Come costruirsi in casa il proprio essicatore a filamento per la stampa 3D

Come creare il proprio economico essiccatore a filamento per stampa 3D

La maggior parte delle persone che stampano in 3D sa regolarmente che il filamento umido è una brutta cosa, ma può essere difficile da prevenire, specialmente in certi climi, poiché alcuni filamenti come il nylon e il PLA amano assorbire l’umidità dall’aria. Questo può portare a una serie di problemi che alla fine causano stampe fallite o imperfette e fallite. Il filamento diventa fragile e si rompe durante la stampa. Esistono molte soluzioni commerciali per l’asciugatura dei filamenti, ma perché non provare a creare il proprio essiccatore economico? Questo è ciò che hanno fatto due appassionati di stampa 3D e hanno condiviso le loro conoscenze con il resto del mondo tramite YouTube.

Il primo istruttore, dal canale Design Prototype Test, ha trovato un disidratatore alimentare da $ 30 da 600 W a Walmart, perché, come dice, la maggior parte degli essiccatori a filamento commerciali sono fondamentalmente “disidratatori alimentari glorificati”. Tuttavia, il riscaldatore nel disidratatore non si riscaldava abbastanza per far asciugare il filamento. Così ha preso un tubo sagomato, usato per versare cemento, che ha comprato per $ 10 e lo ha avvolto in un foglio di schiuma che era venuto dalla confezione di una delle sue stampanti 3D. Poi prese le “budella” del disidratatore e le fissò su un coperchio stampato in 3D che scavalcava il tubo. Un tubo più piccolo nel mezzo del dispositivo ha l’aria calda fatta saltare giù e fa circolare l’aria attraverso il tubo più grande. Il dispositivo, tuttavia, non diventava abbastanza caldo.

Dopo aver smontato il dispositivo, conclude che non c’è niente da fare per riscaldare l’asciugatrice – ma come primo tentativo, il design mostra un potenziale. Ha in programma di provare di nuovo con un disidratatore di cibo più caldo e più sofisticato in futuro.

Il secondo video proviene dall’esperto di stampa 3D Richard Horne, in arte RichRap. La sua idea per un essiccatore a filamenti è stata ispirata dagli essiccatori usati da E3D e Polymaker, ma ha modificato le loro idee per essere meno costose e più versatili. Ha iniziato con una scatola di plastica da 11 litri che ha trovato su eBay, e ha aggiunto un piccolo elemento riscaldante, originariamente destinato a riscaldare le gabbie per rettili, ordinate dalla Cina solo per pochi dollari. Horne quindi ha stampato in 3D due parti che si incastrano insieme per contenere un dispositivo di monitoraggio della temperatura e dell’umidità. Ha anche stampato in 3D un porta bobina e un pezzo che l’elemento riscaldante può infilare e scaldare al di sotto del supporto del filamento. Pacchetti di gel disidratanti sono stati aggiunti sul fondo della scatola.

I collegamenti via cavo sono stati aggiunti in modo che il filamento possa uscire dalla scatola e nella stampante 3D: Horne voleva un dispositivo che consentisse al filamento di stampare mentre veniva asciugato. Ha anche stampato in 3D un sigillo flessibile per la parte superiore della scatola. Infine, Horne dimostra un rapido sistema di monitoraggio dell’umidità – un supporto stampato in 3D che può scorrere nel centro di una bobina di filamenti e contenere uno dei monitor di temperatura e umidità sopra menzionati. Questo è un modo semplice per tenere d’occhio l’umidità del filamento immagazzinato in sacchetti di plastica.

Il sistema di essiccazione del filamento di Horne si è dimostrato efficace e ha un costo inferiore a $ 20. Ha messo i file per le parti stampabili 3D su Thingiverse e Youmagine in modo che chiunque possa riprodurli.

Be the first to comment on "Come costruirsi in casa il proprio essicatore a filamento per la stampa 3D"

Leave a comment