 2020 segnerà l’anno in cui l’additivo su scala trasforma la produzione in tutti i settori, tra cui quello aerospaziale, automobilistico, elettronico e biomedico. Il cambiamento è già in corso: una nuova ricerca commissionata da Essentium mostra che due terzi delle aziende hanno riferito di aver più che raddoppiato il loro uso di AM su scala industriale negli ultimi 12 mesi.

Simon Mawson, responsabile globale della stampa 3D, Henkel

Nel 2020, prevediamo che più industrie adottino le tecnologie di produzione additiva all’interno della loro produzione. Poiché le aziende materiali miglioreranno ulteriormente il respiro e la profondità delle loro offerte di prodotti collaborando con le aziende produttrici di stampanti in piattaforme ecosistemiche aperte, la stampa 3D consentirà un numero maggiore di applicazioni per le parti finali. Soprattutto le applicazioni mediche e dentistiche continueranno a ridimensionarsi grazie ai flussi di lavoro digitali e ottengono l’accettazione nel rispetto delle normative. Inoltre, gli utensili per lo stampaggio a iniezione saranno provati e testati con nylon composito di difficile lavorazione, ad esempio con la qualità delle parti che corrispondono agli utensili in metallo.

Dayton T. Horvath, direttore, partner NewCap

Il settore continuerà a crescere nonostante le limitazioni e le inefficienze di software, hardware e materiali, ma non al ritmo previsto o sperato dalla maggior parte degli analisti e degli investitori. Le partnership diventeranno ancora più consolidate lungo tutta la catena del valore e le fusioni e acquisizioni inizieranno ad aumentare man mano che le grandi società coinvolte nell’additivo attuano le loro strategie sul serio. La verità rimane con le applicazioni che si trovano negli strumenti e, in misura minore, nelle parti di produzione.

Marco Bauer, CEO, BAM GmbH

Per quanto riguarda la stampa 3D di metallo, mi aspetto nuove tecnologie che lavoreranno più velocemente e offriranno una migliore gestione, con periferiche ridotte.

Christian Seidel, responsabile della produzione additiva, Fraunhofer IGCV

Nel 2020 l’industria AM continuerà a crescere. Tuttavia, si prevede che il tasso di crescita annuale sarà inferiore alla media degli ultimi 3 anni, forse intorno al 15%. Si può prevedere una crescita tra classi di materiali (metallo, polimero, ecc.) E categorie di processo (cfr. ISO / ASTM 52900).

Manuel Kolb, Direttore commerciale Additive Manufacturing, Weber Additive

Nel 2020 vediamo la stampa 3D ancora come un’area con un grande potenziale per il futuro e vediamo un grande mercato al riguardo. Poiché è il fatto più importante per noi offrire i migliori prodotti possibili ai nostri clienti e migliorare costantemente la nostra qualità, ci sono molti sviluppi tecnici che vogliamo portare avanti. Inoltre, miriamo a sviluppare la stampa industriale nel settore delle materie plastiche. Soprattutto nel settore dell’industria delle materie plastiche, è necessario compiere i passi successivi per le applicazioni industriali, come è stato fatto nella stampa 3D di metallo negli ultimi anni. Pertanto, il 2020 può essere un anno essenziale.

In particolare, vediamo la produzione additiva, in particolare attraverso la lavorazione diretta di pellet anziché di filamento, come un passo in questa direzione. Insieme ai nostri partner saremo in grado di migliorare ulteriormente le nostre prestazioni tecniche e la qualità in futuro.

Avi Reichental, fondatore e CEO, XponentialWorks

Credo che nel 2020 l’industria della stampa 3D si riunirà per dimostrare in modo convincente che la produzione additiva è la tecnologia di produzione più sostenibile disponibile.

