Come Assemblare il Kit della PRUSA I3 MK3

Vogliamo condividere con voi la nostra esperienza di assemblarlo. E anche, mentre procediamo, per evidenziare le principali differenze e miglioramenti dal MK2S che abbiamo notato. È stata una corsa sfrenata.

Abbiamo scattato foto per ogni fase della costruzione. Per favore, perdonaci per l’illuminazione schifosa e per i colpi di messa a fuoco. L’immediatezza della costruzione ha avuto la priorità sulle condizioni dello studio professionale.

1
RECENSIONE ORIGINALE DI PRUSA I3 MK3
Unboxing
iniziamo dall’inizio
Scusa la scrivania disordinata. Tutti i componenti necessari per il kit originale Prusa i3 MK3 sono chiaramente etichettati, imballati in modo sicuro e timbrati con il logo Prusa Research.

Aperte le scatole, troverai i componenti per ogni specifica fase di assemblaggio ancora più dettagliati. Alcuni di essi riportano anche codici QR, numeri di serie o timbri identificativi per l’individuo che esegue la raccolta e l’imballaggio.

Questo kit è chiaramente il risultato di un’operazione completa e complessa in Prusa Research, ed è difficile non sentirsi scoraggiato. Da dove cominciare, esattamente? Cosa va dove? Possiamo iniziare distrattamente a far scoppiare la bolla ancora?

Fortunatamente, ci sono due elementi importanti che troverai immediatamente nella parte superiore della scatola. Il primo è un pacchetto di caramelle Haribo. La seconda è una nota che ti offre congratulazioni per l’acquisto, oltre a informazioni su dove trovare il tuo manuale di istruzioni .

Sono inclusi anche una serie di strumenti essenziali per l’attività; un paio di pinze ad ago, un set di chiavi esagonali, più due cacciaviti e un grande pacchetto di fascette di plastica (ne userai molte).

Queste istruzioni e questi strumenti sono tutto ciò di cui hai bisogno. Tuttavia, nel costruire l’originale Prusa i3 MK3 ti suggeriamo anche di procurarti un paio di pinzette per maneggiare i componenti più piccoli, e – non ridere – un asciugamano asciutto per asciugare le dita sudate.

2

Assemblaggio asse Y da vicino
Il primo passo è quello di assemblare il telaio dell’asse Y, ed è qui che si nota uno dei miglioramenti più evidenti rispetto al MK2. La base di Prusa i3 MK3 è costituita da guide in alluminio estruso e piastre anteriori e posteriori in alluminio.

Questo è un importante passo avanti nella stabilità del telaio e fornisce un extra di 10 mm di altezza Z durante la stampa.

Questo cambiamento di progettazione significa anche una nuova serie di parti stampate per le guide lineari e la puleggia, anche se il sistema di bulloni a U per mantenere i cuscinetti a sfera lineari in posizione rimane lo stesso.

Più intrigante, gli interruttori di fine corsa sono completamente assenti dal Prusa i3 MK3. Non sono più necessari per l’homing dell’asse X / Y, grazie ai driver Trinamic2130 sulla nuova scheda madre EINSY RAMBo. Questo è molto gradito, anche perché semplifica considerevolmente il processo di costruzione.

Una cosa che abbiamo notato alla fine di questa fase è stata una manciata di dadi avanzati. Secondo i commenti sul manuale di istruzioni, altri utenti hanno sperimentato lo stesso. Tuttavia, questo non è un ostacolo; le noci sono semplicemente in eccesso rispetto ai requisiti.

3

Assemblaggio asse X da vicino
Questa seconda fase di assemblaggio dell’originale Prusa i3 MK3 è forse la più semplice, ma è richiesta una certa delicatezza.

Mettere insieme l’asse X comporta una coppia di aste lineari, sette cuscinetti lineari e un motore dell’asse X. Ciò che tiene tutto insieme sono i componenti stampati in 3D, i dadi e bulloni e l’applicazione giudiziosa delle fascette.

