Center for Optical Technologies (ZOT) finanziato dal Ministero federale dell’educazione e della ricerca (BMBF) tedesco

Center for Optical Technologies: il finanziamento consente la stampa 3D nella gamma dei nanometri

Un focus presso il Center for Optical Technologies (ZOT) è la stampa 3D di componenti ottici. Ora l’infrastruttura dei dispositivi di ZOT può essere ampliata con un nuovo sistema litografico nanoimprint, aprendo così il nanoworld per la funzionalizzazione dei componenti ottici. Il Ministero federale dell’educazione e della ricerca (BMBF) sta fornendo i mezzi finanziari per gli acquisti per un importo di 1,2 milioni di euro.

Con il programma di finanziamento “FH-Invest”, il BMBF consente alle università di scienze applicate di effettuare investimenti strategici in attrezzature e sistemi di ricerca o dimostratori. L’obiettivo è quello di dotare le aree di ricerca forti di infrastrutture all’avanguardia in modo che le nuove domande orientate all’applicazione possano essere trattate in modo efficiente e che i risultati possano essere rapidamente trasferiti al mondo degli affari e della società. Come parte dell’ultima chiamata, hanno preso parte oltre 90 università a livello nazionale, di cui quasi una su cinque è stata finanziata.

La domanda della Aalen University è stata accettata dal Prof. Dr. Andreas Heinrich delle coordinate del Center for Optical Technologies. Il suo hobby è la produzione additiva di componenti ottici come lenti ed elementi di illuminazione. Con i tradizionali sistemi di stampa 3D, le sue attività sono state finora limitate alle dimensioni della struttura nel raggio di pochi millesimi di millimetro. Con il nuovo dispositivo di ricerca, ora può penetrare nella gamma dei nanometri (milionesimi di millimetro). Con il nuovo sistema di litografia nanoimprint, ad esempio, la superficie dei componenti ottici può essere dotata di strutture nella gamma dei nanometri e quindi di nuove funzionalità come la rifrazione della luce modificata. La nanoimprinting può essere utilizzata per un’ampia varietà di materiali e applicazioni e sta diventando sempre più importante come tecnologia promettente per il futuro in vari settori. Ecco perché le due società Carl Zeiss Vision di Aalen e BWF Profiles di Offingen supportano attivamente le attività di ricerca con il nuovo sistema.

Andreas Heinrich è contento del nuovo sistema: “La ricerca di fotonica ha tradizionalmente una priorità assoluta all’Università di Aalen. Migliorando continuamente la nostra flotta di attrezzature, possiamo espandere la nostra ricerca e quindi la nostra attrattiva per la cooperazione con aziende e istituti di ricerca ben oltre la regione. Anche i nostri studenti e giovani scienziati beneficiano dell’uso dei nuovi dispositivi. “

Be the first to comment on "Center for Optical Technologies (ZOT) finanziato dal Ministero federale dell’educazione e della ricerca (BMBF) tedesco"

Leave a comment