Christopher Barnatt: le innovazioni di stampa 3D al TCT Show 2018

La recensione del futurista Christopher Barnatt: le innovazioni di stampa 3D al TCT Show 2018

Dal 25 al 27 settembre 2018, il TCT Show si è tenuto a Birmingham, nel Regno Unito. Con oltre 300 espositori e 10.000 partecipanti, l’evento annuale è stato pregno di innovazione nella stampa 3D, con molte nuove stampanti e altri sviluppi in mostra.

Una delle prime stampanti 3D a catturare la mia attenzione è stata la Mimaki 3DUJ-553 . Questo hardware inkjet UV polimerizzabile è stato lanciato nella primavera del 2018 e ha ricevuto la sua prima proiezione pubblica nel Regno Unito dai suoi distributori locali, Hybrid Services. Il 3DUJ-553 è in grado di produrre oltre 10 milioni di colori, con uno spessore di strato fino a 19 micron, e ha un volume di costruzione di 500 x 500 x 300 mm. Sono state esposte molte stampe diverse. E come puoi vedere nelle immagini qui, la qualità è davvero molto buona.

Un’altra stampante 3D alla sua prima uscita TCT è stata la Fortus 380mc Carbon Fiber Edition di Stratasys. Questo ha un volume di costruzione di 355 x 305 x 305 mm, e come è specificamente inteso per le parti di stampa 3D in un materiale di nylon 12 che è rinforzato con il 35 per cento di fibra di carbonio tritata. Tali parti sono molto forti e molto rigide e sono adatte per sostituire componenti in alluminio in alcune circostanze. Come ho discusso con un rappresentante di Stratasys, con sempre più aziende che cercano prototipi di stampa 3D, utensili e parti finali interne, la Stratasys Fortus 380mc Carbon Fiber Edition troverà una vasta gamma di applicazioni industriali.

Molte altre aziende stavano dimostrando hardware destinato a facilitare la produzione a bassa tiratura. Ad esempio, nello stand di 3D Systems ho trovato una stampante 3D indipendente dalla gamma di soluzioni di fabbrica di Figure 4 . La Figura 4 tende a fornire lo “stampaggio digitale” delle parti di produzione finali. Per ottenere ciò, le grandi installazioni di Figura 4 presentano celle e sistemi di produzione modulari che integrano più stampanti e automazione robotica per la produzione continua ad alta velocità. Sarebbe stato bello vedere una configurazione di fabbrica completa in Figura 4 su TCT. Purtroppo, questo non è mai possibile in una fiera!

Di ritorno sul desktop, Tiertime stava visualizzando il suo nuovo X5 , che l’azienda descrive come “sistema di stampa 3D continuo per la produzione a basso volume”. La stampante 3D X5 crea oggetti usando l’estrusione di materiali nel modo normale. Ma quando ha terminato una stampa, una porta si apre all’estremità della macchina e la piastra di costruzione su cui è stata stampata la parte viene espulsa. Un’altra piastra di costruzione viene quindi caricata automaticamente in posizione e la stampa ricomincia. L’X5 può essere equipaggiato con otto piastre di costruzione e, una volta esaurite, è possibile aggiungerne altre mentre la macchina è ancora in funzione. L’X5 può quindi funzionare per periodi molto lunghi come un cavallo di battaglia di produzione a bassa tiratura.

Probabilmente la soluzione di stampa 3D più radicale che ho visto al TCT proveniva da Blackbelt. Mentre tradizionalmente le stampanti per estrusione di materiali hanno un asse Z inclinato di 90 gradi rispetto al piano di stampa, Blackbelt ha ruotato la testina di stampa per operare a 15, 25, 34 o 45 gradi su una superficie costruita in movimento. Gli strati termoplastici vengono successivamente estrusi ad angolo per formare oggetti su una cinghia in fibra di carbonio in movimento. Ciò consente di creare stampe 3D all’interno di un volume di costruzione di 340 x 340 mm sull’asse X e Y, ma potenzialmente su qualsiasi lunghezza sull’asse Z. Inoltre, come mostra l’immagine qui sopra, la stampante Blackbelt consente la produzione continua di parti stampate in 3D su una linea di produzione che si muove lentamente. Il Blackbelt descrive le stampanti come “veramente dirompenti” e la copia di marketing è probabilmente corretta. Senza dubbio Blackbelt è un’azienda di stampa 3D da guardare.

Credito di tutte le immagini: Christopher Barnatt

Lo spettacolo TCT è un evento molto grande e molto impegnativo, e come negli anni precedenti ho lasciato pensare che c’erano molte cose che mi mancavano. Tuttavia, sono anche partito con l’impressione che il settore della stampa 3D stia accelerando la fornitura di innovazioni che stanno cambiando il modo in cui è possibile produrre una percentuale crescente di prototipi, utensili e componenti finali. Una delle maggiori sfide future è rendere le aziende più consapevoli delle possibilità. E in questo contesto, eventi come il TCT Show svolgono un ruolo importante nel diffondere idee e aprire le menti.

Christopher Barnatt è un futurista freelance e autore di 3D Printing: Third Edition .

Be the first to comment on "Christopher Barnatt: le innovazioni di stampa 3D al TCT Show 2018"

Leave a comment