Rush LaSelle, Senior Director, Additive Manufacturing, Jabil

Dal punto di vista manifatturiero, vediamo soluzioni nuove e di grande impatto nelle aree di pre e post-elaborazione, che stanno aiutando terreni additivi su più piani di fabbrica con costi totali inferiori del ciclo di vita. Nel frattempo, un portafoglio in espansione di piattaforme di stampa e soluzioni di materiali stanno abilitando progettisti e ingegneri di prodotti a realizzare la promessa di additivi.

Nel 2020, prevediamo continue fluttuazioni del mercato con le attività che migrano verso settori che dimostrano casi commerciali redditizi. Attualmente, il settore medico e aerospaziale monopolizza le conversazioni sulla produzione su larga scala e abbiamo osservato una crescita costante di solidi casi aziendali. Lo scorso anno abbiamo previsto il consolidamento in varie aree del mercato e, sebbene non ci fosse quanto previsto, ci si aspetta che il consolidamento del mercato sarà una dinamica a breve termine necessaria per la salute del settore.

Mentre l’interesse e la consapevolezza del digitale continuano a crescere, i livelli di adozione sono in ritardo rispetto ai livelli necessari per raggiungere molte delle efficienze offerte da una rete che dimostra massa critica. Man mano che i produttori continuano a caricare la loro capacità e ad aumentare il numero di macchine sulle loro reti nel 2020, un numero maggiore di applicazioni passerà dall’ideazione alla produzione man mano che l’economia raggiunge le esigenze della produzione a medio volume.

François Minec, amministratore delegato di BASF 3D Printing Solutions GmbH

Negli ultimi anni, la stampa 3D è cresciuta a un ritmo costante di circa il 25 percento all’anno. Un tasso di crescita per cui molte industrie ci invidiano. Tuttavia, la dimensione del mercato è ancora relativamente piccola. Se lo metti in prospettiva, rappresenta meno dello 0,1 percento del mercato manifatturiero totale.

La ragione di ciò è che nella maggior parte dei casi la stampa 3D viene ancora utilizzata solo per prototipi, piccole serie e maschere / dispositivi. Mi aspetto che il 2020 mostri la produzione per sempre più settori.

Questa adozione è guidata da una maggiore produttività e coerenza delle apparecchiature di stampa 3D, dall’automazione della post-elaborazione e dall’introduzione di soluzioni di materie prime competitive in misura maggiore.

Il nostro obiettivo per l’industria manifatturiera additiva è diventare un settore mainstream con applicazioni non solo per prototipi e piccole serie, ma anche per megatrend come la personalizzazione e cambiamenti di moda più rapidi che possono essere abilitati attraverso la stampa 3D. Il nostro nuovo marchio BASF “Forward AM” riflette la nostra ambizione di sostenere la crescita e l’industrializzazione della produzione additiva. È intenzione di BASF essere il fornitore preferito in questo campo in crescita.

Kristin Mulherin, Presidente, AM-Cubed

Quest’anno sarà tutto dedicato al software e al thread digitale. Personalizzazione di massa, monitoraggio e miglioramento del flusso di lavoro, DfAM e DFM avanzati, produzione distribuita … l’elenco è lungo. Ma tutto ciò richiederà significativi progressi nel software e ci sono un sacco di entusiasmanti start-up emergenti per affrontare questo problema.

Anche lo sviluppo di standard dovrebbe iniziare ad accelerare, in tutti i gruppi di materiali, ma soprattutto in AM metallico. Fortunatamente, sembra che l’industria sia pronta a risolvere questo problema ora che stiamo assistendo a così tanti casi di collaborazione, anche tra i cosiddetti concorrenti.

Neil Hopkinson, direttore della tecnologia, Xaar 3D Ltd.

Nonostante un certo ammorbidimento dovuto a fattori economici globali, mi aspetto che il 2020 realizzi un altro anno di comoda crescita a due cifre del settore della produzione additiva. Emergeranno nuove applicazioni nella produzione di volumi più alti e useranno casi che in precedenza sarebbero stati considerati estremamente entusiasmanti, diventeranno sempre più, ma piacevolmente, funzionanti.