Dove devi stare assolutamente attento sono le aste e i cuscinetti stessi. Sono articoli di precisione e qualsiasi intervento di piegatura o incuria avrà un impatto sulle prestazioni della stampante in un secondo momento.

Confrontando questa fase della costruzione con la MK2S, nel frattempo, non abbiamo potuto notare differenze enormi nella progettazione o nel montaggio. L’unico cambiamento chiave è il carrello X stesso, che è stato ridisegnato per accogliere le nuove campane e fischietti (non letteralmente) di Prusa i3 MK3.

A questo punto, dovremmo menzionare il controllo di qualità sui componenti stampati in 3D. Mentre la superficie delle nuove parti ha una bella trama in cui sono state stampate a faccia in giù (presumiamo) i nuovi letti magnetici, abbiamo notato alcuni difetti fastidiosi qua e là.

La X-carro ridisegnata ha un canale sul retro per avvolgere i cavi dal sensore del filamento, e qui ci sono fessure distinguibili nella parte inferiore del canale. Poiché stiamo parlando di fabbricazione di filamenti fusi, la nostra diagnosi è che non è un problema con l’adesione dello strato ma con il bridging.

Non è così male da darci preoccupazioni per l’impatto sulle prestazioni, ma è qualcosa da tenere d’occhio.

4
Assemblaggio asse Z

Questo è il punto in cui inizia l’assemblaggio dell’asse Z, e questo è il punto in cui le nostre fatiche iniziano ad assomigliare ad un Prusa i3 MK3 originale.

Quello che devi fare qui è montare l’asse X dalla fase precedente all’asse Z. Ciò richiede prima il montaggio dei motori dell’asse X su entrambi i lati del telaio, e quindi delle aste filettate e dei cuscinetti, e quindi la schiacciatura delle guide dell’asse X in alto.

Bene, non schiaffi esattamente. I fili sul telaio metallico sono molto rigidi e richiedono una mano ferma per avvitare i bulloni senza rompere i componenti stampati 3D.

Questo, oltre a garantire che le guide dell’asse X siano perfettamente livellate. Infilarlo troppo in una direzione sarebbe catastrofico per i componenti stampati in 3D, facendoli scoppiare.

Sostituiamo la parola “schiaffo” con “montando cautamente”, vero?

5
Assemblea di asse E : questa testina di stampa ha un sacco di tecnologia
Questa quarta fase è la più laboriosa e la più delicata, con il manuale Prusa i3 MK3 che specifica 48 passaggi.

Una delle lamentele che abbiamo avuto è che è stato dedicato molto tempo alle fasi di assemblaggio dei folle. Le tolleranze per diversi componenti erano estremamente rigide.

E wowee, se hai un feticcio per una corretta gestione dei cavi, allora da qui in poi sarai più allegro . La guida è estremamente accurata.

Detto questo, l’assemblaggio dell’asse E è anche la nostra parte in assoluto più preferita nella costruzione dell’originale Prusa i3 MK3. Questo è il punto in cui si può davvero meravigliarsi del genio del design di Jo Prusa e del suo team, dove tanti elementi disparati si uniscono in armonia.

Basta confrontare la versione di Prusa i3 MK3 con la versione MK2S, è possibile distinguere quanto più elegante e complicata sia, con componenti collaudati come un estrusore Bondtech, l’hotend E3D V6 e la sonda PINDA insieme al sensore del filamento e il più silenzioso ventilatori.

In questa fase della recensione originale di Prusa i3 MK3, non possiamo ancora dire con precisione in che modo cose come il nuovo sensore di filamento o i nuovi fan funzioneranno. Ma l’ingegneria è davvero straordinaria.

6
Assemblaggio LCD un po ‘preoccupato per la qualità delle parti stampate
Dopo l’epico incontro con l’assemblaggio dell’asse E, passiamo a qualcosa di molto più rilassante.

Il pannello di controllo LCD Prusa i3 MK3 è praticamente identico alla versione fornita con MK2S. Si tratta semplicemente di inserire un circuito combinato e uno schermo LCD in una custodia di plastica, aggiungendo un pulsante e quindi montandolo in avanti.

