Chanel stampa in 3d un milione di pennelli per mascara al mese

Chanel produce fino a 1 milione di pennelli per mascara stampati in 3D al mese
Chanel Parfums Beauté, l’unità di cosmetici della famosa casa di design francese, è passata alla stampa 3D per la produzione di un oggetto improbabile: un pennello mascara. In collaborazione con Erpro 3D Factory, con sede in Francia, Chanel afferma che inizierà a produrre pennelli per mascara su scala industriale utilizzando la stampa 3D.

Quando si applica il mascara, non si può pensare due volte alla bacchetta che si svita dalla bottiglia e trascinare leggermente le ciglia. La verità è, tuttavia, che un sacco di ingegneria e test sono andati in questo oggetto apparentemente semplice prima che fosse messo in produzione, commercializzato e, infine, acquistato.

Da essere attento agli occhi, sicuro, efficace e anche esteticamente gradevole, molto si avvicina a fare un pennello mascara, motivo per cui Chanel si è interessato ad esplorare le tecnologie di stampa 3D per la loro produzione.

La casa di progettazione si è interessata alla stampa 3D sin dal 2001 e nel 2007 la società ha anche depositato un brevetto per la produzione additiva di prodotti per l’applicazione di cosmetici.

Veloce di un decennio, e Chanel si sta finalmente preparando a lanciare i suoi applicatori di mascara stampati in 3D. I nuovi prodotti, realizzati con un processo di sinterizzazione laser e materiale poliammidico, saranno presto lanciati con il volume Volume Révolution de Chanel Mascara.

Secondo il team di sviluppo di Chanel, la stampa 3D ha consentito di passare attraverso vari prototipi per il pennello mascara in modo tempestivo ed economico. È importante sottolineare che la stampa 3D ha permesso di eliminare gli stampi a iniezione costosi nel processo di produzione.

Per dare un’idea di quanta flessibilità producesse additivo Chanel, il pennello per mascara Révolution avrebbe attraversato oltre 100 prototipi e giri di prova prima che la versione finale del pennello fosse scelta e convalidata.

Inoltre, la tecnologia ha permesso a Chanel e al suo team di sviluppo di proporre nuovi design innovativi per l’applicatore di cosmetici. Grazie alla stampa 3D, Chanel Parfums Beauté è stata in grado di iterare molti disegni e forme che sarebbe stato impossibile produrre con i metodi di stampaggio tradizionali.

La versione finale è particolarmente degna di nota per i suoi fili apparentemente granulosi, che aiutano il mascara ad aderire alle ciglia di chi lo indossa. Altre caratteristiche includono micro-cavità che sono progettate per contenere una quantità sufficiente di mascara per “prevenire il doppio tuffo” e una griglia di setole anti-grumo.

Attualmente, Chanel si sta preparando a lanciare la produzione industriale del suo nuovo pennello mascara stampato in 3D, un’impresa abilitata da Erpro 3D Factory. Lo specialista AM con sede in Francia ha collaborato con Chanel per stabilire una sofisticata linea di produzione di stampa 3D composta da sei macchine. La struttura, afferma Chanel, è in grado di stampare fino a 50.000 pennelli al giorno, 250.000 pennelli a settimana e fino a un milione di pennelli al mese.

Per tenere conto del fatto che i pennelli stampati in 3D devono essere usati vicino all’occhio umano, Chanel ha anche stabilito fasi di test e post-processing complete che includono misure quali analisi delle materie prime, preparazione della polvere, raffreddamento post-stampa, pulizia, risciacquo e test.

Chanel prevede di iniziare la produzione di pennelli mascara stampati in 3D non appena giugno 2018

Be the first to comment on "Chanel stampa in 3d un milione di pennelli per mascara al mese"

Leave a comment