Sascha F. Wenzler, Vicepresidente, Formnext

Nel campo dell’uso industriale di Additive Manufacturing (AM), non è più una questione per me se il percorso verso la produzione in serie sia quello giusto, ma solo con quale velocità, quale tecnologia e fino a che punto. Sempre più applicazioni nella produzione in serie lo dimostrano da industrie utente molto diverse e che utilizzano tecnologie AM diverse. Ricercatori di tendenza e società di consulenza confermano l’ulteriore tendenza al rialzo per i prossimi anni. L’intero processo produttivo, la sua stabilità, controllo e monitoraggio continuo sono fondamentali. Anche gli standard e le norme internazionali necessari sono un prerequisito. E non dimenticare l’automazione continua in tutte le fasi del processo, inclusi pre e post-elaborazione. C’è ancora molto potenziale da sfruttare, ad esempio, dalla produzione ibrida utilizzando i vantaggi di diverse tecnologie e materiali. E a mio avviso, AM in particolare offre grandi opportunità per rispondere a domande essenziali su sostenibilità, riciclaggio e conservazione delle risorse nella produzione industriale. AM rimane una “tecnologia che cambia la vita” e con Formnext siamo lieti di far parte di questo percorso e di aiutarlo a modellarlo.

Hakan Güzelgöz, CEO e co-fondatore, 3bfab

Il settore continuerà a crescere in applicazioni verticali e produzione di massa in cui le stampanti 3d sono essenziali per essere competitive. A Novafab, produciamo fotopolimeri di resina e stampanti 3D per l’uso specifico di gioielleria e industrie dentali.

Nel 2020, i produttori di gioielli aumenteranno l’uso delle stampanti 3d nel loro processo di produzione, dalla progettazione 3d alla fusione dei gioielli finiti. La concorrenza, i prezzi elevati dell’oro, le pressioni sui margini inferiori e i requisiti di velocità di produzione saranno le forze trainanti dell’uso delle stampanti 3D in resina. Abbiamo già visto un cambiamento radicale nell’uso delle resine calcinabili anziché nello stampaggio a cera e questa crescita dovrebbe accelerare nel 2020.

Nel settore dentale, l’automazione e la digitalizzazione end-to-end che collegano pazienti, dentisti e laboratori dentali continueranno a crescere nel 2020. I fornitori offriranno soluzioni più veloci e migliori, tuttavia l’esecuzione e il trasferimento di know-how sono fondamentali per servire con successo questo settore . Un flusso di lavoro senza soluzione di continuità tra scanner 3d, software CAD, materiali e stampanti 3d fornirà servizi di qualità superiore e più economici per pazienti e professionisti del settore dentale.

Harshil Goel, CEO e fondatore, Dyndrite

Sono di parte, ma credo che il 2020 sarà ricordato come una svolta nella produzione additiva, in cui sia i tecnici che gli OEM guadagnano più potenza, libertà e controllo sul processo di produzione e sul software che lo guida.

Stefan Leonhardt, cofondatore e socio amministratore, Kumovis

Prevediamo che il 2020 sarà il punto di svolta nel compiere i prossimi passi verso nuove applicazioni e nuovi prodotti, in particolare per quanto riguarda i processi AM a base di polimeri in settori avanzati come la tecnologia medica. È probabile che succeda molto qui, ad esempio nel campo degli impianti riassorbibili. Supponiamo inoltre che le aziende che operano in mercati regolamentati porranno il monitoraggio dei processi come priorità assoluta quando si tratta di introdurre sul mercato prodotti nuovi e reinventati.

