Ceres iAM nuova startup di Bosch per fornire componenti in plastica stampate in 3d

La società multinazionale tedesca di ingegneria e tecnologia Bosch ha introdotto una nuova filiale, Ceres iAM, una startup orientata alla fornitura di parti in plastica prodotte in modo additivo nella qualità dello stampaggio ad iniezione, in particolare per la produzione di piccoli lotti.

L’azienda combina i vantaggi della stampa 3D e dello stampaggio ad iniezione nella sua tecnologia brevettata Ceres iAM, al fine di produrre parti in plastica in modo più efficiente rispetto ai processi di produzione convenzionali. In tal modo, Ceres iAM mira a “estendere le capacità di produzione additiva” per soddisfare il crescente requisito delle parti in plastica industriale.

La società inizierà la produzione delle sue parti nel 2020, dove si aspetta l’implementazione di successo della sua tecnologia di produzione additiva.

Ceres iAM ha sede nello stabilimento principale di Bosch per parti in plastica vicino a Stoccarda, dove l’azienda costruisce e sviluppa i propri sistemi e tecnologie di produzione additiva. Ciò include il suo “cluster AM digitale”, una rete di stampanti 3D basata sulla tecnologia brevettata Ceres iAM.

In un video fornito dalla società che spiega le basi su cui opera, Ceres iAM commenta la prenotazione dello stampaggio a iniezione per la produzione di massa e l’idoneità della produzione additiva per la produzione di piccoli lotti e soluzioni speciali. Il video afferma come vi sia una richiesta di soluzioni a basso numero di unità, in cui i produttori cercano di effettuare regolazioni da parte a parte durante lo sviluppo del prototipo, con tempi di sviluppo e costi di produzione ridotti.

Sebbene la produzione additiva sia un metodo già efficiente in termini di tempo e costi per la produzione specializzata, la società afferma che le attuali tecnologie non possono tenere il passo con i “requisiti in costante aumento” per le parti di produzione. Usando il suo cluster Digital AM, Ceres iAM ha in programma di produrre in modo aggiuntivo parti in plastica industriali con proprietà meccaniche simili alle parti stampate ad iniezione, pur rimanendo a breve termine ed economicamente vantaggiose.

I vantaggi per il cliente, secondo CeresiAM, comprendono un tempo di sviluppo ridotto, con tempi di consegna di campionamento migliorati, per le parti di produzione. I costi vengono risparmiati per la produzione di parti in plastica industriale in piccoli lotti poiché la tecnologia dell’azienda annulla la necessità di strumenti costosi richiesti nei metodi di produzione tradizionali. Le parti possono essere prodotte con geometrie complesse e presto l’azienda fornirà componenti realizzati in PA6 rinforzato e ci sono piani per l’integrazione dell’elettronica all’interno delle parti a partire dal 2021.

Produzione additiva presso Bosch

Fondata nel 1886, Bosch si è affermata come fornitore leader a livello mondiale di varie tecnologie e servizi, distribuiti in quattro settori: soluzioni di mobilità, tecnologia industriale, beni di consumo, energia e tecnologie per l’edilizia. La sua nuova startup, Ceres iAM, rappresenta uno sforzo continuo nello sviluppo della sua tecnologia e produzione additiva.

Un’altra filiale della società, Bosch Rexroth , ha fatto progressi nella produzione additiva. Nel 2018 ha stabilito una partnership di sviluppo con il produttore tedesco di stampanti 3D FDM / FFF BigRep , che ha portato alla produzione della nuova stampante 3D di BigRep, la BigGP PRO equipaggiata con 5G e IoT .

Più di recente, a luglio 2019, Robert Bosch Venture Capital GmbH (RBVC), che è la società di venture capital di Bosch, ha investito nel mercato manifatturiero on demand Xometry . Partecipando al round di finanziamento della serie D , l’investimento di Bosch ha portato l’importo totale di Xometry raccolto nel round a $ 55 milioni.

Be the first to comment on "Ceres iAM nuova startup di Bosch per fornire componenti in plastica stampate in 3d"

Leave a comment