Ma per la seconda volta durante questa costruzione, abbiamo ritenuto che la qualità delle parti stampate fosse in qualche modo carente.

È lo stesso problema di prima; il pannello di controllo è stato stampato a faccia in giù in 3D, con una bella trama sulla superficie. Ma dove si trova l’incisione “Original Prusa”, il bridging tra i personaggi in rilievo è brutto. Tenendo questa parte fino a una fonte di luce, puoi chiaramente vedere attraverso di essa.

Immaginiamo che il rimedio sarebbe di stamparlo di nuovo, ma più spesso. O più lento. Oppure potremmo semplicemente sostituire la custodia dal MK2S. Questa dovrebbe essere una cosa molto semplice da risolvere.

7
Gruppo Heatbed e PSU

c’è un divertente uovo di Pasqua sotto il letto riscaldato
La cosa più importante di affrontare da soli un kit per stampante 3D fai da te è mantenere un buon senso dell’umorismo. E certamente aiuta quando il kit stesso offre un certo divertimento.

Nascosti nella parte inferiore del letto riscaldato di Original Prusa i3 MK3 sono un sacco di magneti. Magneti super potenti, per tenere in posizione il piano di stampa metallico rimovibile, un’altra caratteristica del Prusa i3 MK3.

In questo frangente, siamo stati lieti di trovare un piccolo uovo di Pasqua.

“FORTI CAMPI MAGNETICI. NESSUN PACEMAKER, IMPIANTI METALLICI O NEUROSTIMOLATORI. “

Non sei proprio sicuro di cosa sia un neurostimolatore; ma non vuoi maneggiare questo oggetto indossando un orologio da polso meccanico.

Il resto di questo stadio è bello e facile; fissare il letto riscaldato e l’alimentatore al telaio. Entra in gioco una gestione di base dei cavi. Nessun problema da segnalare.

In termini di modifiche al design, la grande differenza qui è che il Prusa i3 MK3 ora ha 9 punti di avvitamento per tenere il letto in piano, rispetto ai 6 punti di avvitamento sul MK2S.

8
Assemblaggio elettronico

assemblaggio di componenti elettronici
la gestione dei cavi richiede un’intensa concentrazione
Phew, questa fase è la seconda più complicata dopo l’assemblaggio dell’asse E. Presi insieme, la gestione dei cavi e il cablaggio della scheda elettronica è molto simile alla chirurgia a cuore aperto (immaginiamo).

Per la prima parte, sono necessarie applicazioni liberali di fascette per legare i cavi alla sottomissione, ma c’è un processo logico (e lungo) delineato nel manuale di istruzioni.

Per il secondo, è necessario collegare le estremità di tali cavi alla scheda e farlo senza pizzicare i cavi o collegarlo alle prese sbagliate. Di particolare importanza sono i cavi dell’alimentatore e il letto riscaldato.

È necessaria una mano ferma, così come un’osservazione rigorosa delle linee guida, quindi ricomporre la caffeina di una tacca.

Le differenze chiave in Prusa i3 MK3 del MK2S sono che il coperchio RAMBo è stato leggermente ridisegnato con più prese d’aria.

E, naturalmente, la stessa scheda RAMBo, che è completamente nuova di zecca. Ci sono in realtà due versioni di questa scheda in natura; la nostra versione della scheda madre ha una scheda figlia collegata, per accogliere nuovi connettori dal pannello di controllo LCD.

Una volta che abbiamo finito, è stato necessario un certo sforzo per chiudere il coperchio su tutto il groviglio di fili. Considerando che dovresti essere in grado di aggiungere un Raspberry Pi Zero W in un secondo momento per OctoPrint e la connettività wireless … Beh, non siamo sicuri di come possiamo farcene entrare uno, indipendentemente da quanto sia piccolo.

E con questo, la versione originale di Prusa i3 MK3 è ora completa. Ma ci sono ancora le calibrazioni e le stampe di prova a venire.

