CITD e la stampa 3d per migliorare i tassi di successo della terarpia chirurgica della scoliosi

CITD utilizza la stampa 3D per migliorare i tassi di successo della chirurgia della scoliosi La scoliosi è una malattia con vari gradi di gravità. A volte non ha bisogno di essere trattato affatto, mentre a volte è necessario un tutore e talvolta è abbastanza serio da richiedere un intervento chirurgico. La stampa 3D ha cambiato il modo in cui vengono creati i rinforzi della scoliosi – in passato erano ingombranti e scomodi dispositivi di stampa, ma la stampa 3D ha permesso di renderli molto più leggeri e aderenti. Nel frattempo, anche i trattamenti chirurgici vengono cambiati in meglio con la stampa 3D, poiché la tecnologia consente guide chirurgiche personalizzate .

Il progetto PAMIS sta lavorando per migliorare la chirurgia della scoliosi attraverso lo sviluppo di impianti stampati 3D. Tipicamente, la chirurgia della scoliosi comporta l’impianto di cinghie metalliche dritte e piatte standard che sono avvitate alla colonna vertebrale. Le dimensioni e le forme standard di questi impianti possono essere problematiche, poiché l’anatomia di nessuno è esattamente la stessa, e può comportare complicazioni o anche la necessità di un intervento chirurgico di revisione in futuro. Con la stampa 3D, tuttavia, è possibile realizzare impianti personalizzati.

Utilizzando le scansioni 3D della colonna vertebrale del paziente, i professionisti del settore medico potrebbero trarre vantaggio dalla modellazione degli elementi finiti e dalle tecniche di ottimizzazione del design per creare i migliori impianti possibili per l’anatomia unica di ogni paziente. Questi impianti possono essere stampati in 3D, utilizzando materiali leggeri e biocompatibili.

“È anche un’opportunità per trarre vantaggio dal concetto di ‘gemello digitale’ per preparare la chirurgia e gli impianti di scoliosi”, affermano i leader del progetto PAMIS. “Questo abbinamento tra il mondo virtuale e quello fisico consente di risolvere i problemi prima ancora che si verifichino durante l’intervento. Il concetto di modello umano virtuale e la nuova definizione di parti stampate in 3D bio-ispirate per la scoliosi potrebbero aprire la strada alla definizione di altre linee di impianti ortopedici e all’applicazione di materiali più adatti allo stress specifico da correggere in ciascun caso. ”
PAMIS è stato intrapreso dalla società spagnola CITD , una società di ingegneria che è stata originariamente costituita nel 2000 per sviluppare un sistema elettrico per aeromobili. Da allora, l’azienda ha continuato a lavorare a stretto contatto con Airbus su diversi progetti e si è fatta un nome nel settore aerospaziale. La CITD utilizza la produzione additiva e altre tecnologie digitali per fornire componenti di aeromobili di alta qualità e sta ora applicando la sua esperienza in queste tecnologie all’assistenza sanitaria con il progetto PAMIS.

La scoliosi è una condizione sorprendentemente comune; ne soffrono circa tre persone su 100. Mentre molti di questi casi sono abbastanza lievi da non richiedere un trattamento, alcuni di essi sono così gravi che la capacità del malato di camminare e persino di sedersi può essere compromessa. Questi sono i casi che spesso richiedono un intervento chirurgico, e per alcuni, questo può essere un onere permanente piuttosto che una soluzione rapida, se sono necessari interventi di revisione. La stampa 3D e la progettazione digitale possono eliminare la necessità di un intervento chirurgico di revisione in modo che anche quelli con i casi più gravi di scoliosi possano continuare a condurre una vita normale e sana.

Be the first to comment on "CITD e la stampa 3d per migliorare i tassi di successo della terarpia chirurgica della scoliosi"

Leave a comment