Chiude il Bar ProtoBuild di Dayton il primo locale bar e makerspace contemporaneamente

Il bar della stampa 3D e il Makerspace di Dayton chiudono i battenti … Per sempre?

Di Sarah Saunders da 3dprint.com

Non mi è mai piaciuta molto la frase “tutte le cose buone devono finire.” Non la trovo sempre necessariamente vera, anche se sono sicuro di poter essere smentita. Sfortunatamente, in questo caso, ero – il grande esperimento che era Dayton, Il bar con stampa 3D dell’Ohio e il produttore di elettronica, Proto BuildBar , è purtroppo giunto al termine. Ero sul posto a Proto il pomeriggio del 21 dicembre per assistere all’ultima ora di lavoro e per parlare con il direttore generale Alex Todd di ciò che è accaduto e di quello che verrà dopo.

Proto ha aperto le sue porte nel 2014. Situato nel cuore del centro di Dayton, vicino al campo da baseball di classe A della città di classe A e offre un parcheggio comodo e gratuito, l’attività unica era in parte elettronica e stampa 3D e in parte caffè / bar . Con uno slogan montaggio di “Stampare , bere, fare,” Proto è stato sviluppato e di proprietà di Chris Wire della Real Art digitale e agenzia creativa fisica, che si trova proprio accanto.

“La vera arte combina il mai visto prima con il perché non ci ho pensato . Mescolando arte e invenzione, facciamo in modo che le persone scoprano e ricordino te “, afferma il sito web dell’agenzia.

Proto è sempre stato molto più di una semplice centro stampa 3D e Real Art ha creato due delle offerte più uniche di Proto: la più grande macchina da artigli funzionale al mondo e il gioco ” War of Currents “, presentato in anteprima a SXSW nel 2016 e che ricorda Mortal Kombat con battaglie tra Nikola Tesla e Thomas Edison e joystick che ti scioccheranno davvero.

La mia prima visita a Proto è avvenuta all’inizio del 2015; quando l’ex caporedattore di 3DPrint.com Sarah Goehrke e io ci siamo avventurate per vedere cosa offriva il posto, e di certo non ci ha deluso. C’era un’intera parete di stampanti 3D (principalmente Makerbot) e contenitori pieni di statuette stampate in 3D e formine per biscotti, per coloro che non avevano voglia di aspettare la propria stampa.

Diverse macchine gumball fornivano anche minuscole offerte stampate in 3D e diverse stazioni di saldatura allineavano il muro di fronte alle stampanti, accanto a scaffali pieni degli articoli necessari Arduino e Raspberry Pi per i produttori che volevano che le loro creazioni stampate in 3D si accendessero o si spostassero.

Due aree diverse offrivano comodi posti a sedere per le persone che stavano aspettando che finissero le stampe o che volessero semplicemente godersi una buona tazza di caffè; mentre Proto aveva la parola “bar” nel suo nome, offriva anche bevande analcoliche, oltre a sandwich, biscotti e soda.

Nel mezzo di Proto c’era un grande tavolo dove le persone potevano sistemare i loro laptop e fare un po ‘di lavoro. Man mano che le cose progredivano e la parola iniziava a diffondersi su questo luogo interessante, il tavolo veniva utilizzato anche per eventi speciali, come il famoso gioco da tavolo e le serate di videogiochi di Proto, e persino le feste di raccolta fondi, come la festa di lancio della campagna Kickstarter che Proto ospitava per la Gem City Catfé nel 2017.

Mentre partecipavo a quell’evento, ho appreso che Proto stava lavorando per mantenere la promessa di espansione nazionale del 2015 e stava anche espandendo le proprie offerte. Oltre a uno spazio dedicato agli eventi nella parte posteriore, il bar ha fornito anche diversi kit di assemblaggio, giochi aggiuntivi per feste interne e stava lavorando per mettere insieme esercizi di team building e lezioni relative agli STEM per i giovani.

“Essendo uno spazio dedicato ai principianti, abbiamo molti bambini e adulti che stanno appena iniziando a capire le capacità della tecnologia”, mi ha detto Todd l’anno scorso mentre stavo scrivendo un articolo sul mercato dei giocattoli stampato in 3D di oggi .

“Che si tratti di mettere il nome di un bambino su un action figure o di stampare una tavola Catan personalizzata, questi elementi aiutano a creare una reale comprensione del fatto che con un po ‘di potenza e creatività del cervello, puoi usare una stampante per creare quasi tutto ciò che puoi sognare.”