Mehmet Erkan Ustaoğlu, CEO, Teknodizayn e Loop 3D

È affascinante vedere le tendenze attuali andare fortemente verso i processi industriali e fornire le migliori soluzioni per le aziende industriali. Penso che ogni anno un numero sempre maggiore di aziende decida di includere la stampa 3D nei propri processi e per le aziende è già diventato comune prendere in considerazione soluzioni di stampa 3D nella pianificazione dei processi di produzione.

Alex Kingsbury, Amministratore delegato, Additive Economics , Additive Manufacturing Industry Fellow, RMIT University

Abbiamo visto e continueremo a vedere una proliferazione di fornitori sul mercato. Alcune aziende, ma certamente non tutte, avranno qualcosa di veramente innovativo da offrire. Ciò sarà guidato in parte da una crescente diversità di AM – diverse modalità e materie prime che danno origine a paradigmi di costo differenziati. La valuta (scusate il gioco di parole) sarà quella di ottenere il prezzo giusto e articolare chiaramente una proposta di valore. Sarà necessario un budget di marketing salutare per inviare messaggi là fuori – un po ‘sfortunato in quanto questo dirige i fondi lontano dallo sviluppo tecnico. Aspettatevi che il 2020 sia rumoroso!

Keyvan Karimi, CEO, AMFG

Prevediamo che l’industria AM continuerà la sua traiettoria di crescita nel 2020, poiché un numero maggiore di aziende continua a investire nel potenziale della stampa 3D. Vedremo nuove applicazioni della tecnologia, spinte dal desiderio di una produzione seriale ad alto volume con additivo. Inoltre, poiché argomenti come la scalabilità, la ripetibilità e la connettività diventano punti di discussione chiave nel settore, siamo anche entusiasti della crescente importanza del software MES nell’aiutare ad affrontare questi problemi. A questo proposito, il 2020 vedrà evolvere le soluzioni software MES per consentire alle aziende di adattare le proprie operazioni AM e stabilire una maggiore automazione e visibilità attraverso i propri processi.

Sylvia Goldbach, amministratore delegato e design, Taktilesdesign GmbH

Ulteriore riconoscimento dell’uso delle trame come strumento per migliorare le superfici e aggiungere valore funzionale. Stabilire competenze a diversi livelli con partnership tra attori grandi e piccoli per dettagli e contenuti profondi. “Porta prodotti stampati in 3D ai consumatori”. Un’immagine meno fantascientifica aiuterebbe a stabilire la tecnologia che penso.

La formazione per le aziende e gli studenti per accedere alla stampa 3D sarà e deve ancora essere data: le persone devono sperimentare la tecnologia. Altre soluzioni software con interfacce personalizzate e di produzione a livello di base ed esperto. Le discussioni sui processi per evitare l’emissione di CO2 si rafforzano.

Sven Hicken, capo della Business Unit Additive Manufacturing, Oerlikon AM

Nel 2020 ci aspettiamo di vedere più aziende che adottano l’additivo nei loro progetti di produzione. Medical, aerospace and automotive stanno aprendo la strada. Prevediamo miglioramenti post-elaborazione e sviluppi nella qualità della superficie che saranno fattori di costo. Prevediamo una maggiore collaborazione nello sviluppo dei materiali e la prospettiva di offrire nuovi materiali in tutto il settore.

Sylvia Monsheimer, Responsabile delle nuove tecnologie 3D, Evonik

Da un lato, mi aspetto che la situazione generale del settore diventerà più difficile rispetto agli anni precedenti, il che porterà a un rallentamento della crescita del mercato. D’altra parte, situazioni difficili aprono nuove opportunità per un cambiamento dirompente. Ciò significa che la disponibilità a passare dai metodi di produzione convenzionali a quelli AM può aumentare – e le risorse potrebbero essere disponibili anche per renderlo possibile.

Sono abbastanza sicuro che alla fine di quest’anno vedremo alcune prime nuove ed entusiasmanti applicazioni in serie – intendo sale di produzione complete con macchine AM funzionanti su quel punto. Personalmente mi aspetto che la medicina e lo stile di vita siano i primi mercati per tali sviluppi.

