Che cosa ha imparato l’industria della stampa 3D durante la pandemia di coronavirus COVID-19?


Le sfide di COVID-19 sono state un’opportunità di apprendimento unica per aziende e privati. Mentre il mondo si affrettava a reagire allo scoppio, evidenziava i punti di forza e le carenze dell’industria moderna. Quando le aziende riemergeranno dalla pandemia, lo faranno con nuove conoscenze ed esperienze.

L’industria manifatturiera additiva non fa eccezione. In un certo senso, le aziende di stampa 3D hanno dimostrato di essere meglio equipaggiate per affrontare la pandemia di chiunque altro. In altri, l’industria è stata vittima di alcune delle stesse carenze.

Ecco uno sguardo a ciò che l’industria della stampa 3D ha imparato attraverso la pandemia.

Agire con cautela è meglio che agire rapidamente


Nel caos della pandemia di COVID-19, erano indispensabili risposte rapide, specialmente in campo medico. In effetti, uno dei maggiori punti di forza della produzione additiva è la pura velocità della sua produzione. Le aziende si affrettarono a stampare parti di respiratori e maschere per il viso, ma non finirono sempre per essere utili nella fretta.

I produttori impararono presto che non tutte le maschere erano efficaci per ostacolare la diffusione del virus. Di conseguenza, molte stampanti hanno finito per produrre attrezzature quasi inutili, quindi la loro velocità di produzione non ha avuto importanza. In questo caso, era meglio mettere in pausa e apprendere tutti i dettagli di ciò di cui le persone avevano bisogno prima di correre per soddisfare la domanda percepita.

I produttori devono essere in grado di adattarsi
Se le aziende di stampa 3D soddisfano costantemente la domanda, devono essere flessibili. L’epidemia di coronavirus ha dimostrato che la domanda, specialmente se basata sulle necessità, può cambiare in un istante. Man mano che gli scienziati hanno appreso di più sul virus e su come trattarlo, il ruolo della stampa 3D nella sua lotta ha dovuto adattarsi.

I produttori di additivi hanno appreso che la produzione di schermi facciali era più utile della stampa di maschere in molti casi. In risposta a nuove informazioni, hanno dovuto adattare le loro operazioni per aiutare gli operatori sanitari nel miglior modo possibile. Dati i mercati notoriamente instabili di oggi, la capacità di adattamento si rivelerà utile anche dopo la pandemia.Componenti per la protezione del viso con stampa 3D

La flessibilità è importante all’interno della catena di approvvigionamento
La pandemia ha evidenziato come la produzione non sia l’unica area in cui i produttori devono essere flessibili. Circostanze impreviste come la disponibilità limitata dei dipendenti e le restrizioni sui viaggi causano interruzioni nella catena di approvvigionamento. Se le aziende di stampa 3D devono sfruttare la loro velocità e flessibilità, anche le loro catene logistiche dovrebbero essere adattabili.

Le aziende possono migliorare l’efficienza del magazzino attraverso passaggi come il monitoraggio dell’inventario con tag di identificazione a radiofrequenza (RFID) e l’organizzazione di stazioni di lavoro. La maggiore efficienza faciliterà l’adattamento alle mutevoli circostanze, per le quali i produttori devono essere pronti. Se le aziende non sono attrezzate per adeguare le loro catene di approvvigionamento, i cambiamenti globali le influenzeranno in misura maggiore.

La collaborazione è essenziale
Combinare gli sforzi è fondamentale per sopravvivere in tempi di crisi sia per gli individui che per le aziende. Molte aziende hanno adottato un approccio collaborativo in tutta la pandemia, come visto nell’ascesa di progetti open-source che circolavano nel settore. Mentre le sfide di COVID-19 iniziano a svanire, le aziende di stampa 3D dovrebbero attenersi a questo spirito di collaborazione.

L’industria ha imparato che lavorare con partner al di fuori dell’azienda promuove l’innovazione. Gli sforzi congiunti di due aziende in genere producono un prodotto o un servizio più prezioso di quanto entrambi possano fare da soli. Attraverso la collaborazione, i produttori di additivi possono portare ulteriore innovazione in un settore già innovativo.

Andare avanti dopo la pandemia
La pandemia COVID-19 non è finita ed è difficile dire quando finirà. Ogni volta che la crisi si attenua, l’industria della stampa 3D emergerà più forte di quanto non sia entrata in essa. Questo non vuol dire che queste circostanze siano state del tutto favorevoli, ma piuttosto che presentino preziose opportunità di apprendimento.

I produttori di additivi possono prendere ciò che hanno appreso dalla pandemia e applicarlo alle attività post COVID. Invece di tornare alla normalità, l’industria ha l’opportunità di andare avanti.

Emily Folk 3dprint.com

Be the first to comment on "Che cosa ha imparato l’industria della stampa 3D durante la pandemia di coronavirus COVID-19?"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi