Charlie Kimball il pilota col diabete che corre in Indycar grazie al dispositivo progettato e stampato in 3d dal papà Gordon ingegnere

La carriera del pilota di  IndyCar Charlie Kimball  salvata  dal Papà

L’IndyCar Series è appena cominciata e fino ad ora si sono svolte quattro gare.. e durerà fino ad agosto . L’anno scorso la serie è stata vinta da Will Power  .  Anche in Indy come in Formula 1 comincia ad essere importante la forma fisica del pilota anche se non è lui a correre ma col caldo la stanchezza è importante mantenere lo stesso livello di prestazione e di attenzione quando si arriva a velocità quasi di 400 orari.
C’è una storia dentro la storia di Indy  riguarda uno dei piloti americani, Charlie Kimball. A Kimball, che corre per il team di  Chip Ganassi uno dei team più importanti , è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 nel 2007, ma nonostante questo continua a correre ed è anche è diventato un testimonial  per la malattia. Ma come fa un diabetico a regolare la glicemia, mentre corre su un mostro di potenza a velocità folli ? Questa è la domanda a cui Kimball ha dovuto rispondere, quando la sua carriera agonistica sembrava volgere al termine.

“Io correvo in Europa nel 2007, quando sono andato dal medico per un rash cutaneo . Il medico ha chiesto se avevo altri sintomi , e ho detto che ero estremamente assetato  e bevevo molta acqua “, ha detto Charlie Kimball  in un’intervista. “Mi ha messo sulla bilancia e ci siamo resi conto che avevo perso 25 chili in meno di un mese. Fu allora che ha fatto un paio di test e mi ha detto che avevo il diabete di tipo 1. E ‘stato uno shock, e naturalmente io ero più preoccupato che mai di essere ancora in grado di guidare una macchina da corsa “.

Fortunatamente per Charlie, il padre Gordon Kimball è un  ingegnere . Insieme padre e figlio hanno cercato di salvare la  carriera agonistica di Charlie, garantendo al tempo stesso la sicurezza di Charlie, mentre corre in pista. Ci voleva un dispositivo indossabile nella monoposto  che permettesse a Kimball di monitorare e poi rapidamente regolare la sua glicemia  durante una gara sorseggiando acqua o succo d’arancia. Con questo dispositivo disponibile, Gordon ha progettato una versione  adatta a correre utilizzando le sue capacità ingegneristiche combinate con la stampa 3D.

“Soprattutto volevamo che fosse leggero, ma non abbiamo trovato nulla sul mercato che potesse funzionare “, ha spiegato Charlie. “Mio padre era interessato a fare il progetto  e imparare di più sulle opzioni e le tecnologie disponibili con la  stampa 3D.”

Il dispositivo che hanno creato utilizza un sensore indossabile che notifica a Kimball quando il suo zucchero nel sangue è troppo alto o troppo basso. Egli può quindi bere acqua o succo d’arancia con una valvola. Il dispositivo è stato interamente progettato dal padre e  stampato in 3d da Stratasys sotto la direzione di Manufacturing. La valvola, che è un semplice apparecchio che permette a Kimball di cambiare rapidamente  la cannuccia, scegliendo tra i due liquidi è stato stampato su una macchina Selective Laser Sintering in Nylon 12 materiale PA.

Quanto a ciò che gli altri piloti pensano di questo piccolo gadget in macchina di Kimball, non hanno detto ancora un bel po ‘. “Non ho sentito parlare molto feedback da qualsiasi altro driver se non che è un bel po ‘di parte e nel complesso abbastanza discreto”, ci ha detto Kimball.

Una cosa è certa. Se non fosse stato per il padre Gordon, la sua volontà di progettare il suo primo oggetto tramite la stampa 3D,  le persone gentili in  Stratasys, Novo Nordisk, e il team medico di Charlie, niente di tutto questo sarebbe stato  possibile. Charlie  Kimball corre tranquillamente questa stagione indy ed è un driver molto quotato: nell’alettone posteriore lo sponsor è Race Insulin …..

Be the first to comment on "Charlie Kimball il pilota col diabete che corre in Indycar grazie al dispositivo progettato e stampato in 3d dal papà Gordon ingegnere"

Leave a comment