Per quanto riguarda il lato dei materiali, vedo nuovi materiali interessanti all’orizzonte che potrebbero rivelare nuovi campi di applicazione per la produzione in serie.

Luke Winston, Chief Business Officer, Formlabs

Il 2020 segna una nuova fase nel settore. Innanzitutto, grazie alle stampanti convenienti di aziende come Formlabs, quest’anno vedranno più professionisti che mai mettere le mani sulla stampa 3D. Non è più straordinario avere accesso personale a una stampante. In secondo luogo, questi utenti sono più istruiti e esigenti, il che li richiede prestazioni più elevate e supporto professionale aspettandosi prezzi accessibili. Le aziende che realizzano questo aspetto prospereranno mentre continuiamo a vedere un consolidamento, in particolare nello spazio dei prosumer.

Fondamentalmente questo significa che avremo molti più utenti capaci a mettere le mani su apparecchiature ad alte prestazioni. E, con prezzi più bassi di hardware e materiali, il costo della sperimentazione diminuisce drasticamente. Ciò significa che nel 2020 vedremo ancora più innovatori come New Balance e Gillette che abbracciano stampanti come la Form 3 per aprire la strada alla vera personalizzazione di massa.

Chengxi Wang, CEO, MyMiniFactory

Nel 2020, con l’aumentare della qualità delle stampanti 3D consumer e il prezzo diventa più conveniente, le stampanti 3D consumer raggiungeranno un numero maggiore di famiglie. Le persone che erano al di fuori del settore della stampa 3D inizieranno a stampare a casa determinati oggetti per l’uso effettivo, piuttosto che solo per hobby. In questo contesto, la domanda di contenuti stampabili 3D di alta qualità non solo aumenterà rapidamente, ma diventerà anche più specifica. Ad esempio, alcune categorie di oggetti avranno più senso essere stampate in 3D a casa che acquistate dai negozi, a causa del minor costo di stampa e più scelte di disegni creativi stampabili in 3D nelle piattaforme di contenuto.

Andy Langfeld, Presidente, Stratasys EMEA

Penso che possiamo aspettarci di vedere AM crescere in settori in cui il suo utilizzo è stato meno diffuso rispetto ad alcuni altri settori. Ad esempio, all’interno dell’elettronica ferroviaria o dell’elettronica di consumo, stiamo ancora spingendo i confini quando si tratta di risolvere requisiti di applicazione complessi per i clienti. Mi aspetto di vedere ulteriori aree di applicazione aprire questi clienti continuano a testimoniare efficienze in tutta la catena di produzione e fornitura attraverso la tecnologia AM.

Felix Ewald, CEO e co-fondatore, DyeMansion

Sia la mia previsione che la mia speranza per il 2020 sono che i principali fornitori di materiali investiranno ulteriormente nella stampa 3D per aumentare la varietà dei materiali. Perché? Gli utenti di AM richiederanno materiali più disponibili per le loro esigenze specifiche e anche per una partecipazione più attiva dei fornitori di materiali ai loro progetti di produzione. Una varietà di materiali avanzata è un acceleratore chiave per il nostro settore. Vediamo questa tendenza già oggi e miriamo a trovare la giusta finitura per ogni applicazione finale disponibile.

Thomas Reiher, direttore Generative Design, Simufact / Hexagon

La stampa 3D si sta evolvendo e diventa più matura in modo da vedere molte più applicazioni seriali di diversi settori. Penso che sia il momento in cui le esperienze acquisite si riversano in parti di successo economiche ed economiche, spinte da soluzioni software dedicate alla tecnologia AM e che garantiscono design e processi robusti. La facilità di software come MSC Apex Generative Design abbassa molto la barriera d’ingresso attraverso la rapida creazione di progetti su misura per la produzione AM.