Con tutta questa attenzione rivolta alle nuove generazioni di produttori, oltre a lavorare attivamente per un’espansione, perché Proto BuildBar ha chiuso i battenti esattamente il mese scorso, poco dopo aver festeggiato il suo quinto anniversario? L’azienda ha cercato di crescere troppo rapidamente e di allacciarsi sotto lo stress? La risposta potrebbe sorprenderti, poiché non ha assolutamente nulla a che fare con la stampa 3D.

“Si tratta più di ciò che sta accadendo in questa zona a Dayton che del concetto di Proto”, mi ha detto Todd quando mi sono fermato a salutare i miei rispetti nell’ultimo giorno ufficiale di lavoro.

Ha spiegato che mentre lo stesso Proto è “un concetto straordinario”, è “più adatto a una zona suburbana”, in particolare con il numero di famiglie che patrocinano il Builder Bar. Anche con eventi a tema più adulto come le Couples Soldering Nights, Todd ci ha detto nel 2015 che il suo principale gruppo demografico si stava dimostrando essere padri che stavano arrivando con i loro figli. Dato che vivo abbastanza vicino al centro di Dayton, ho visitato Proto diverse volte negli ultimi anni e in effetti ho notato molte giovani famiglie che frequentano l’attività.

Dicono che la posizione è tutto, e ciò che sta accadendo nella posizione di Proto è che molte nuove abitazioni sono state sviluppate e costruite nelle vicinanze. Quindi, dal punto di vista delle piccole imprese, i proprietari di Proto BuildBar Real Art devono trarre vantaggio da ciò che sta accadendo nell’area … che purtroppo non è un unico spazio di produzione per la stampa 3D.

Ho chiesto a Todd cosa sarebbe successo a Proto, e se si sarebbe reinventato in un posto nuovo, e cosa sarebbe successo nell’attuale edificio. Come sospettavo, non lo ha detto pubblicamente a quel punto, ma mi ha detto di tenere d’occhio le notizie in futuro.

“Ad un certo punto ci sarà qualcosa di altrettanto fantastico in questo spazio”, mi ha detto Todd. “La vera arte possiede l’edificio. Tutta la metà posteriore di questo edificio è Thought Lab , qui costruiscono tutte le cose interessanti ”, ha continuato, facendo riferimento a molti progetti interessanti dell’agenzia .

Anche se il personale sta lavorando duramente per svuotare rapidamente l’edificio, Todd mi ha detto che “non c’era un periodo di tempo prestabilito” per quando un’altra impresa si sarebbe trasferita nello spazio Proto. Ho chiesto perché Proto chiudesse alle 15:00 nel suo ultimo giorno di lavoro, piuttosto che rimanere aperto almeno fino alle prime ore della sera.

“Abbiamo fatto la nostra grande festa ieri sera”, mi ha detto Todd.

Anche se avrei voluto essere in grado di partecipare all’ultima festa, è stato anche bello avere uno spazio tranquillo per chattare con mio marito e il nostro amico e bere un ultimo drink. Allo stesso tempo, è stato abbastanza deprimente vedere tutte le aree vuote in cui le numerose stampanti 3D erano solite sedersi e guardare i dipendenti che demolivano le cose e coprivano le finestre.

Proto vende di tutto: mobili, tazze da caffè, macchina per caffè espresso e tutte le sue stampanti 3D. Quindi suppongo che qualunque cosa la Real Art finirà per portare all’edificio successivo non sarà correlata alla stampa 3D. Ma forse l’agenzia riporterà Proto su una scala più ampia, con più stampanti attuali, da qualche altra parte. Spero che questo non sia solo un pio desiderio da parte mia; in questi giorni, dopo tutto, abbiamo esaminato il disfacimento del movimento creativo . Ma sapendo quello che so della crescita abitativa di questa particolare posizione in centro, capisco perché il concetto potrebbe funzionare meglio altrove e perché questa chiusura probabilmente non ha nulla a che fare con la tecnologia stessa.

Citazione completa: “La vita è piuttosto semplice. Fai delle cose. La maggior parte falliscono . Alcune funzionano : concentrati su queste. “

Dayton ha chiuso nel 2019 , ma la casa dei fratelli Wright non è nulla se non resiliente. Proto BuildBar è un originale di Dayton, quindi se l’azienda facesse una sorta di ritorno, non mi sorprenderebbe affatto.

Be the first to comment on "Chiude il Bar ProtoBuild di Dayton il primo locale bar e makerspace contemporaneamente"

Leave a comment