Clean Strands il progetto per assicurare che la stampa 3d sia sicura e non tossica

La stampa 3D   emette tossine dannose? Clean Strands Aims Find Out cerca di rispondere al quesito passando  Kickstarter

Clean Strands marchio di qualitaRachel Spieczny è una manager certificata PMP che lavora nel campo dell’architettura e nell’high-tech; ha anche aiutato Zeepro, il produttore di stampanti 3D a raccogliere 348 mila dollari su Kickstarter per il loro avvio.

“Abbiamo bisogno di porci domande difficili, e di fare tutto il possibile per garantire che la stampa 3D sia  sicura per tutti”, dichiara Spieczny. “La mia speranza è che questo progetto permetterà di sensibilizzare, incoraggiare la ricerca, e promuovere il dialogo sulla stampa 3D e la sicurezza dei consumatori.”

Come dice Spieczny,  ben poca  ricerca è stata fatta sulla qualità dell’aria nelle aziende,nelle case e nelle scuole, dove le stampanti 3D sono in funzione. Esistono certificazioni industriali come ROHS e REACH come esempi di tali norme, ma osserva che non ci sono certificazioni destinate ad affrontare specificamente l’uso  di filamenti di stampa 3D di plastica.

È per questo che lei sta usando Kickstarter per finanziare l’iniziativa Clean Strands.

L’idea è un po ‘più difficile di quanto possa sembrare,   i produttori di filamenti usano formulazioni proprietarie, e i filamenti PLA e ABS vengono riscaldati rispettivamente fino a  220 ° C  – in molti casi essi emettono fumi che possono o non possono contenere elementi dannosi .

Spieczny spiega che  l’iniziativa Clean Strands funziona per scoprire quali prodotti chimici sono emessi nell’ambiente quando PLA e ABS sono riscaldati, e in quali concentrazioni.

Clean Strands lavorerà per verificare le emissioni di tali filamenti di stampa 3D con il Gruppo di Ricerca Ambiente  (BERG) presso l’Illinois Institute of Technology. Secondo la Spieczny, BERG rimane l’unico laboratorio di ricerca a pubblicare un ampio studio sulla qualità dell’aria interna e la stampa 3D.

Clean Strands  poi sostiene che userà questi dati per imporre uno standard di sicurezza nella qualità dell’aria interna, e poi lavorando in partnership con Ramboll ENVIRON, una società di consulenza ambientale specializzata in emissioni atmosferiche, valuterà che le sostanze chimiche non siano  pericolose per la salute e per l’ambiente.

I sostenitori, così come i produttori di filamenti, i membri del settore della stampa in 3D e il pubblico in generale avranno quindi accesso alla relazione finale al momento della pubblicazione. Spieczny dice che una volta che i risultati saranno stati resi pubblici, Clean Strands diffonderà un sigillo, un marchio di sicurezza da apporre ai filamenti.
“La disponibilità di stampanti 3D  a prezzi accessibili le portano nella disponibilità anche dei bambini  ha aperto un nuovo mondo di design innovativo e di espressione creativa che collega i mondi digitali e i mondi fisici”, spiega Spieczny. “Si tratta di un potente strumento educativo  , così come un modo per gli studenti di impegnarsi in soluzioni autentiche ai problemi e alle applicazioni del mondo reale. La disponibilità di un filamento libero di fumi tossici deve essere un must.

La campagna su kickstarter è a questo indirizzo : https://www.kickstarter.com/projects/2115371267/clean-strandstm-seal-of-approval-for-3d-printing-f/video_share

Be the first to comment on "Clean Strands il progetto per assicurare che la stampa 3d sia sicura e non tossica"

Leave a comment