Tim Ruffner, Vice President Enterprise Solutions, Dinamismo

Alcune delle mie previsioni per l’industria AM per il 2020 sono di avvicinarmi alla produzione di sistemi, sia in metalli che in polimeri. Siamo molto vicini a questo e ho visto molto negli ultimi 15 anni. Sono felice di aver imparato da alcuni leader del settore e di essere un mentore che va avanti come gli altri erano per me. Spero che ci saranno modi più semplici per ottenere l’istruzione in un punto. Abbiamo una comunità così straordinaria e quando stiamo andando tutti bene con la stampa 3D, allora stiamo facendo crescere l’industria insieme come una squadra. Spero che quest’anno possiamo usare questa comunità per riunirci ed educare di più.

Stephan Thomas, Co-fondatore, Chief Strategy Officer, Identify3D

L’anno potrebbe essere “2020”, ma la visione di tutti per l’industria manifatturiera additiva potrebbe non esserlo. I nuovi concorrenti di aziende affermate che seguono il percorso creato da HP, Xerox, Canon, ecc. Possono facilmente ribaltare il settore in continua evoluzione e consentire un’esplosione della domanda. Tuttavia, la realtà molto probabilmente sarà un progresso costante in tutti gli aspetti del settore. La nostra previsione è che la AM industriale catturerà più attenzione e l’attenzione sarà focalizzata sull’integrazione della catena di fornitura. Il software inizierà a essere al centro dell’attenzione poiché l’importanza dell’automazione e della comunicazione con le macchine sono i collegamenti successivi per consentire una vera connettività end-to-end.

Matthias Schmidt-Lehr, Managing Partner, Ampower

Nel 2020 ci aspettiamo che gli utenti superino le attuali barriere di qualificazione che potrebbero portare a un aumento delle vendite di macchine rispetto al lento anno del 2019. Mentre i fornitori di LB-PBF continueranno a migliorare i loro sistemi, speriamo in molte startup in una gamma di nuove tecnologie AM per fare la loro svolta nel 2020. Aziende come Headmade Materials, AIM3D o Digital Alloys puntano alle loro meritate quote di mercato.

Isupov Andrey, CEO, Picaso3D

La tecnologia di stampa 3D ha fatto un ciclo completo e da una meraviglia tecnologica sta diventando una tecnologia di produzione di materie prime – uno strumento per soddisfare un’esigenza aziendale. Ciò porta naturalmente all’automazione dei processi e alla maggiore richiesta di risultati prevedibili. Quindi una stampante 3D nel 2020 è prima di tutto uno strumento quotidiano che offre un ciclo di lavoro altamente ripetibile e una manutenzione facile (o nulla) a un basso costo totale di proprietà.

Marco Schmid, CEO, Coobx

Il 2020 sarà l’anno, in cui AM tratterà e passerà da un comportamento di nicchia del giocatore a un metodo di produzione rispettato. Il livello di competenza per le tecnologie AM è in costante aumento, insieme alla competenza di processo e alla scienza dei materiali. La produzione additiva ora cambia alle quantità di produzione. Vengono impostati tutti i parametri necessari come macchine, tecnologia di processo, sviluppo del prodotto e materiali. Insieme ai nostri clienti e ai nostri partner materiali aumentiamo la scala AM.

Matt Gannon, vicepresidente delle operazioni, Markforged

Nel 2020, la stampa 3D continuerà a permeare l’intera fabbrica, passando da infissi e attrezzature a parti per uso finale. Ora che i produttori hanno iniziato a capire come funziona la stampa 3D, hanno investito in stampanti e introdotto parti stampate in 3D nella loro catena di fornitura, continueranno a rendersi conto del valore che può apportare ai loro altri vari processi. Abbiamo appena iniziato a graffiare la superficie delle applicazioni dell’additivo e l’industria è sicura di realizzare ulteriori usi per la tecnologia, specialmente quando iniziamo a vedere le parti stampate in 3D che superano gli standard di certificazione di qualità e durabilità più rigorosi del settore.

