Cellink BIO X la nuova biostampante per il bioprinting

Cellink BIO X, la ‘più user-friendly’ fra le bioprinter 3D

La società svedese di bioprinting Cellink ha appena annunciato la sua  più recente bioprinter 3D: la BIO X. La nuova  bioprinter 3D, che sarà in vendita a 39.000 dollari (costo che comprende i bioinks bioinchiostri , software, accessori e materiali di consumo), è progettata per una vasta gamma di livelli di esperienza, da parte di società , di enti e di ingegneri dei tessuti professionali che cercano di sperimentare con le tecnologie bioprinting. La BIO X può essere usato per la stampa di tessuti umani, organi, pelle, cartilagini e ossa.

Cellink, che lo scorso anno ha sviluppato i primi bioinks stampabili in 3D universali, è un player fondamentale nel rendere il bioprinting una tecnologia valida e anche commerciale. La BIO X segue i suoi altri due modelli bioprinter 3D, la INKredible e la INKredible +. Costruite con un computer interno M1, la BIO X è una bioprinter affidabile e user-friendly che offre alle aziende delle scienze della vita, ricercatori, e bioingegneri i mezzi per costruire tessuti umani in un ampia, praticamente illimitata varietà di strutture.

Secondo la società svedese, la nuova bioprinter 3D può accogliere e stampare una vasta gamma di biomateriali, compreso cuore, pelle, cartilagine, e  tessuti ossei. In termini di caratteristiche, la BIO X possiede, testine di stampa intelligenti intercambiabili dall’utente che sono in grado di raffreddare e riscaldare. Inoltre, gli utenti saranno in grado di scegliere tra una gamma di metodi di estrusione per ottimizzare i diversi bioinks e materiali di tessuto.

BIO X offre anche il controllo della temperatura del letto di stampa da parte degli utenti che, secondo Cellink, contribuisce anche ad aumentare il numero di biomateriali che possono essere stampati in 3D sulla macchina. La bioprinter 3D integra anche il brevetto di Cellink  Clean Camera,  tecnologia che utilizza un sistema di blocco del  particolato(HEPA) un filtro d’ aria ad alta efficienza.

Erik Gatenholm CEO di Cellink e co-fondatore  ha dichiarato a proposito  della nuova bioprinter: ” Aiutiamo i ricercatori in tutto l’intero processo ad adattarsi alle loro esigenze, di fornire la tecnologia più facile da usare per la progettazione di esperimenti, al fine di aiutarli a raggiungere i risultati che desiderano. La stampante BIO X rivoluzionerà il modo in cui si fa bioprinting ”

Attualmente, la tecnologia innovativa di bioprinting di  Cellink è già in uso in 28 paesi, ed è impiegata da università come il MIT o  Harvard, e dalla FDA , e da un certo numero di aziende cosmetiche riconosciute. L’azienda, che è stata ufficialmente fondata nel gennaio 2016, ha certamente fatto molta strada in breve tempo.

 

Be the first to comment on "Cellink BIO X la nuova biostampante per il bioprinting"

Leave a comment