CELLINK e Uppsala University inviano cellule staminali stampate 3D nello spazio

CELLINK e Uppsala University inviano le cellule staminali stampate 3D nello spazio

Per studiare l’influenza della microgravità e dell’ipergravità sui sistemi viventi, il pioniere della bioprinting CELLINK , in collaborazione con un gruppo di scienziati dell’Università di Uppsala , ha inviato allo spazio cellule staminali neurali a cresta neurale con cappuccio biostampato in 3D. La partnership mira ad accelerare lo sviluppo di un sistema di cellule staminali neurali 3D per fornire informazioni su come le alterazioni della gravità influenzano le proprietà cellulari.

Secondo il Dipartimento di Neuroscienze della Facoltà di Medicina dell’Università di Uppsala , queste cosiddette cellule staminali della cresta neurale del cappuccio limite sono una popolazione cellulare transitoria che si trova alla giunzione tra le radici dorsali e il midollo spinale durante lo sviluppo embrionale. Nel 2014, i ricercatori dell’università hanno condotto studi che hanno dimostrato come la crescita, la sopravvivenza e la funzione delle cellule produttrici di insulina nel pancreas siano promosse se le cellule sono coltivate o trapiantate insieme a cellule staminali di cresta neurale limite, fornendo nuove opportunità per trattare i pazienti con diabete di tipo 1.

Bioprinter BIO X di CELLINK e bioink sono stati utilizzati per bioprint cellule staminali di cresta neurale cap limitate che sono state lanciate con successo nello spazio il 24 giugno su Maser14 dall’Agenzia spaziale nazionale svedese . Le cellule sono state fornite da un team di ricercatori dell’Università di Uppsala, guidate dalla professoressa Elena Kozlova, e stampate utilizzando CELLINK Bioink e CELLINK GelMA .

“La nostra missione di contribuire a migliorare le condizioni fisiche per gli astronauti con l’Università di Uppsala è una pietra miliare per CELLINK. Le condizioni estreme che gli astronauti affrontano mentre si trovano nello spazio sono state un tema ampiamente discusso e questa settimana abbiamo fatto il primo passo per aiutare a risolvere questo problema. Comprendere gli effetti della microgravità è un elemento cruciale di questa equazione. Abbiamo lavorato duramente allo sviluppo di tecnologie che aiuteranno a cambiare il mondo e non vediamo l’ora di condividere la prima serie di risultati non appena saranno disponibili “, ha suggerito Itedale Redwan, Chief Science Officer di CELLINK, a 3DPrint.com.

L’esplorazione spaziale sfida i limiti della fisiologia umana e le capacità di avanzamento nel volo spaziale richiedono soluzioni innovative dagli scienziati in prima linea in tutti i campi della fisica, della biologia e della medicina. Ecco perché CELLINK, la prima società al mondo di bioink, cerca continuamente nuove collaborazioni e collaborazioni per fornire ai ricercatori capacità e innovazioni emergenti nel settore. La startup è già riuscita a stampare pelle umana e sta anche lavorando alla produzione di tessuti epatici, oltre alle cellule beta che producono l’insulina di cui abbiamo bisogno per sopravvivere.

Questa non è la prima collaborazione tra CELLINK e Uppsala University: l’azienda ha collaborato con il professore associato Joey Lau Börjesson per utilizzare la biostampa 3D per creare un microambiente favorevole alle cellule produttrici di insulina trapiantate. A quel tempo, Börjesson ha utilizzato il bioprinter 3D INKREDIBLE per bioprintare le isole pancreatiche umane con il bioink PAN X di CELLINK, con proteine ​​della matrice extracellulare derivate dal pancreas umano e utilizzate per imitare il microambiente fisiologico delle isole pancreatiche di Langerhans (che hanno una fitta rete di vasi sanguigni facilitando la consegna degli ormoni prodotti che regolano i livelli di glucosio nel sangue). Il gruppo ha mescolato le isolette umane con il bioink PAN X e con i costrutti a forma di griglia, mostrando che la funzione nelle isole umane è migliorata quando bioprinted con il bioink; inoltre, le isole umane hanno dimostrato una morfologia integra dopo la biostampa.

Ci sono altri progetti per Bioprint nello spazio lungo la strada, come nScrypt 3D BioFabrication Struttura s'(BFF) appresta a lanciare qualche volta quest’anno alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) a bordo di una missione cargo in partenza dalla Air Force Station di Cape Canaveral, Florida. La prima stampa completa, dopo le prove iniziali, sarà una patch cardiaca per cuori danneggiati . Mentre l’ Athlone Institute of Technology (AIT), sotto contratto con l’ Agenzia spaziale europea , creerà una nuova stampante 3D di grandi dimensioni in grado di fabbricare parti in un’atmosfera a gravità zero. L’hardware innovativo sarà utilizzato presso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) in connessione con un consorzio europeo noto come “Project Imperial” che comprende Sonaca Group , BEEVERYCREATIVE e OHB .

Quindi, perché tutti sono così ansiosi di inviare cellule staminali e bioprotetti nello spazio? Per esempio, la microgravità ha un effetto sulla salute degli astronauti e la ricerca sulle cellule staminali potrebbe far luce su ciò che gli effetti delle lunghe missioni nello spazio potrebbero causare al corpo umano. Nel 2013, le cellule staminali embrionali di topo sono state trasportate alla ISS per studiare l’impatto del volo spaziale a lungo termine sulla salute umana. Questo, come molti altri progetti, è sorto dopo precedenti studi che hanno trovato che astronauti e animali che ritornano dallo spazio hanno danni ai loro sistemi immunitari o riproduttivi, che potrebbero essere causati da microgravità, radiazioni o persino stress. Sembra che l’invio di cellule staminali nello spazio potrebbe non solo aiutare a mitigare alcuni di questi fattori, ma anche aiutare nello sviluppo di nuovi farmaci per combatterli.

Be the first to comment on "CELLINK e Uppsala University inviano cellule staminali stampate 3D nello spazio"

Leave a comment