Quando le parti per uso finale richiedono produzione a basso volume, personalizzazione o implicano un’elevata complessità geometrica, la stampa 3D può essere un ottimo strumento. Per i componenti personalizzati, la stampa 3D può ridurre i mesi di anticipo sui tempi di produzione e ridurre notevolmente i costi generali. Può anche consentire di saltare la parte di sviluppo degli utensili dello sviluppo del prodotto durante la stampa di parti di produzione, riducendo significativamente i tempi di iterazione e l’attesa tra il progetto finale e il prodotto finale.

Man mano che la tecnologia matura, attraverso una tecnologia di stampa più precisa e nuovi materiali, e l’utilizzo dell’additivo diventa più naturale man mano che ingegneri più giovani già abituati alla tecnologia si uniscono alla forza lavoro, vedremo fiorire l’innovazione. Anche se non sappiamo dove andrà questa tecnologia – dagli strumenti di sollevamento certificati CE agli alloggiamenti elettronici per uso finale – i nostri clienti ci sorprendono sempre con nuovi casi d’uso.

Vishal Singh, Co-Founder & CTO, Link3D

Nel 2020 l’industria AM si sposterà verso la “standardizzazione dei dati” degli ecosistemi hardware e software. Prevediamo che le soluzioni software attualmente siled (ad es. CAD, PLM, ERP, Build Prep, MES) saranno interconnesse utilizzando protocolli e API aperti. Ciò consentirà la creazione di un livello dati unificato e il miglioramento delle operazioni di produzione, nonché la gestione della qualità.

Per aggiungere, prevediamo che i “Sistemi di gestione della qualità” progettati per la produzione additiva diventeranno anche un componente fondamentale per la tracciabilità end-to-end, ad esempio: monitoraggio macro e micro integrato, come il monitoraggio in loco delle macchine e la loro connettività con Software MES e QMS; l’acquisizione di dati di qualità attraverso i processi di produzione a valle (ovvero: apparecchiature di post-elaborazione e strumenti di controllo qualità) deve creare una traccia dati completa per la tracciabilità delle parti. Acquisendo il Digital Twin e consentendo cicli di feedback più stretti, le organizzazioni produrranno applicazioni avanzate e flussi di lavoro di produzione efficaci a un ritmo crescente.

Kevin Han, CEO e co-fondatore, AON3D

Il percorso verso l’adozione diffusa di AM richiede un intero ecosistema di prodotti e soluzioni che copra non solo il processo di stampa, ma anche la progettazione delle parti, la selezione dei materiali, la simulazione, il monitoraggio del processo, la post-elaborazione, l’ispezione finale, la tracciabilità, ecc. Applicazioni e settori diversi richiedono specifiche i flussi di lavoro da sviluppare per soddisfare le loro esigenze e sia i clienti che i fornitori stanno iniziando a rendersene conto. Molti degli elementi discreti richiesti per costruire questi flussi di lavoro stanno iniziando a venire sul mercato e nel 2020 inizieremo a vedere i pezzi iniziare a riunirsi attraverso integrazioni e partnership.

La continua innovazione nei materiali aiuterà a sbloccare nuove applicazioni di AM, ei clienti richiederanno soluzioni che consentano loro di trarre vantaggio da questo aumento di scelta. La selezione del materiale dovrebbe soddisfare le esigenze del cliente, non viceversa.