9
Calibrazione di
: la documentazione è superba
È una bella fortuna . Perché mentre la costruzione di una Prusa i3 MK3 è sicuramente un risultato di per sé, la calibrazione e l’autotest sono dove si impara che tutto è stato assemblato correttamente . E se trovi che non lo è, allora questo è lo spunto per un po ‘di grattacapi in cui provi a risolvere i problemi.

Innanzitutto sono i controlli di preflight; prima di collegare e accendere l’originale Prusa i3 MK3, è necessario regolare la sonda PINDA all’altezza corretta in relazione all’hotend.

Questo bit è delicato, perché richiede di abbassare manualmente e spostare l’hotend sugli assi Z e X, e devi fare attenzione a non segnare una profonda scanalatura nel letto di calore con l’hotend.

Successivamente, si accende la macchina e si controlla di disporre del firmware più recente. In caso contrario, è necessario procurarsi i driver e il firmware più recenti di Prusa Research e seguire le istruzioni per il processo di aggiornamento.

Una curiosa ruga qui è che gli utenti Windows e MacOS sono ben soddisfatti, ma gli utenti Linux devono passare attraverso qualche altro cerchio. Poiché si tratta di hardware open source, ci aspettavamo che il supporto del software open source fosse più sofisticato.

Infine, è possibile avviare la procedura guidata di configurazione dal pannello di controllo LCD. Qui è dove Prusa i3 MK3 esegue una serie di auto-test e si calibra sugli assi XYZ. Una volta che questi sono passati, ti viene richiesto di caricare il filamento in dotazione ed eseguire alcune regolazioni in tempo reale.

Tutto sommato, il processo è piuttosto indolore. Se hai seguito correttamente la guida allo sviluppo E se non c’è un guasto catastrofico con i componenti elettrici – e non ci sarà, dal momento che ogni kit viene rilasciato con un protocollo di test – allora starai bene.

10
Stampe di prova semplici

Recensione originale di Prusa i3 MK3: è il test di tortura della stampa 3D
Quindi ora siamo pronti per stampare. La scheda SD viene precaricata con molti modelli che sono stati pre-affettati dal team di Prusa Research, quindi è un caso di scegliere quello che è disponibile.

Abbiamo optato per tre modelli piccoli ma semplici per la prima fase della stampa di prova. Dobbiamo solo assicurarci che Prusa i3 MK3 funzioni in linea di principio. Quindi tutto ciò che serve è stampare qualcosa di semplice e veloce.

Quindi cosa abbiamo fatto? Il primo è un semplice badge Prusa. Il secondo è un 3DBenchy , nella foto sopra. Terzo è un piccolo ma carino modello di Buddy, il cane di Josef Prusa.

Vedere la stampante in azione è una vera delizia, e alcune osservazioni primarie sono le seguenti; in primo luogo, il Prusa i3 MK3 è molto molto veloce; in secondo luogo, è molto silenzioso; in terzo luogo, il letto rimovibile fa apparire le stampe una brezza assoluta.

Il 3DBenchy non era totalmente perfetto; c’era qualche distorsione sulla prua. E il piccolo amico soffre dello spostamento di livello. Sospettiamo che quest’ultimo sia successo perché abbiamo attivato la modalità “stealth” nelle impostazioni; questo offre il vantaggio del funzionamento silenzioso, ma disattiva anche il rilevamento del livello spostato nei driver Trinamic.

Non perfetto, ma la cosa importante adesso è che funziona.


11
Stampe di prova avanzate
: ecco l’antico busto di Nefertiti
A-ha! Scommetto che hai finito con la stampa di prova, eh? Quindi eravamo, a dire la verità. Ma una serie di aggiornamenti del firmware e dei driver è arrivata da Prusa Research, quindi ci siamo sentiti in dovere di gestirne altri.

Abbiamo deciso di essere un po ‘più ambiziosi questa volta, e abbiamo deciso di stampare alcuni modelli più grandi e dettagliati che hanno richiesto più tempo.

Precaricato sulla scheda SD è il busto di Nefertiti (una scansione 3D della realtà ottenuta con mezzi dubbi ), un bellissimo drago cantante di nome Adalinda e un castello da favola che si trova immediatamente fuori da Disneyland.

