Come calibrare l’estrusore nella stampante 3d

Calibrazione dell’estrusore: 6 semplici passaggi per calibrare l’estrusore

L’importanza della calibrazione
Strumenti e materiali richiesti
Passaggio 1: carica il filamento
Passaggio 2: connettersi al computer
Passaggio 3: contrassegnare il filamento e iniziare a estrudere
Passaggio 4: misurare di nuovo
Passaggio 5: calcolare i passaggi corretti per valore millimetrico
Passaggio 6: impostare un nuovo passaggio per valore millimetrico
Hai problemi con l’estrusione eccessiva e insufficiente? O forse le tue stampe 3D non stanno andando come dovrebbero? Probabilmente dovrai calibrare il tuo estrusore! Continua a leggere per scoprire come.

CALIBRAZIONE DELL’ESTRUSORE
L’importanza della calibrazione
Una parte con significativi problemi di sovraestrusione.
Una parte con significativi problemi di sovraestrusione. Fonte: Ultimaker
La calibrazione dell’estrusore è fondamentale per la stampa 3D FDM per molte ragioni. Il punto di calibrazione dell’estrusore è garantire che la stampante spinga esattamente la giusta quantità di filamento attraverso l’estremità calda durante una stampa.

Troppo poco filamento e una parte avranno degli spazi tra i livelli, oppure i livelli stessi saranno deboli o mancanti. Anche l’adesione non sarà molto buona e le stampe possono essere soggette a delaminazione e deformazione degli strati.

Troppo filamento e le stampe produrranno problemi di sovraestrusione, con conseguenti macchie, stringhe e dettagli cadenti. L’eccessiva estrusione eccessiva può anche contribuire all’ostruzione e all’inceppamento del filamento nella parte calda.

Per evitare questi problemi, ti consigliamo di seguire questa semplice guida passo-passo per calibrare il tuo estrusore.

La tua stampante 3D
Un computer con software slicer installato
Qualsiasi filamento non flessibile
Calibri
Un pennarello indelebile


La prima cosa che devi fare per calibrare l’estrusore è preriscaldare l’ugello della stampante 3D alla temperatura necessaria per qualsiasi filamento che utilizzerai. Se è già stato caricato un filamento non flessibile, andare avanti e preriscaldare alla temperatura per quel filamento.

Altrimenti, quando la stampante è preriscaldata, caricare il filamento come al solito, avendo cura di rimuovere qualsiasi materiale precedentemente utilizzato.


Connetti la tua stampante al computer, con USB o WiFi se la tua stampante è in grado di farlo. Aprire e collegare un software slicer che consente di inviare comandi di codice g a linea singola alla stampante. Gli esempi includono Semplifica 3D, Pronterface, Repetier Host e OctoPrint.

Dovrai trovare la sezione della tua affettatrice dedicata alla stampa collegata, ad esempio in Semplifica 3D, devi andare alla finestra del pannello di controllo della macchina. Con la maggior parte delle stampanti basate su RAMPS e Atmega, dovresti anche essere in grado di utilizzare il monitor seriale nell’IDE di Arduino.

Abilitare la modalità relativa sull’estrusore inviando il comando M83 alla stampante.


Per calibrare l’estrusore, invieremo 100 mm di filamento attraverso l’estremità calda.

Prima di ciò, usa le pinze e il pennarello per marcare il filamento 120 mm prima dell’entrata dell’estrusore.

Ora, invia il comando G1 E100 F100 alla stampante. Questo eseguirà lentamente ciò che la macchina interpreta come 100 mm di filamento attraverso l’estrusore. Questo viene fatto nel corso di un minuto per evitare problemi con la tensione del filamento o la pressione nell’estremità calda, che può finire per confondere i risultati.


Una volta fatto, la stampante dovrebbe aver estruso esattamente 100 mm di filamento. Per verificarlo, misura dall’estrusore al marchio originale che hai fatto sul filamento.

Se la misura è di 20 mm, l’estrusore è calibrato correttamente e non è necessario continuare a seguire queste istruzioni.

Se la misurazione supera i 20 mm, è probabile che la stampante soffra di un’estrusione insufficiente e che sia necessario aumentare le impostazioni di passi / mm.

Se la misurazione è inferiore a 20 mm, la stampante esegue un’estrusione eccessiva. Ciò significa che è necessario abbassare l’impostazione passi / mm.


Per ottimizzare con precisione l’estrusore, è necessario determinare il valore passo / mm corrente e errato della stampante e calcolare il valore fisico corretto.

Per iniziare, inviare il comando M503 alla stampante. Ciò restituirà una stringa di valori sul monitor. Trova la riga che inizia con echo: M92 , quindi trova il valore E (che di solito si trova alla fine di questa riga). Questo è il valore attuale di passi / mm.

Ora per i passi fisici / valore mm. Innanzitutto, dobbiamo sapere quanto filamento è stato effettivamente estruso. Possiamo trovarlo misurando la distanza dall’estrusore al segno sul filamento, quindi sottraendo quel valore da 120:

120 – & # 91; lunghezza dall’estrusore al segno] =
Successivamente, dobbiamo sapere quanti passi ha fatto l’estrusore per estrudere quel tanto filamento. Possiamo determinare questo valore moltiplicando il valore di passi / mm per la lunghezza che dovremmo aver estruso, in questo caso 100 mm:

& # 91; passi / mm valore] x 100 = & # 91; passi fatti]
Usando questo, possiamo ottenere il valore fisico / corretto di passi / mm dividendo per la lunghezza estrusa:

& # 91; passi compiuti] / & # 91; lunghezza effettiva estrusa] = & # 91; passi precisi / valore mm]
Ora tutto ciò che dobbiamo fare è impostare questo come valore di passi / mm della stampante e dovremmo essere pronti a partire!

Be the first to comment on "Come calibrare l’estrusore nella stampante 3d"

Leave a comment