Jon Donner, CEO e co-fondatore, Nanofabrica

Riteniamo che nel 2020 la produzione additiva (AM) continuerà a essere utilizzata per la sostituzione delle tecnologie di produzione tradizionali e questo continuerà a concentrarsi su applicazioni in cui l’uso di AM riduce i tempi e i costi di produzione. AM deve ancora trovare il suo punto di forza qui, poiché non è più una tecnologia che può essere utilizzata solo per una tantum o per tirature molto brevi. La tecnologia in generale è ora in grado di soddisfare le corse di medio volume, e in Nanofabrica in particolare, dove ci concentriamo sulla produzione di parti e componenti in micro-scala, possiamo ovviamente adattare numerosi prodotti in un unico involucro di costruzione, quindi ci spingiamo a l’area della produzione di massa AM ad alto volume. Riteniamo tuttavia che, come regola generale,

Ben Ferrar, vicepresidente e direttore generale, addetto al carpentiere

L’anno scorso ha posto le basi per la direzione dell’industria AM. Stiamo anticipando che il 2020 sarà un anno eccezionale quando si tratterà dell’adozione di nuove tecnologie di additivi per la produttività a cambiamento di gradino in una vasta gamma di settori. Un maggiore assorbimento di nuovi concorrenti nella tecnologia guiderà le applicazioni che lavorano con nuove leghe, esponendo un numero maggiore di utenti ai vantaggi della capacità di lavorazione dei materiali della produzione additiva.

Aaron Bent, CEO, 6K

Mentre l’industria AM è più sostenibile che sottrattiva a causa della natura stessa di “additivo”, lo sviluppo e la produzione di materiali per additivo è molto inefficiente e ha margini di miglioramento sul fronte della sostenibilità. Con l’importanza della sostenibilità che si concentra su molte organizzazioni in tutto il mondo, vediamo le aziende che cercano di abbracciare materiali e processi che contribuiscono all’economia circolare. Inoltre, quando le aziende iniziano a comprendere il processo AM, vediamo le organizzazioni che richiedono prestazioni più elevate dai loro materiali AM mentre esplorano le applicazioni di parti AM per la produzione. Infine, le aziende cercheranno di testare e qualificare nuovi materiali che non sono attualmente disponibili per AM per soddisfare le loro applicazioni AM emergenti.

Xinfu Xie, co-fondatore e COO, Chitubox

Nel nuovo anno, la tecnologia e le applicazioni stanno cambiando rapidamente e la comprensione della tecnologia di stampa 3D da parte delle persone è più completa. Penso che questo sarà un buon inizio. Il costo di molte stampanti e materiali 3D è in calo, le prestazioni dei materiali sono in costante miglioramento e questi materiali possono essere ampiamente utilizzati nelle nostre vite. Le persone sono sempre più consapevoli di ciò che la tecnologia di stampa 3D può fare da sole e i nostri sforzi sono diventati più preziosi. Gli aggiornamenti del software e della stampante e gli aggiornamenti dei materiali ci consentiranno di utilizzare meglio la tecnologia di stampa 3D per servire le nostre vite.

Josh Martin, CEO e cofondatore, Fortify

Credo che il 2020 porterà una più profonda integrazione tra OEM di hardware e aziende di materiali più grandi. Questo è già accaduto ad un certo livello, dato che aziende come DSM e Henkel hanno recentemente aderito al 3DP. Anche le grandi aziende produttrici di materiali dei settori tradizionali (come Evonik, 3M, IGUS e Sandvik) continuano a investire nella stampa 3D e stanno portando il loro portafoglio di materiali nella produzione additiva. Sta creando un’opportunità entusiasmante per gli OEM per consentire l’elaborazione scalabile e affidabile di questi nuovi sistemi di materiali. Le collaborazioni industriali diventeranno più comuni, poiché i clienti richiedono livelli più elevati di integrazione tra diverse società di hardware, software e materiali per ottenere lo sviluppo del prodotto sul traguardo. Invece di reperire una soluzione completamente integrata, impollinazione incrociata tra hardware,

Benny Buller, fondatore e CEO, VELO3D

Un anno è un po ‘troppo breve per prevedere qualcosa di veramente trasformativo.

Be the first to comment on "Come sarà la stampa 3d nel 2020"

Leave a comment