È interessante notare che, dal momento che l’aggiornamento del firmware di Prusa i3 MK3 (e nonostante queste stampe fossero molto più impegnative), la qualità dei risultati era eccezionale. Le stampe erano veloci, pulite e silenziose.

Degno di nota è anche il riempimento utilizzato; è un modello triangolare tridimensionale che non abbiamo mai visto prima, progettato per essere forte e duraturo. Guardare la formazione di uno strato dopo strato è ipnotico.

La messa a punto e l’affettatura dei nostri modelli utilizzando il software PrusaControl arriva più tardi nella recensione originale di Prusa i3 MK3.


12
PRUSA I3 MK3 RECENSIONE

Immagine della recensione originale Prusa i3 MK3: prezzi e aggiornamenti
Recensione originale di Prusa i3 MK3: due fratelli affiancati
In termini di prezzi, i prodotti originali Prusa i3 MK3 sono in kit per circa $ 900 . Il suo predecessore MK2 è anche disponibile in kit per circa $ 725 .

Prusa Research offre anche una serie di kit di aggiornamento per i possessori dei modelli MK2 e MK2S.

In riferimento alla nostra esperienza specifica, i potenziali aggiornamenti per Prusa i3 MK3 riguarderebbero le parti stampate in 3D stesse. Non stiamo suggerendo che le parti fornite con il kit siano difettose, ma ci sono stati alcuni cavilli minori rispetto al controllo di qualità. E c’è sempre la possibilità di rompere un pezzo durante il processo di assemblaggio se si applica troppa forza.

Fortunatamente, se hai già accesso a una stampante 3D, puoi facilmente stampare un set di riserva . E con il nuovo sistema di controllo delle versioni implementato con questa generazione, saprai sempre se hai il set di parti più aggiornato per l’originale Prusa i3 MK3.

Ci è stato dato di capire che le parti di fabbrica sono stampate in materiale PETG, quindi probabilmente vorrai attenervisi. Anche se l’ABS è anche un materiale praticabile dal momento che è stato utilizzato nei modelli precedenti. E se hai soldi da bruciare, potresti persino realizzarli con nylon sinterizzato al laser. Sarebbe fantastico.

Un altro suggerimento sarebbe quello di scambiare i cuscinetti a sfere lineari su Prusa i3 MK3 per quelli polimerici. Così facendo ridurrai drasticamente la quantità di rumore generato dalla tua stampante 3D. Possono anche essere utilizzati a secco senza necessità di lubrificazione. È un aggiornamento molto semplice ma efficace.

Infine, un piccolo upgrade all’hotend E3D V6 sarebbe quello di procurarsi uno di quei calzini blu di silicio. È davvero ottimo per tenere pulito l’hotend e impedire che pezzetti di carboncino sudici finiscano le stampe.

13
Pensieri finali : sempre felice di vedere una borsa nuova di Haribo
Prima di tutto, vorremmo alzare un bicchiere per Jakub Dolezal per il suo fantastico lavoro come autore tecnico. Ha prodotto una serie di istruzioni per assemblare l’originale Prusa i3 MK3 che sono leggibili, chiari e privi di errori. Grazie, Jakub!

In nessun punto abbiamo lasciato grattarsi la testa o chiederci cosa fare dopo. Inoltre, la struttura della guida è tale che altri utenti possono contribuire con commenti o feedback; il più delle volte, questo feedback va a monte o migliorando la guida o migliorando il design della stampante.

Il che ci porta ad un altro punto importante sulla costruzione di Original Prusa i3 MK3; testimoniare l’iterazione in azione. Studiando la costruzione sia del MK2S che del MK3, è chiaro che al lavoro c’è una seria evoluzione del design.

Josef Prusa e il suo team di talento non si accontentano di riposare sugli allori, sono costantemente impegnati a fornire la migliore stampante 3D possibile. Qui a ALL3DP, siamo cautamente ottimisti sul fatto che l’originale Prusa i3 MK3 possa essere quella stampante.

Be the first to comment on "Come Assemblare il Kit della PRUSA I3 MK3"

Leave a comment